La farina di sangue come concime

sangue di bueEcco un concime organico di provenienza un po’ sinistra e certamente non adatto a vegani e vegetariani: la farina di sangue. Il sangue, soprattutto bovino,  proviene dalla macellazione degli animali da allevamento  ed è una materia ricchissima di azoto: si parla del 15% di quantità, per questo è un fertilizzante ottimo. Oltre all’azoto si apporta ferro, utile alle piante, e carbonio, sempre buono come apporto di sostanza organica, utile ammendante per la terra dell’orto.

Il difetto di questo prodotto, completamente organico e consentito in agricoltura biologica, è l’odore pungente e persistente che non lo rende ideale per l’orto urbano o domestico. Inoltre molte persone per sensibilità etica non usano questo concime per via della sua provenienza animale, come per la farina di ossa.

Il bello della farina di sangue è che è un concime a lento rilascio, copre tutto il ciclo vegetativo della pianta e non occorre quindi concimare a più riprese, non viene poi dilavato dalle piogge come succede spesso ai concimi ricavati da escrementi pellettati. In commercio si trova questo concime in polvere, il sangue del macello viene essiccato e sterilizzato,

La farina di sangue va usata nell’orto quando si prepara il terreno, mischiandola al momento della vangatura. Per via del lento rilascio delle sostanze una volta sparso il fertilizzante in fase di lavorazione del terreno non servono poi altre lavorazioni.

riga verde dei consigli

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *