Gli afidi e l’inerbimento controllato

Le vostre domande

domanda sulle erbacce
Leggi altre risposte

Salve, volevo sapere se come rimedio contro afidi e pidocchi si poteva ricorrere all’inerbimento controllato attorno alla pianta.

(Alessandro)

Ciao Alessandro

L’inerbimento controllato intorno alle piante è una tecnica in uso in diverse coltivazioni biologiche. Ha diversi vantaggi, ad esempio funge da pacciamatura naturale e rende il suolo permeabile, pur senza lavorazioni. Ovviamente non basta lasciar crescere le erbe infestanti, ma deve essere controllato, lasciando crescere “erbacce” poco competitive e con radici poco profonde, perché non vadano a soffocare la pianta.

Io non ho sperimentato molto questa tecnica, quindi Alessandro prendi con le pinze la risposta che ti darò, fondata su ipotesi e teoria piuttosto che su prove pratiche in campo.

Dal punto di vista della prevenzione dai parassiti a mio giudizio la tecnica dell’inerbimento non è inutile ma è senza dubbio poco efficace. Sicuramente avere più specie vegetali in campo significa un aumento della biodiversità, che ha un effetto positivo sull’ecosistema. Questo riduce i danni da parassiti in modo indiretto. Infatti nella monocoltura un parassita è libero di proliferare, mentre l’inerbimento è habitat per una grande varietà di insetti e microrganismi, che competono l’uno con l’altro.

Favorire la biodiversità significa predisporre un ambiente sano per le nostre coltivazioni biologiche, quindi è senza dubbio un bene, ma non credo proprio impedisca attacchi di afidi alle piante, per questo non lo definirei un rimedio.




Risposta precedente
Fai una domanda
Risposta successiva



Le informazioni ti sono state utili? Puoi seguire Orto Da Coltivare iscrivendoti alla newsletter o mettendo “mi piace” alla pagina facebook.

2017-08-23T10:48:28+00:00 Categorie: Domande e risposte|Tag: , , |

Scrivi un commento