L’orientamento delle file dell’orto

Alberto ci scrive una domanda molto interessante su un aspetto da tenere in considerazione quando si progetta l’orto…

Quando le distanze da osservare nelle semine e/o nei trapianti non siano uguali tra loro (es 50 cm tra file, 25 cm tra piantine), come è meglio orientare le file? In rete si trovano risposte differenti, tutte giustificate dalla necessità di massimizzare l’esposizione al sole, ma poi sono poco chiare e peggio descritte. Insomma: meglio Nord-Sud o Est-Ovest? E, se possibile, perche?

filariPer avere la migliore esposizione solare la cosa migliore è mettere le piante con file in direzione est-ovest. Questo perché il sole sorge a Est e va in direzione Ovest, si riesce così a evitare che le piante si facciano troppa ombra durante la giornata e la luce possa arrivare un po’ a tutte le foglie. Da noi “settentrionali” del mondo l’ombra cade anche leggermente a nord ma questo è costante mentre lo spostamento del sole fa variare l’ombra da est a ovest.

Se volete capire bene il perchè basta osservare dove finisce l’ombra nelle varie fasi della giornata: al mattino sorgendo il sole a est avremo ombra verso ovest (e leggermente nord), a mezzogiorno sarà verso nord, verso sera est e nord, visto che il sole tramonta a ovest.

Il fatto che l’ombra tenda anche verso nord è inevitabile (non siamo all’equatore), ma non si allunga mai verso nord quanto si allunga verso ovest (il mattino) e verso est (la sera), per questo è da preferirsi l’orientamento est – ovest per i nostri filari di piantine.

Ci sono anche piante che crescono bene in mezzombra, come il prezzemolo, per cui non è detto che massimizzare il sole sia sempre la soluzione migliore. In permacultura si diversifica l’esposizione solare con aiuole rialzate a cumulo che creano ombre e differenti esposizioni. Addirittura la forma dei bancali viene fatta a semicerchi o a spirale in modo da avere diverse microzone climatiche.

Nel pensare a come disporre le aiuole dell’orto tenete conto che ci sono numerose coltivazioni in cui l’orientamento per fila non è interessante: non ha senso parlare di orientamento quando si tiene una distanza tra le piante uguale o simile rispetto a quella tra le file (è il caso generalmente dei cavoli, di zucche e zucchine). Il verso delle file diventa poco significativo anche quando la pianta non ha un gran sviluppo vegetativo verticale (ad esempio carote, spinaci, rucola e cipolle). Se parliamo invece di piante che crescono verticalmente come le leguminose rampicanti, peperoni, melanzane o pomodori conviene invece progettare con cura l’orientamento delle aiuole nell’orto e solitamente metterle da est a ovest.

riga verde dei consigli

 

 

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *