Coltivare la bieta da coste nell’orto

coste nell'ortoLa bieta da coste è un ortaggio da foglia della famiglia delle chenopodiaceae, si tratta di una pianta orticola biennale che si coltiva come annuale. E’ un’ottima verdura da cucinare cotta, ricca di vitamine e di ferro, si coltiva facilmente nell’orto e si raccoglie tagliando le foglie.

Dopo averla seminata in primavera si possono continuare a raccoglier coste tutto l’anno, visto che la pianta ricaccia in continuazione. Le biete coltivate (beta vulgaris) sono solitamente a costa bianca (conosciute anche come costa d’argento) con foglie verdi, ma ci sono varietà anche a costa rossa come la bietola feurio (da non confondere con il rabarbaro a cui assomiglia un po’) e persino a costa gialla. Le bietole da coste sono strette parenti della barbabietola, ma non formano la radice alla base e si coltivano solamente per coste e foglie.

riga verde dei consigli

Seminare la bieta da coste nell’orto

Clima. Le biete sono piante che non amano gli eccessi, benissimo per loro un clima temperato, da evitare invece le gelate e se l’estate è troppo calda meglio ombreggiarle un po’ perchè potrebbero soffrire il calore.

Terreno e concime. Si tratta di ortaggi che producono in qualsiasi terreno, richiedono una buona presenza di sostanza organica e temono i ristagni idrici. Per la concimazione della bieta va bene una normale concimazione di fondo, essendo interessati alla parte verde della pianta molto bene una ricchezza di azoto.

Periodo di semina. Le coste si seminano tra marzo e agosto, si possono mettere in pieno campo visto che il seme è piuttosto grandino e robusto e si tratta di una semente facile a germinare. In genere emerge dopo una settimana / dieci giorni. Se si mette in semenzaio la costa si può piantare a febbraio per il trapianto a marzo (per il trapianto aspettare che le piante siano alte minimo 10 cm.

Come si semina. Il sesto di impianto delle coste è di 40/50 cm tra le file con piante distanti 25 cm l’una dall’altra. Il seme si interra a 2 o 3 cm di profondità.

riga verde dei consigli

Coltivazione delle coste.

Operazioni colturali. Come per molte piante da orto la bieta da costa deve esser sarchiata, da un lato serve ad eliminare le erbacce, dall’altro si ossigena il terreno e si evita che formi una crosta compatta. E’ possibile usare la tecnica della pacciamatura (con paglia o con telo) per evitare di dover fare questa operazione.

Annaffiature. Le coste chiedono un buon apporto idrico, serve irrigare costantemente per ottenere coste carnose e foglie ben sviluppate. Il criterio da tenere è di cercare di bagnare spesso e poco, evitando di farlo nelle ore più calde e assolate.

Parassiti e malattie. le coste possono essere attaccate dalle lumache che ne divorano le foglie rovinandone l’aspetto. Temono anche il grillo talpa, l’altica, le nottue e gli acari. Si tratta di una coltura non molto soggetta a malattie, possono tuttavia presentarsi malattie crittogame come marciume e ruggine. In orticoltura biologica si può intervenire solo con il rame.

Raccolta delle coste. Le biete si raccolgono staccando le foglie più esterne (per un consumo più frequente e scalare) o tagliando tutta la pianta sopra il colletto se si vuole cogliere tutto (occorrerà poi aspettare più tempo). Essendo un ortaggio che continua a ricacciare è ottimale negli orti domestici e si può coltivare facilmente anche sul balcone.

riga verde dei consigli

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *