marciume zucchinaPuò capitare di veder marcire le zucchine direttamente dai frutti, in particolare a partire dal fiore sfiorito che sta all’apice dello zucchino.

Se il problema colpisce direttamente il frutto e proprio partendo dal fiore apicale, molto probabilmente si tratta di una batteriosi, nello specifico di Erwinia Carotovora. Questa malattia delle piante da orto colpisce soprattutto la zucchina ma può attaccare anche altri ortaggi (come finocchi, patate, peperoni e come suggerisce il nome stesso del problema le carote).

Si tratta appunto di un batterio che prolifera in situazioni di elevata umidità e approfitta anche delle ferite per attaccare le piante. Tra le malattie della zucchina è una delle più diffuse e il marciume molle se non viene contrasto si estende dal frutto alla pianta. anche per questo conviene imparare a riconoscere, a combattere e soprattutto a prevenire questo marciume.

Erwinia carotovora: caratteristiche

La malattia batterica dovuta all’erwinia carotovora non è semplice da identificare, fino a che non si verifica un marciume del frutto in stadio irreversibile. In genere la marcescenza è molle e umida. Il batterio è naturalmente presente nel suolo e quando trova le giuste condizioni verifica la patologia.

Questa malattia prolifera quando le temperature sono comprese tra i 25 e i 30 gradi, in condizione di umidità. Sulla pianta di zucchine di frequente approfitta del fiore in disfacimento, che raccoglie umido al suo interno, per attaccare il frutto. Il batterio può aggredire anche altre parti della pianta, in particolare se si verificano lesioni dovute a insetti o agenti atmosferici.

Il marciume molle dello zucchino può estendersi dal frutto e arrivare a far avvizzire l’intera pianta cucurbitacea, portandola alla morte.

Come combattere l’Erwinia Carotovora

Questa batteriosi della pianta di zucchine non è curabile in modo efficace con metodi biologici, tuttavia è possibile operare per prevenirla e, se si dovesse verificare l’avversità contrastarla limitando i danni.

Prevenzione del marciume molle

La prevenzione prevede per prima cosa di evitare che si verifichino le condizioni che favoriscono la diffusione del batterio, per cui una persistenza del batterio e un’insana umidità, in particolare ristagni di acqua.

  • Lavorare il terreno. Una buona preparazione del terreno, che favorisca il drenaggio, è la cosa più importante per evitare marcescenze.
  • Concimazione. Un eccesso di azoto può favorire l’insorgere di Erwinia Carotovora, abbassando le difese immunitarie della pianta di zucchine.
  • Irrigazioni. Attenzione a non esagerare con le innaffiature, che potrebbero portare acqua stagnante.
  • Distanza di impianto. Anche tenere le piante di zucchina a una corretta distanza tra loro aiuta a far circolare aria e limita i problemi.
  • Rotazione colturale. Evitare di piantare zucchine in terreni in cui si è già verificato un problema di marciume è una precauzione importante.
  • Pacciamatura e rialzo del frutto. Se il frutto non è a diretto contatto col terreno sarà più difficile che venga aggredito dal batterio di Erwinia Carotovora. A questo scopo la pacciamatura risulta molto utile.
  • Varietà. Scegliere varietà di zucchina tolleranti, meno soggette al marciume è un altro modo per evitare problemi.

Combattere l’erwinia carotovora con metodi bio

Se si riscontrano infezioni tra le nostre coltivazioni di zucchine occorre tempestivamente rimuovere i frutti malati ed allontanarli dall’orto per evitare che si espanda il contagio. Il materiale vegetale proveniente dalle piante colpite deve essere buttato o bruciato, non bisogna utilizzarlo nel compostaggio, per non rischiare di tramandare nuovamente la malattia nell’orto.

Questa batteriosi si combatte col rame, in particolare con trattamenti di poltiglia bordolese, trattamento consentito in agricoltura biologica, in grado di contenere la malattia evitando che si trasmetta di pianta in pianta.

Articolo di Matteo Cereda

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento. Per restare in contatto puoi iscriverti alla newsletter o seguire la pagina Instagram e Facebook.