fagiloliniLa pianta del fagiolo è la specie Phaseolus vulgaris, ne fanno parte tante varietà apprezzate nell’orto, sia di fagioli da sgranare, quelli che poi anche in cucina chiamiamo fagioli, sia di “mangiatutto, quelli in cui si consuma anche il baccello e come verdura vengono chiamati fagiolini.

Fagioli e fagiolini possono essere colpiti da malattie ed insetti nocivi comuni. In questo articolo andiamo ad approfondire proprio il riconoscimento dei parassiti che possono danneggiare queste coltivazioni e la difesa eco-compatibile, offrendo suggerimenti per preservare il raccolto senza inquinare, né recare danno agli organismi innocui. Può essere utile la lettura anche dell’articolo dedicato alle malattie di fagioli e fagiolini, che elenca invece le principali avversità a livello di patologie.

Per difendere le piante da orto dagli insetti dannosi, come afidi o tonchio, la prevenzione gioca un ruolo fondamentale, ma a causa dei cambiamenti climatici e degli insetti “esotici” che si stanno diffondendo nei nostri territori, è difficile poter stare tranquilli. In questo contesto è utile imparare a conoscere le problematiche più frequenti e sapere come intervenire nella coltivazione biologica, dove necessario con trattamenti antiparassitari di origine naturale.

Prevenire la presenza di parassiti

Le strategie migliori per una coltivazione di fagioli sana che riduca l’impatto degli insetti dannosi possono essere così riassunte:

  • Rispetto delle rotazioni, pratica che vale sia in una coltivazione professionale estesa sia in un piccolo orto, e consiste nell’alternare specie diverse negli spazi, secondo vari criteri. Uno dei più validi è basato sulla conoscenza delle famiglie botaniche degli ortaggi e consiste nell’alternare sul terreno specie di famiglie diverse. Ciò significa che per 2-3 cicli colturali nessuna specie della famiglia dei fagioli, ovvero le leguminose, deve tornare sulla stessa parcella di terreno, perché hanno parassiti e malattie comuni.
Scopri di più

Classificazione delle piante da orto. Scopriamo la divisione in famiglie botaniche delle piante orticole, utilissima nella progettazione dell’orto.

Scopri di più
  • Evitare di concimare troppo. Fagioli e fagiolini sono leguminose azotofissatrici, ma sicuramente richiedono apporti di fosforo, potassio ed altri elementi, che di norma in un orto biologico vengono forniti con stallatico, compost e altri fertilizzanti di origine naturale. Anche con questi prodotti bisogna rispettare le dosi, e non esagerare, perché piante concimate troppo risultano più suscettibili agli attacchi di certi insetti.
  • Togliere dal terreno i residui delle colture a fine ciclo, per evitare di fornire cibo per l’inverno alle forme svernanti degli insetti dannosi. È meglio portare tutto sul mucchio del compost, dove si decompongono bene.
  • Irrorare sulle piante dei preparati fai da te ad azione repellente: estratto di ortica, decotto di aglio o di peperoncino piccante. Questi hanno una funzione soprattutto preventiva, quindi conviene spruzzarli fin dalle prime fasi della coltura.
Scopri di più

Preparati vegetali per l’orto. Impariamo come produrre macerati e decotti vegetali, rimedi utilissimi per la coltivazione biologica.

Scopri di più

Principali parassiti di fagiolo e fagiolino

Vediamo adesso quali sono i più probabili insetti parassiti che possono colpire le piante e i baccelli del fagiolo e del fagiolino, e con quali rimedi biologici possiamo tenerli sotto controllo, salvaguardando il nostro orto con sistemi ecologici.

Afidi del fagiolo

afidi sui fagioli

Afidi sul fagiolo e coccinella, predatore naturale. Foto di Sara Petrucci.

Gli afidi sono un problema molto frequente nei fagioli e nei fagiolini. Possiamo trovarli negli steli e nelle foglie, dove formano fitte colonie che succhiano la linfa ai tessuti vegetali ed emettono melata, sostanza molto gradita alle formiche, appiccicosa e fastidiosa al momento della raccolta. Per questo dove ci sono gli afidi ci sono spesso anche formiche, ma il vero problema per la pianta non è causato da queste ultime.

Come conseguenza alla suzione della linfa da parte degli afidi, le foglie e gli steli a lungo andare assumono un aspetto accartocciato e deforme, e anche i baccelli si imbrattano. Un’altra conseguenza da non sottovalutare è la possibile trasmissione di malattie virali, che risulta incurabile, e che quindi va prevenuta.

Conviene intervenire per tempo e debellare gli afidi mediante sapone di Marsiglia o sapone molle di potassio, disciolti in acqua, da irrorare sulle piante colpite nelle ore fresche della giornata.

Bisogna tenere presente che gli afidi per fortuna sono predati da vari antagonisti, il cui più noto è la coccinella, ben conosciuta da adulta e meno da larva. Poi ci sono anche sirfidi, crisope, forbicine, tutti insetti che in un orto ricco di biodiversità sarà facile attirare. I trattamenti col sapone potrebbero colpire anche le larve di sirfidi e gli acari predatori, pertanto è bene eseguirli quando gli afidi ci sono davvero, e non a carattere preventivo, anche perché il sapone, quando si asciuga sulla pianta, smette di avere effetto.

Approfondimento: come combattere gli afidi

Ragnetto rosso

Tetranycus urticae è un acaro polifago, attacca vari ortaggi tra cui il fagiolo, tessendo ragnatele siricee sulla pagina inferiore delle foglie, e in corrispondenza, sulla pagina superiore si notano tante punteggiature clorotiche. Il ragnetto rosso compie 7-8 generazioni all’anno e sul fagiolo i danni maggiori si hanno nei periodi più caldi e asciutti.

Nelle coltivazioni estese e in serra vale la pena il lancio dell’antagonista naturale, l’acaro predatore Phytoseiulus persimilis, per effettuare la lotta biologica vera e propria.

Esistono prodotti, basati sul fungo Beauveria bassiana, che svolgono azione insetticida ed acaricida.  Su fagiolo e fagiolino ci sono alcuni formulati commerciali di questo fungo registrati ufficialmente contro gli aleirodidi, ma siccome per altre specie vegetali è consentito l’uso anche per combattere il ragnetto rosso, se ne deduce che nel caso si debbano trattare fagioli e fagiolini contro gli aleirodidi, si possa ottenere un effetto di controllo anche contro il ragnetto rosso.

Approfondimento: il ragnetto rosso

Mosca minatrice sud-americana

Si tratta di un dittero, la cui femmina compie punture di nutrizione ed ovideposizione nei tessuti, che lasciano punteggiature necrotiche. Dalle uova deposte nascono larve che scavano mine nelle foglie, a seguito delle quali i tessuti vegetali muoiono e imbruniscono, da qui il nome di mosca minatrice. Possiamo intervenire contro questo parassita del fagiolo utilizzando piretro naturale, da nebulizzare nelle ore più fresche della giornata e leggendo prima le istruzioni sull’etichetta del prodotto.

Piralide

La piralide del mais, Ostrinia nubilalis, è polifaga e attacca anche fagioli e fagiolini, forando i baccelli allo stadio larvale e danneggiandoli irreparabilmente. Trattandosi di un lepidottero il prodotto più consigliato è il Bacillus thuringiensis kurstaki. Le trappole alimentari Tap Trap possono essere un buon metodo per monitorare la presenza dell’insetto adulto e anche per ridurne la presenza, grazie alla cattura massale.

Tripidi

Da maggio in poi i tripidi possono attaccare i fagioli, che spesso in quel mese sono stati appena seminati o spuntati da poco, ma le infestazioni peggiori arrivano sul finire dell’estate. Le femmine depongono le uova nei baccelli appena formati, creando quindi punteggiature di ovideposizione e anche di nutrizione, e anche la deformazione dei baccelli.

Anche in questo caso possiamo ricorrere ad un prodotto basato sul piretro naturale.

Approfondimento: come combattere i tripidi

Tonchio

Il tonchio è un parassita che può essere scoperto anche dopo la raccolta, perché divora i fagioli secchi stoccati, ma in realtà l’insetto, che è un coleottero, inizia la sua attività prima, deponendo le uova nei baccelli ancora in campo. La larva poi inizia a svilupparsi a spese dei semi e continua a farlo anche dopo. Le nuove generazioni che si sviluppano vivono a spese dei fagioli conservati.

È bene quindi accorgersene per tempo ed eventualmente nel dubbio seccare bene in forno i fagioli raccolti.

Altri parassiti dannosi

Oltre agli insetti ci sono altri possibili nemici delle piante di fagiolo, in particolare i topi e i gasteropodi, ovvero chiocciole e limacce.

Limacce

Nei periodi piovosi le limacce possono compiere danni notevoli, soprattutto poco dopo la semina, quando le piantine sono agli inizi e possono risultare gravemente forate e rosicchiate, con il rischio che non si riprendano più.

In questo caso bisogna spargere sul terreno attorno delle manciate di ortofosfato di ferro, un lumachicida ecologico. La cenere, noto espediente utile contro lumache e limacce, da mettere attorno alle piante, funziona finché non piove, dopodiché bisogna rimetterne di asciutta.

Approfondimento: difesa dalle lumache

Topi e arvicole

Il danno che topi ed arvicole compiono di solito è occasionale e non giustifica interventi veri e propri, ma quando la loro dannosità inizia ad essere ricorrente, bisogna escogitare qualche sistema per allontanarli.

Per esempio, si può provare a far vibrare dei pali metallici infissi nel suolo, colpendoli più volte possibile, o mettendo quelli che vibrano regolarmente perché provvisti di una batteria solare.

Approfondimento: topi e arvicole
Scopri di più

Coltivare fagioli. Una guida completa, dalla semina fino alla raccolta, per imparare tutto ciò che serve riguardo alla coltivazione del fagiolo nell’orto biologico.

Scopri di più

Scheda sintetica

Principali parassiti di fagioli e fagiolini

Principali parassiti:

  • Afidi. Rimedi: macerati di aglio, ortica o peperoncino, sapone molle di potassio.
  • Ragnetto rosso. Rimedi: zolfo,  Phytoseiulus persimilis, beauveria baussiana.
  • Minatrice fogliare. Rimedi: piretro, azadiractina, spinosad.
  • Piralide del mais. Rimedi: trappole Tap Trap, bacillus thuringiensis.
  • Tripidi. Rimedi: piretro, azadiractina, spinosad.
  • Tonchio. Rimedi: piretro, trappole.
  • Limacce. Rimedi: cenere, ortofosfato ferrico, trappole di birra.
  • Arvicole. Rimedi: esche, pali vibranti.

Prodotti e preparati utili:

TORNA SOPRA ( e leggi la guida completa ).

Articolo di Sara Petrucci

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento. Per restare in contatto puoi iscriverti alla newsletter o seguire la pagina Instagram e Facebook.