Costruire una recinzione per l’allevamento di chiocciole

chiocciole nella reteLe chiocciole sono notoriamente animali lenti ma sono anche curiose e testarde: per quanto un muro sia alto loro cercheranno di scalarlo, per quanto un recinto di allevamento sia grande loro proveranno ad uscire. Visto che le lumache camminano su pareti verticali meglio dell’uomo ragno e cercano continuamente di scappare dalla loro vasca è opportuno sapere come fare a contenerle installando le giuste reti per l’elicicoltura.

La recinzione ha un duplice obiettivo: da un lato non far disperdere le chiocciole e tenerle all’interno dell’area di allevamento, dall’altro proteggere le lumache dai raggi ultravioletti, per questo un ottimo materiale è il polietilene HDPE.

Molto spesso, visto che la vita delle chiocciole si svolge prettamente dal tramonto all’alba, capita al mattino di trovarle a riposare sulla rete perimetrale invece che in mezzo alla vegetazione, per questo motivo è di fondamentale importanza che la rete sia innanzi tutto originale e soprattutto anti raggi ultravioletti.

La rete HDPE non protegge le lumache dai predatori, ha una semplice funzione anti fuga e ombreggiante. Per proteggere l’allevamento dai predatori (topi, rettili e simili) occorre predisporre anche una recinzione perimetrale dell’appezzamento, realizzata con lamiera. Una recinzione in grado di tenere lontani ratti, arvicole, talpe e serpenti deve essere interrata almeno 30 centimetri e avere i pali di sostegno nel lato interno del recinto. Se si lasciano i pali all’esterno topi o rettili possono riuscire a scavalcarli salendo sul palo, allo stesso modo la profondità a cui è interrata è importante per proteggere le chiocciole da predatori come talpe e arvicole, in grado di scavare.

Dimensioni dell’area da recintare. L’allevamento di chiocciole all’aperto non ha per forza di cose una dimensione fissa, visto che le lumache si adattano a tutti gli spazi e ovviamente le misure dipendono dal numero di esemplari che si vogliono tenere. Tuttavia per comodità conviene progettare recinti stretti e lunghi, generalmente si considerano 4 metri di larghezza e poi si sviluppa per lungo. In questo modo è semplice tenere d’occhio le chiocciole senza dover necessariamente entrare all’interno delle reti.

Altezza e dimensioni della palizzata. Il recinto per contenere le lumache si costruisce con questi criteri:

  • Parte interrata di almeno 10 cm.
  • Altezza almeno 80/100 cm.
  • Sporgenza verso l’interno per almeno 20/30 cm, questa balza antifuga serve a non far scappare le chiocciole.
  • In alcuni casi viene realizzata una recinzione a doppia balza antifuga per ostacolare maggiormente le lumache nell’uscita.

Materiali da utilizzare per il recinto.

  • Pali. Vanno bene pali in legno, il legno è comodo per ancorare la rete al meglio e per questo è il più utilizzato dagli allevatori di chiocciole. Sono da preferirsi i pali in legno rispetto a quelli in ferro, perché il metallo in estate si infuoca e molte chiocciole che spesso rimangono sui pali a riposare morirebbero bruciate.
  • Rete. La rete per l’elicicoltura deve essere molto resistente e con maglia decisamente fine, anche perché tra i più pericolosi predatori di lumache ci sono roditori in grado di spezzare morsicando le recinzioni normali. Il materiale più spesso proposto è polietilene HDPE che ombreggia proteggendo dai raggi UV.

L’esperienza insegna che reti al 100% antifuga non esistono, nonostante la balza alcune lumache caparbiamente riescono in qualche modo a uscire sempre. Anche le talpe a dispetto delle recinzioni interrate a volte penetrano all’interno. Per questo motivo è fondamentale che l’elicicoltore non dorma mai sonni tranquilli e controlli spesso il suo allevamento.

Dove comprare le reti per allevare lumache

rete hdpeSe si vuole costruire un recinto adatto all’elicicoltura occorre scegliere il materiale adatto, sia per la maglia fine che per la resistenza, la rete deve essere inoltre protettiva dai raggi solari. Per questo conviene rivolgersi a specialisti in elicicoltura piuttosto che comprare in un ferramenta un materiale non idoneo.

Consiglio di contattare l’azienda La Lumaca di Ambra Cantoni, che può fornire reti adatte ad allevare lumache, oltre a consigliarvi al meglio su come impostare l’attività. Non si tratta di una semplice raccomandazione pubblicitaria: l’azienda ha messo a disposizione di Orto Da Coltivare la sua esperienza ventennale nell’elicicoltura e gli articoli che spiegano come allevare sono scritti grazie alla loro consulenza. Potete richiedere le reti a info@lalumacaweb.it oppure telefonando a 338.3757107 o 349.5243403, dite pure che avete trovato il contatto su Orto Da Coltivare.

L’articolo ti è piaciuto? Lascia un commento. Puoi scrivere la tua opinione, aggiungere un consiglio o fare una domanda.

Puoi continuare a seguire Orto Da Coltivare iscrivendoti alla newsletter o mettendo “mi piace” alla pagina Facebook o Instagram.

allevare chiocciole
2018-03-14T10:10:39+00:00Categorie: Elicicoltura|Tag: , , , |

5 Comments

  1. angela 17 settembre 2017 al 19:40 - Rispondi

    Devo fare un piccolo recinto di lumache e voglio un vostro consiglio. Come devo fare?

    • Matteo Cereda 18 settembre 2017 al 7:16 - Rispondi

      Ciao Angela, devi fare un recinto perimetrale interrato e con lamiera per tener lontani roditori e altri predatori, metti i pali all’interno. Poi devi fare una recinzione con balza interna per tener dentro le lumache, importante che sia una rete apposita che protegga dai raggi UV. Ti consiglio di rivolgerti all’azienda La Lumaca di Ambra Cantoni, possono certamente consigliarti al meglio su come fare e sui materiali.

  2. giuseppe 25 settembre 2018 al 18:26 - Rispondi

    molto interessante bravi

  3. Maria 16 ottobre 2018 al 21:50 - Rispondi

    Vorrei sapere con un terreno di casa di 100mq ,quante file x allevamento di lumache si potrebbero fare?

    • Matteo Cereda 16 ottobre 2018 al 21:56 - Rispondi

      Il recinto base dovrebbe essere largo 4 metri, tra un recinto e l’altro ovviamente bisogna lasciare un buon passaggio, il numero di file dipende dalla larghezza del terreno, impossibile definirlo sapendo solo la superficie in metri quadri, comunque con un metro puoi farti un’idea direttamente sul posto.

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.