Gli afidi e l’inerbimento controllato

Le vostre domande

domanda sulle erbacce
Leggi altre risposte

Salve, volevo sapere se come rimedio contro afidi e pidocchi si poteva ricorrere all’inerbimento controllato attorno alla pianta.

(Alessandro)

Ciao Alessandro

L’inerbimento controllato intorno alle piante è una tecnica in uso in diverse coltivazioni biologiche. Ha diversi vantaggi, ad esempio funge da pacciamatura naturale e rende il suolo permeabile, pur senza lavorazioni. Ovviamente non basta lasciar crescere le erbe infestanti, ma deve essere controllato, lasciando crescere “erbacce” poco competitive e con radici poco profonde, perché non vadano a soffocare la pianta.

Io non ho sperimentato molto questa tecnica, quindi Alessandro prendi con le pinze la risposta che ti darò, fondata su ipotesi e teoria piuttosto che su prove pratiche in campo.

Dal punto di vista della prevenzione dai parassiti a mio giudizio la tecnica dell’inerbimento non è inutile ma è senza dubbio poco efficace. Sicuramente avere più specie vegetali in campo significa un aumento della biodiversità, che ha un effetto positivo sull’ecosistema. Questo riduce i danni da parassiti in modo indiretto. Infatti nella monocoltura un parassita è libero di proliferare, mentre l’inerbimento è habitat per una grande varietà di insetti e microrganismi, che competono l’uno con l’altro.

Favorire la biodiversità significa predisporre un ambiente sano per le nostre coltivazioni biologiche, quindi è senza dubbio un bene, ma non credo proprio impedisca attacchi di afidi alle piante, per questo non lo definirei un rimedio.

Risposta precedente
Fai una domanda
Risposta successiva

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento. Per restare in contatto puoi iscriverti alla newsletter o seguire la pagina facebook.

2017-08-23T10:48:28+00:00 Categorie: Domande e risposte|Tag: , , |

Scrivi un commento