Guida alla coltivazione degli spinaci

pianta di spinaciGli spinaci sono ortaggi estremamente interessanti da coltivare nell’orto, anche perchè crescono rapidamente e permettono di sfruttare l’orto in periodi meno favorevoli come l’autunno inoltrato. Il celebre cartone animato Braccio di ferro ha reso gli spinaci interessanti anche per i bambini, farsi aiutare dal simpatico marinaio può essere un modo divertente di far mangiare la verdura volentieri ai più piccoli.

Si tratta di una verdura davvero semplice da coltivare, non solo nell’orto domestico ma anche sul balcone in vaso. Dal punto di vista nutritivo è un ortaggio ricco, oltre al ferro che lo rende celebre fornisce anche un ottimo apporto di vitamine.

riga verde dei consigli

Scelta del terreno e semina

Terreno. Gli spinaci chiedono soltanto un terreno lavorato in modo che dreni l’acqua in eccesso, questo ortaggio non ha poi particolari altre richieste e può tranquilamente sfruttare la fertilità residua lasciate da altre coltivazioni concimate, predilige un ph sopra al 6,5. Attenzione a non usare molti concimi nitrici perché lo spinacio va poi ad accumularli nella foglia e diventa lievemente tossico. Le piantine di spinaci non hanno problemi anche a stare in aiuole piuttosto ombreggiate, anzi preferisce la mezzombra piuttosto che il sole estivo.

Clima. La coltivazione degli spinaci richiede un clima abbastanza fresco, per questo motivo è meglio coltivarlo in primavera oppure in autunno.

Periodo di semina. Gli spinaci si possono coltivare praticamente tutto l’anno. In genere si seminano in primavera (marzo/aprile) e poi a settembre per averli in autunno.

Sesto d’impianto. Le piante di spinaci dovrebbero stare a file distanti 40 cm tra loro, con piante ogni 15 cm. Essendo i semi piccolini conviene seminare a 5 cm e poi diradare le piante appena spuntate lasciando circa una piantina su tre. Il seme si mette a poca profondità, giusto 1 cm dal suolo.

riga verde dei consigli

La coltivazione degli spinaci

Avversità. Lo spinacio è una coltura semplice, si ammala di rado e chiede solo un terreno che dreni bene perché non incorra in malattie funginee come la peronospora (forma macchie giallo brune sulle foglie) o il marciume radicale. In caso di malattia crittogamica nell’orto biologico si può usare rame o poltiglia bordolese.

Consociazioni. Lo spinacio gode buon vicinato con molte verdure: ama in particolare verdure da foglia della famiglia delle composite (cicorie, radicchio, lattuga, riccia) oppure uno qualsiasi della famiglia dei cavoli.

Raccolta. Degli spinaci si mangiano le foglie, che si possono mangiare in qualsiasi momento. Le foglioline giovani sono più tenere, adatte anche a essere mangiate crude in insalata, mentre le foglie più sviluppate sono più produttive e si mangiano cotte in padella. Se vogliamo una buona produzione continua si tagliano le foglie più grandi  che crescono sui lati, lasciando il cespo centrale. Se si vole invece tagliare tutto il cespo si consiglia di tagliarlo un po’ alto, lasciano così alla pianta possibilità di ricacciare.

Varietà. Ci sono diverse varietà di spinaci, con un cultivar primaverile oppure autunnale. Noi ad esempio vi consigliamo:

  • Spinacio Matador. Varietà dalle foglie grandi e di color verde intenso. Produce molto ed è precoce, perfetta sia per la semina invernale che per quella estiva.
  • Spinacio Butterfly. Si tratta di uno spinacio dalle foglie lanceolate, resistente al freddo e dalla fioritura tardiva. Per queste caratteristiche è ottimo come spinacio da semina autunnale.
  • Spinacio Verdil. Anche questo spinacio non teme il gelo, cresce rapidamente e per questo va bene anche per la coltivazione invernale.
  • Spinacio gigante di inverno. Foglie scure, grandi e carnose, lisce. Si semina a ottobre per raccoglierlo in pieno inverno.

In cucina. Gli spinaci si possono mangiare crudi, in insalata (consigliamo di provarli con grana e pompelmo rosa), ma è più diffuso il consumo degli spinaci come verdura cotta. Si possono fare anche delle ottime torte salate, come la torta pasqualina, ed è classico l’abbinamento spinaci e ricotta per sughi e ripieni dei tortelli.

riga verde dei consigli

Sementi biologiche consigliate

Se volete coltivare nel vostro orto biologico gli spinaci sarà meglio che utilizziate sementi biologiche, noi vi consigliamo queste sementi che abbiamo già avuto modo di coltivare e danno ottimi risultati.

riga verde dei consigli

 

 

Share

One thought on “Guida alla coltivazione degli spinaci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *