Il sedano rapa

sedano rapa nell'ortoIl sedano rapa è una varietà di sedano interessante perchè si consuma anche e soprattutto la sua radice che si mangia cruda in insalata oppure cotta ed è molto saporita. Il gusto ricorda la nocciola, pur mantenendo l’aroma caratteristico del sedano.

Proprio come il sedano è una pianta dal ciclo colturale molto lungo, per evitare di tenere impegnato l’orto per mesi e mesi è opportuno quindi coltivarlo inizialmente in semenzaio usando dei vasetti e solo dopo un paio di mesi procedere al trapianto.

La coltivazione del sedano rapa è in tutto e per tutto simile a quella del sedano a coste, consigliamo quindi di leggersi la nostra guida alla coltivazione del sedano per capire quali cure e quali avversità interessano questo ortaggio. Come tutti i sedani si semina tra febbraio e maggio, la raccolta del sedano rapa avviene a partire da ottobre.

La peculiarità del sedano rapa è che avendo una radice piuttosto ingombrante è meglio tenere distanze leggermente maggiori e mettere le piantine ad almeno 30 cm l’una dall’altra. Al momento della raccolta si può tenere presente che il sedano rapa può stare nel terreno più a lungo rispetto al sedano da coste, senza rischiare che indurisca o secchi, aspettando anzi migliora il sapore, in particolare le prime gelate ne arricchiscono l’aroma. Siccome si conserva bene il sedano rapa è un ottimo ortaggio invernale.

Il sedano rapa si può mangiare crudo affettandolo sottile o grattuggiandolo nelle insalate, è ottimo anche in insalata di pollo con striscette di pollo e maionese. In alternativa la radice del sedano rapa si consuma anche come verdura cotta, bollita o saltata in padella.

Ci sono diverse varietà di sedano rapa, le più note sono il sedano rapa di Verona, il gigante di Praga, il Marble Ball, il sedano alabastro, lo snow white e il Balder.

riga verde dei consigli

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *