Vellutata di carciofi

La vellutata di carciofi è un primo piatto semplice e dal gusto delicato, ideale per le fresche sere primaverili. Si tratta di una ricetta di facile realizzazione che consente di sfruttare anche le parti meno nobili dei carciofi, come ad esempio i gambi, riducendo quindi lo spreco in cucina.

Dato il suo sapore molto particolare e raffinato, per gustare al meglio il carciofo è importante cucinarlo nel modo più semplice possibile: uno spicchio d’aglio, qualche foglia di basilico e un mazzetto di prezzemolo. Tre aromi semplici che potrete certamente raccogliere nel vostro orto, sono tutto quel che serve per regalare a questa vellutata un gusto equilibrato e un profumo davvero unico.

Se avete abbondanza di carciofi, potete preparare questa vellutata in gran quantità e congelarla per averla a disposizione quando più ne avrete voglia.

ricette dell'orto

Tempo di preparazione: 45 minuti

Ingredienti per 4 persone:

  • 250 g di patate
  • 4 carciofi (400 g parte edibile)
  • 1 spicchio di aglio
  • 1,2 l di acqua
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • qualche foglia di basilico
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • sale e pepe q.b.

Stagionalità: ricette primaverili

Piatto: vellutate, primi piatti caldi, primo vegetariano e vegano

Come si prepara la vellutata di carciofi

Il primo passaggio della ricetta è la pulizia dei carciofi, prima di farlo preparate una bacinella con acqua e qualche goccia di succo di limone: servirà per tenere a mollo i carciofi mano a mano che li pulite, evitando che anneriscano.

Pulite i carciofi eliminando le foglie più esterne e coriacee e la parte del gambo più filamentosa, pelando quella iniziale più tenera che può essere consumata tranquillamente. Dividete ogni carciofo in quattro spicchi ed eliminate la barba interna. Mettete a mollo i carciofi puliti nell’acqua acidula.

Dopo aver preparato i carciofi pelate anche le patate e tagliatele a pezzi grossolanamente. Le patate sono importanti per conferire alla vellutata di carciofi la giusta consistenza.

In una casseruola capiente mettete l’olio insieme allo spicchio di aglio pelato e privato del germe interno. Fate rosolare per 2-3 minuti quindi unite i carciofi e le patate e insaporite cuocendo per altri 4 minuti. Aggiungete l’acqua e coprite con un coperchio portando a bollore.

Salate moderatamente e fate cuocere la futura vellutata per 30 minuti, valutando la cottura con una forchetta. Appena le verdure saranno cotte spegnete il fuoco e togliete un po’ dell’acqua di cottura tenendola da parte. Unite il basilico e il prezzemolo e frullate molto bene con un frullatore a immersione fino a ottenere una crema liscia. Regolate di sale e pepe a piacere.

Se la crema risultasse troppo densa, usate l’acqua di cottura messa da parte per dare alla vellutata di carciofi la densità che gradite.

Varianti alla ricetta

Cercare nuove varianti alle ricette permette di scoprire gusti nuovi e variare la propria alimentazione. La vellutata di carciofi può essere personalizzata aggiungendo spezie per dare un gusto più originale e particolare, oppure può essere servita con croccanti crostini fatti in casa.

  • Curcuma o mandorle. Potete rendere questa vellutata di carciofi più particolare aggiungendo un cucchiaino di curcuma in polvere dopo aver frullato tutto, oppure aggiungendo qualche mandorla tostata a lamelle.
  • Con crostini tostati. Servite la vellutata accompagnandola con dei crostini di pane preparati in casa: tagliate il pane a cubetti e cospargetelo con un filo di olio extravergine, sale e pepe; cuoceteli 10 minuti a 180° C o saltateli in padella qualche minuto.

Ricetta di Fabio e Claudia (Stagioni nel piatto)

Stagioni nel piatto

Leggi tutte le ricette con le verdure di Orto Da Coltivare.

Ti è piaciuta la ricetta? Lascia un commento. Se hai qualche variante da consigliare, una domanda o una tua esperienza su questa delizia scrivicelo.

Per restare in contatto puoi iscriverti alla newsletter o seguire la pagina facebook o Instagram.

2019-01-22T17:35:03+02:00

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.