Coltivare cime di rapa e friarielli

le cime di rapa in campoLe cime di rapa sono un ortaggio invernale molto interessante, adattabile e di semplice coltura, si tratta di una verdura tipicamente coltivata e cucinata al centro sud ma fattibile senza problemi anche negli orti dell’Italia settentrionale. Le infiorescenze più giovani, chiamate friarielli sono prelibato ingrediente tradizionale nella cucina romana e napoletana.

La pianta delle cime di rapa fa parte delle famiglie delle crucifere o brassicacee, la stessa di cavoli e broccoletti, raggiunge un’altezza di mezzo metro con foglie verde chiaro e fiori a grappolo di colore giallo. Si cucinano con le orecchiette o saltate in padella come contorno.

linea di erba

Il clima e il terreno per coltivare cime di rapa

Clima. Le cime di rapa non resistono molto al freddo, pur essendo un ortaggio a coltivazione invernale, le gelate possono danneggiare la pianta e per questo motivo al nord occorre scegliere varietà precoci, che vadano a raccolta prima dei mesi più freddi. Per germinare ha bisogno di caldo (25 gradi).

Terreno. Ortaggio senza grandi pretese in materia di terreno, non necessita interventi di concimazione importanti, anzi come molte verdure a foglia non vuole molto azoto che provoca l’accumulo di nitrati nocivi. Essendo una pianta autunnale richiede un terreno preparato con solerti vangature, in modo che sia ben drenante e la coltivazione non venga infastidita dalle piogge stagionali.

linea di erba

Semina e trapianto delle piantine

Seminare le cime di rapa. Questo ortaggio si semina a partire dai primi di luglio per un mese (nord Italia), al sud il periodo di coltivazione è decisamente più lungo, fino ai primi di ottobre. Si può mettere i semini in vasetti oppure direttamente a dimora nell’orto, i semi sono molto piccoli e tondi, spesso ne cade più di uno, basta poi diradare le piantine in eccesso.

Il trapianto. Se si semina in contenitori bisogna poi trapiantare le cime di rapa in pane di terra, generalmente si fa questa operazione a un mese dalla semina. Dopo aver trapiantato le piantine bisogna irrigare, continuando a bagnare anche nei giorni successivi.

linea di erba

Operazioni colturali e raccolta.

Coltivazione. I friarielli richiedono irrigazione, soprattutto se il terreno resta arido e secco. Le cime di rapa si possono pacciamare con paglia o con teli, se non lo si fa occorre tenere diserbato le infestanti, in caso di piogge autunnali forti consigliamo anche di zappettare il terreno, andando a evitare che si formi una crosta più dura in superficie. A livello di avversità le cime di rapa non hanno molti nemici, per cui generalmente non servono trattamenti con antiparassitari o altro.

Raccolta. Il ciclo colturale delle cime di rapa va dai due ai sei mesi, a seconda se si seminano varietà precoci o tardive, per motivi climatici le varietà tardive vanno coltivate esclusivamente al sud o comunque dove la temperatura è mite. L’infiorescenza si raccoglie a fiori ancora chiusi, questo è il momento di maggior qualità del prodotto, quando la verdura è più gustosa. Se si selezionano le infiorescenze più giovani si hanno i friarielli, verdura molto di moda in piatti meridionali davvero buoni e raffinati. Una volta tagliata l’infiorescenza la pianta riesce ancora a dar vita a getti minori, bisogna però tagliare a una spanna di altezza e non sotto. Le cime di rapa o i friarielli non durano a lungo, si cucinano in diversi modi.

linea di erba

Share

17 comments on “Coltivare cime di rapa e friarielli

    1. Ho sentito anche io che a Napoli ci sono peperoni chiamati peperoni friarielli, è un caso di omonimia vegetale 🙂

      1. Si è vero, ma i peperoni friggerelli (friarielli in dialetto) non si trovano solo in campania ma in varie parti di italia e sono quei peperoni piccoli verdi quelli che hanno la forma dei peperoncini

  1. NO a Napoli non ci sono peperoni chiamati friarielli
    I friarielli a Napoli sono una specie di cime di rapa ma tolti ancora giovani in modo che restino teneri per poi poterli friggere direttamente senza prima cuocerli in acqua in modo che rilasciano quel gusto amarognolo di una bontà eccezionale.
    Grazie di avermi dato la possibilità di partecipare
    Un saluto a tutti e grazie per il sito mi sta aiutando molto

    1. Ciao Giuseppe, grazie della precisazione.
      Pensa che altri lettori della Campania ci hanno parlato dei friarielli come varietà di peperoni… Probabilmente dipende dalle zone. Oltre alle punte tenere della cima di rapa i friarelli sarebbero anche quei peperoni chiamati anche friggitelli, detti anche “puparuoli friarelli” (fonte wikipedia). Comunque i friarielli più famosi sono certamente quelli di cui dici, devo passare per Napoli anche solo per assaggiare come li fate dalle vostre parti!

      1. Perdonami ma molto spesso si confonde Napoli
        (capoluogo di provincia)
        Con la Campania tutta, io mi sono permesso di specificare che a Napoli i friarielli sono friarielli solo perché io i friggitelli intesi come specie di peperone li ho sentiti per la prima volta a torino dove vivo
        a Napoli quel tipo di peperoni si chiamano puparulill e ciumm
        “peperoni di fiume” o puparulill american “peperoni Americani”
        Ringrazio tutti voi e vi auguro una buona Giornata

          1. Senza offesa, Amy, ma hai sempre sbagliato.
            Sono un produttore napoletano e a di lo vero è Giuseppe.

        1. concordo con Giuseppe, a Napoli i friarielli sono le, prime cime di rapa e non esistono friarielli peperoni – che al nord vengono confusi con “e puparulill do ciumm” vivo al nord da 35 anni e spesso faccio questa precisazione, probabilmente qualche campano ha diffuso questo – ma non certo di Napoli..

    2. Da Napoletano davvero non conosci i peperoni friarielli??? Sono quelli verdi, si chiamano anche quelli friarielli perché generalmente soli mangiano solo fritti

  2. Ho messo i friarielli ma a 20 cm hanno fatto i fiori. Crescono molto fragili si stanno allungando molto ma n
    Il gambo è sottilissimo e la pianta si allunga ma non irrobustisce. 😩😩aiuto

    1. non so dirti con precisione, sarebbe da vedere di persona… la pianta che si allunga e resta sottile può essere troppo poca esposizione solare. Non so poi se le hai piantate al momento giusto (quello dipende dalla varietà e dal clima, chiedi dove hai preso i semi) e se il terreno era troppo sfruttato e quindi povero di sostanze.

  3. nel salernitano una qualità di peperoni li chiamano friarielli e sono i peperoni del fiume (e puparunciell rò ciumm) nel napoletano e sono quelli venduti in bustine e sono verdi. invece i friariell a napoli e provincia è una verdura a foglie verdi . i friariell sono i friariell e bast perchè è una specialità casertana e vesuviana

  4. salve, io ho piantato le scima di rapa e dopo due settimane ho notato che non sono cresciute e sono tutte piene di bruchi e stanno diventando gialle le foglie cosa devo fare?? grazie..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *