Oidio o mal bianco delle zucchine

oidio sulla foglia di zucchinaL’oidio è un fungo parassita che attacca diverse piante dell’orto, soprattuto le cucurbitacee (zucca, zucchina, cetriolo,…). In particolare questa malattia crittogamica è fastidiosa sulle piante di zucchina e di zucca. Il fungo è conosciuto anche come mal bianco perchè si manifesta con un imbianchimento sulla superficie delle foglie, è caratteristico e semplicissimo da riconoscere.

Come tutte le malattie funginee anche l’oidio si propaga tramite spore, che possono essere portate anche dal vento. Le condizioni predilette dal mal bianco per manifestarsi sono una temperatura moderata (tra i 20 ed i 25 gradi e l’umidità).

riga verde dei consigli

Come prevenire il mal bianco

Il primo consiglio è di evitare di piantare le piante troppo vicine. Le zucchine devono avere almeno un metro di distanza tra ogni pianta, le zucche anche di più. Se le piante sono ben distanziate ci sarà una buona circolazione d’aria, evitando il sorgere del mal bianco e rendendo più difficile la diffusione della malattia. Sempre per mantenere aerazione tra le piante si può diradare con qualche potature.

Un altra precauzione essenziale per evitare l’oidio è di ruotare le colture, evitando di tornare con zucche o zucchine sulla stessa aiuola dell’orto per almeno 3 anni.

Si dovrebbe poi evitare di innaffiare nelle ore in cui la temperatura è vicina a quella più favorevole al fungo (22 gradi), se possibile evitando di bagnare sulla foglia.

riga verde dei consigli

Come intervenire sulle piante malate

L’oidio è un fungo molto resistente e difficile da debellare. In agricoltura biologica non ci sono prodotti che possono curare l’oidio sanando la parte colpita pianta, ma si può arrestare l’infezione. Molto importante è tenere d’occhio costantemente le piante e intervenire tempestivamente prima che il fungo si espanda a dismisura danneggiando tutta la coltivazione.

Per fermare il fungo occorre rimuovere tutte le parti malate della pianta (avendo cura di eliminarle e non metterle a compostare e non lasciarle sul terreno) e poi effettuare un trattamento per proteggere le parti sane. Se la pianta è molto malata tanto vale sradicarla interamente.

Come trattamento anti oidio si può usare lo zolfo, ricordandosi che sono da tenere 7 giorni di carenza tra il trattamento e la raccolta. Il trattamento a base di zolfo è inefficace se la temperatura è sotto i 15 gradi e nocivo per la pianta oltre i 30 gradi, attenzione quindi a effettuarlo al momento giusto. Lo zolfo è consentito in agricoltura biologica. In alternativa usate il decotto di equiseto.

Oltre allo zolfo ci sono anche rimedi naturali per combattere il mal bianco delle zucchine, meno efficaci ma anche più economici e semplici: si può usare aceto (un cucchiaio ogni litro d’acqua) o il bicarbonato (1 cucchiaio in un litro e mezzo). Sembra che anche l’acqua ossigenata sia utile a contrastare la malattia sulle piante delle zucchine.

riga verde dei consigli

pianta malata di oidio

riga verde dei consigli

Share

6 comments on “Oidio o mal bianco delle zucchine

    1. Salve Massimo. Tutte le mie zucche sono infestate di oidio e non mi va di sradicarle. Virrei provare con l’olio di Neem. Dove lo trovo. Va dato assoluto oppure diluito?
      Grazie.

    1. Ciao Nella l’oidio non è una malattia del corpo umano ma delle piante, se togli le parti colpite dalle macchie bianche mangia tranquillamente le tue verdure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *