Cipolline in agrodolce

Ottime da servire come aperitivo o per accompagnare un secondo, le cipolline in agrodolce possono essere preparate al momento oppure preparate in conserva per averle a disposizione tutte le volte che si desidera. Sono un grande classico degli ortaggi in barattolo e si abbinano alla perfezione a un bel tagliere di salumi o formaggi.

Per preparare le cipolline in agrodolce bastano pochissimi ingredienti: cipolline fresche e sode, senza ammaccature; un buon aceto al 6% di acidità; zucchero a piacere; acqua e, se graditi, aromi. Una volta pronte possono essere conservate per qualche mese in dispensa, riponendole in frigorifero qualche ora prima di gustarle.

Se con le cipolle di Tropea si può preparare l’ottima marmellata di cipolle rosse di cui abbiamo già parlato la ricetta dell’agrodolce in barattolo si presta soprattutto con le cipolline bianche di piccola pezzatura.

cipolline in conserva

Tempo di preparazione: 10 minuti + tempo di pastorizzazione

Ingredienti per 3 barattoli da 250 ml:

  • 400 g di cipolline pelate
  • 400 ml di aceto di vino bianco (acidità 6%)
  • 300 ml di acqua
  • 90 g di zucchero bianco
  • grani di pepe a piacere
  • sale q.b.

Stagionalità: ricette estive

Piatto: conserva vegetariana

Come si preparano le cipolline in agrodolce

Prima di cominciare a preparare la ricetta è bene ricordare che le conserve vanno fatte in modo sicuro. In questo caso l’acidità dovuta all’aceto permette di evitare rischi di botulino, a patto di attenersi alle dosi. Per chi non ha esperienza meglio dare una lettura all’articolo su come fare conserve sicure, e magari anche alle linee guide del ministero della Salute, che vi trovate citate.

Per fare queste buonissime cipolline sotto aceto si comincia lavando bene le cipolline, per poi tenerle da parte e fare lo sciroppo di conserva agrodolce. Il liquido si prepara mettendo lo zucchero, l’acqua e l’aceto in un pentolino e portando a bollore mescolando fino a che lo zucchero si sarà completamente sciolto. Salate e sbollentate le cipolline per 2 minuti quindi scolatele e dividetele nei barattoli sterilizzati.

Fate raffreddare completamente lo sciroppo dove avete cotto le cipolline e usatelo per riempire i vasetti già sterilizzati, lasciando un centimetro dal bordo. Inserite un distanziatore sterilizzato e chiudete i barattoli.

Procedete alla pastorizzazione per 20 minuti, una volta freddi, controllate che si sia formato il sottovuoto. La ricetta è finita, riponete a questo punto in dispensa le cipolline in agrodolce, che saranno in vaso pronte all’uso.

Varianti a questa ricetta

Le cipolline in agrodolce possono essere personalizzate con aromi, usando nella ricetta lo zucchero di canna o adattando il grado di dolcezza e acidità ai propri gusti.

  • Zucchero di canna. Potete sostituire completamente o in parte lo zucchero bianco con zucchero di canna per dare alle vostre cipolline in agrodolce una nota più particolare.
  • Aromi. Provate ad aromatizzare lo sciroppo agrodolce con una foglia di alloro o con un rametto di rosmarino.
  • Grado di acidità e dolcezza. Potete equilibrare l’acidità e la dolcezza delle cipolline secondo i vostri gusti, aumentando o riducendo la dose di zucchero e di aceto. Ricordate solo che l’aceto non deve mai essere inferiore all’acqua, per evitare il rischio che la conserva sia poco sicura.

Ricetta di Fabio e Claudia (Stagioni nel piatto)

Stagioni nel piatto

Ti è piaciuta la ricetta? Lascia un commento. Se hai qualche variante da consigliare, una domanda o una tua esperienza su questa delizia scrivicelo.

Per restare in contatto puoi iscriverti alla newsletter o seguire la pagina facebook o Instagram.

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.