Giochi agricoli: la fattoria Duplo della Lego

L’agricoltura è una tematica che affascina i bambini fin da piccoli: basta vedere quanti libri e giochi per la prima infanzia sono ispirati alla fattoria. La prima simpatia scatta grazie agli animali da allevamento: maialini, mucche e tutta la compagnia sono compagni di gioco divertenti, imparare i loro versi è una delle prime attività ludiche che vengono proposte ai bambini.

Se questa sana passione per il mondo contadino viene coltivata (parola decisamente appropriata al contesto!) dai genitori può trasmettere dei valori molto positivi. L’orto e il rapporto con gli animali sono due attività con un altissimo valore dal punto di vista educativo ed emozionale. In particolare nella nostra società moderna e urbanizzata è prezioso per i bimbi poter scoprire fin da piccoli un rapporto con l’agricoltura: aiuta a imparare il rispetto per l’ambiente e una curiosità verso la natura e tutti i suoi processi.

Tutta questa introduzione per spiegarvi come mai mi piace inserire nel blog qualche segnalazione di giochi “agricoli”, anche rivolti ai bambini più piccoli. Questa volta in particolare vi parlo della grande fattoria della Duplo.

la fattoria duplo

Per prima cosa si tratta di un gioco Lego, nome leggendario per ogni generazione: conoscerete tutti il sistema di mattoncini che permette di creare ambienti e costruzioni. Non serve neppure specificarlo: l’incastro dei pezzi è perfetto, con un attacco solido garantisce la possibilità di costruire torri ardite, alte quanto i bimbi. Allo stesso tempo i pezzi si staccano semplicemente, per cui il gioco è alla portata anche dei più piccoli, che riescono anche da soli a disfare e ricostruire. Essendo la serie Duplo pensata per bimbi dai due anni in poi ha pezzi di grande dimensione, in modo da ridurre rischi di soffocamento.

Il set dedicato alla fattoria proposto dalla Lego permette di costruire una variopinta azienda agricola, inclusa di due personaggi, trattore e animali. I colori sono molto belli, vivaci e allegri. Come da tradizione Lego è centrale la componibilità: il set contiene complessivamente molti pezzi, per cui si possono dare vita a infinite composizioni, stimolando creatività e fantasia. Ci sono delle proposte con relative istruzioni, ma genitori e figli sono poi liberi di spaziare con la fantasia inventando fattorie sempre nuove.

Al gioco ho solo due appunti da fare: il primo è la mancanza di una protagonista femminile, sarebbe utile per uscire dallo stereotipo di agricoltura come ambiente maschile e dare un riferimento anche alle bimbe. Seconda pecca secondo me è la presenza di pochi animali: ci sono mucca, vitello, gallina, gatto e cavallo. Non sarebbe stato male aggiungere qualche elemento in più, come un maiale e una capretta. D’altra parte nel complesso i pezzi della confezione sono numerosi e capisco che l’attenzione sia focalizzata più sul mattoncino, vera peculiarità Duplo.

Un enorme pregio dei Lego è che esercitano fascino anche sull’adulto: mamme e papà si improvvisano architetti e tornano bambini, cosa che non succede facilmente con altri giochi. Costruire insieme è una splendida attività da fare con i figli. E’ ancora più bello se il set Duplo si accompagna alla visita di una fattoria vera e propria, le fattorie didattiche ora sono numerose e si possono trovare praticamente in ogni zona. In questo modo il bambino può vedere dal vivo gli animali e l’ambiente agricolo, che poi farà rivivere a casa nel gioco.

E tu cosa ne pensi? Lascia un commento. Condividi la tua esperienza oppure chiedi un consiglio.

Per restare in contatto puoi iscriverti alla newsletter o seguire la pagina facebook.

2017-11-16T14:43:05+00:00 Categorie: Biblioteca dell'orto, Svago|Tag: , , |

Scrivi un commento