Mirtillo: insetti e parassiti dannosi

bacca del mirtilloTra i frutti di bosco più salutari in assoluto ci sono certamente i mirtilli, piccoli frutti ricchi di antiossidanti preziosi e per questo sempre più coltivati e richiesti dal mercato. Queste bacche si coltivano con semplicità e soddisfazione, anche traendo spunto da come crescono spontaneamente in natura.

Nella coltivazione i mirtilli vengono catalogati come “piccoli frutti” insieme a more, lamponi, ribes ed uva spina. La coltivazione di tutti questi è possibile ed auspicabile col metodo biologico, sia a livello amatoriale che professionale, poiché sono specie adattabili e piuttosto rustiche, che raramente si ammalano pur rendendo bene.

I mirtilli richiedono alcuni accorgimenti particolari come l’acidità del substrato di coltivazione, perché per loro natura necessitano di un ph del suolo molto acido, come raramente sono i terreni coltivati. Per questo bisogna sempre ricordare di aggiungere uno specifico terriccio per acidofile al suolo, già dal momento dell’impianto.

Per quanto riguarda la difesa fitosanitaria sono poche le minacce di malattie e parassiti a carico del mirtillo, tuttavia di recente sono arrivati degli insetti da lontano che stanno alterando un po’ gli equilibri ecologici e che possono anche interessare questa specie, per cui è bene tenere sempre controllata la piantagione, curare ogni forma preventiva possibile ed intervenire nel modo più opportuno al presentarsi di un parassita.

Vediamo più nel dettaglio quali sono gli insetti che colpiscono in modo particolare la coltivazione del mirtillo e con quali strategie ecologiche possiamo farvi fronte.

Drosophyla suzukii o moscerino dei piccoli frutti

La Drosophyla suzukii, dittero proveniente dal Sud Est Asiatico, è ormai un parassita con cui fare costantemente i conti nella maggior parte dei nostri territori italiani. Questa specie si è adattata molto bene al nostro clima ed è capace di riprodursi molto rapidamente, arrivando a compiere anche 10 generazioni all’anno, facendo danni su molte specie frutticole a buccia sottile, in particolare frutti di bosco, tra cui il mirtillo.

Le femmine adulte di questa piccola mosca asiatica depongono le uova sui frutti, ciascuna femmina può arrivare a deporne fino a 400 nella sua vita). Le larve che ne nascono vivono poi a spese della polpa, che erodono ed espongono ad eventuali infezioni secondarie di batteri e funghi, per poi portarla a disfacimento. Il danno sul frutto portato da questo parassita è quindi tale da pregiudicare il raccolto.

La difesa delle colture da questo insetto parte dalla cattura mediante trappole alimentari, poiché i trattamenti con insetticidi, ecologici e non, risultano poco risolutivi. Esempi di biotrappole alimentari efficaci sono la Tap Trap e la Vaso trap rosse, colore che attira in particolare questa specie di insetto. Questo genere di trappola viene agganciata su bottiglie o vasi di vetro riempiti di esca da preparare in autonomia seguendo alcune ricette collaudate. Poiché il periodo in cui la Drosophyla appare è la primavera, dal mese di aprile bisogna aver posizionato le trappole perché queste siano davvero efficaci. Il metodo è interessante perché a basso costo e applicabile anche in piccoli frutteti, utile tanto per monitorare quanto per una cattura massale.

Contro la Drosophyla si possono fare anche dei trattamenti a base di zeolite, fine minerale di origine vulcanica che, irrorato sulle piante, vi crea un velo protettivo che ostacola gli insetti dannosi dal loro intento.

Approfondimento: la drosophila suzukii

Afidi

Come molte altre specie coltivate, anche i mirtilli possono essere colpiti da afidi, con infestazioni di gravità variabile e legata anche alle condizioni climatiche e alle pratiche agronomiche. In genere infatti le pullulazioni di afidi sono favorite da un clima caldo-umido e da una crescita vegetativa molto rigogliosa. Per questo sono importanti le potature che contengono le chiome ma anche concimazioni equilibrate, perché eccessi di azoto favoriscono le punture degli afidi rendendo i tessuti vegetali più molli. In agricoltura biologica gli afidi si contengono innanzitutto puntando sulla biodiversità, grazie alla quale si favorisce lo sviluppo di tutti i predatori naturali come coccinelle, crisope, sirfidi e forbicine. I trattamenti chimici convenzionali possono uccidere questi nemici naturali degli afidi, con notevole effetto negativo in termini ecologici, per questo è importante evitarli e adottare una visione più olistica dell’ambiente coltivato. In caso di grave infestazione di afidi, possiamo intervenire con semplici ed efficaci trattamenti a base di sapone di Marsiglia disciolto in acqua e irrorato sulle piante. Gli afidi in genere compaiono dalla primavera in fitte colonie che succhiano la linfa ai giovani germogli e che si riconoscono bene anche per la presenza di melata appiccicosa sulle parti attaccate. Ci sono alcune specie di afidi specifici del mirtillo, tra cui Ericaphis scammelli, che è comparso in Piemonte dagli anni Novanta ed è un potenziale vettore di una grave malattia virale del mirtillo.

Lepidotteri

I mirtilli possono subire danni da varie specie di lepidotteri come ricamatori fogliari, tortricidi, defogliatori generici, nottuidi e altri ancora, che a partire dalla primavera possono distruggere boccioli fiorali, gemme e giovani foglie, in particolare quando sono allo stadio larvale. In agricoltura biologica bisogna difendere i mirtilli con insetticidi ecologici come il Bacillus thuringiensis kurstaki, valido contro molti lepidotteri e innocuo sugli insetti utili.

Cocciniglie

Alcune cocciniglie colpiscono in particolare i piccoli frutti, come Parthenolecanium corni, che allo stadio giovanile si trova sulla pagina inferiore delle foglie sulle quali emette melata, per poi colonizzare i rametti indebolendo progressivamente le piante, che possono ingiallire e perdere foglie. Gli attacchi delle cocciniglie si prevengono con macerati di felce e con potature equilibrate che arieggiano i cespugli di mirtillo, mentre si trattano in casi gravi con oli minerali ammessi in agricoltura biologica.

Cimice asiatica

La cimice asiatica (Halyomorfa halys) è un insetto dell’ordine degli Eterotteri che è arrivato in Italia da pochi anni, trovando campo libero per fare danno a molte colture diverse. In Nord America già da tempo parassitizza anche le colture di mirtilli, motivo per cui non bisogna mai abbassare la guardia su questa specie. Del mirtillo la cimice asiatica danneggia i frutti, causandone decolorazione e necrosi, con riduzione del peso del raccolto totale. Bisogna che questo insetto venga tenuto monitorato e controllato a livello territoriale e non con la sola lotta condotta dal singolo coltivatore, poiché è una specie molto mobile e capace di ricolonizzare l’ambiente anche dopo i trattamenti, ad esempio, a base di piretro. Nell’immediato però è possibile contenere i danni della cimice asiatica mettendo sopra la coltura dei mirtilli una rete escludi insetto.

Articolo di Sara Petrucci

Approfondimenti: prosegui la lettura

Ti è servito questo articolo? Lascia un commento. Sono bene accette critiche, opinioni e domande o racconti dal tuo frutteto.

Per restare in contatto puoi iscriverti alla newsletter o seguire la pagina facebook e il profilo Instagram.

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.