Le malattie delle piante da orto

Le malattie delle piante da orto 2017-06-21T14:59:13+00:00

Le piante possono ammalarsi, proprio come gli esseri umani. Le malattie delle piante si dividono in malattie crittogamiche (funghi e muffe), virosi, batteriosi. Ci sono poi le fisiopatie che sono dovute semplicemente a condizioni sfavorevoli nell’ambiente. come la scarsità d’acqua o la carenza di un elemento nutritivo nel terreno. Vediamo quali problemi possono affliggere i nostri ortaggi, alcuni consigli su come riconoscerle e su come intervenire con prodotti biologici, senza usare fungicidi chimici.

Malattie funginee o crittogamiche

peronosporaSi tratta di malattie parassitarie dei vegetali provocate da funghi o muffe, in presenza di una patologia di questo tipo non c’è possibilità di guarigione per la pianta ma si può circoscrivere il danno eliminando le parti malate e trattando quelle sane.

Prodotti. Contro le malattie funginee in agricoltura biologica si usano principalmente due anticrittogamici: rame e zolfo. Sono prodotti che proteggono le parti che coprono, questo vuol dire che la ricrescita della pianta lascia esposte alcune sue parti. Un rimedio naturale in uso soprattutto a scopo preventivo è il decotto o macerato di equiseto, può essere autoprodotto raccogliendo quest’erba spontanea.

Prevenzione. Le malattie crittogamiche proliferano in condizioni di umidità, infatti il miglior modo per prevenirle è una corretta lavorazione del terreno dell’orto, in modo che risulti ben drenante. Evitando i ristagni d’acqua si prevengono la maggior parte delle malattie crittogamiche.

Rotazione colturale. Le spore di alcune muffe restano nel terreno anche per qualche anno, per questo è importante fare attenzione nella rotazione delle colture e non tornare subito sul terreno in cui un ortaggio è stato colpito. Attenzione anche a non trasmettere la malattia funginea tramite i nostri attrezzi da orto. Alcune della malattie funginee più diffuse sono il fusarium, la peronospora e l’oidio.

Malattie batteriose

Sono malattie provocate da batteri, se si riesce ad eliminare i batteri è possibile risanare la pianta. In orticoltura biologica le batteriosi si combattono con trattamenti di rame.

Virosi

Sono malattie portate dai virus, spesso si trasmettono da pianta a pianta tramite gli afidi o altri insetti. Non c’è possibilità di curare la pianta, solo di circoscrivere l’infezione, facendo attenzione anche a non ripetere la coltura l’anno successivo nella stessa aiuola perché potrebbe ripresentarsi il problema. Spesso le virosi si trasmettono tramite gli attrezzi dell’orto, per cui se riscontriamo una pianta malata occorre fare molta attenzione e disinfettare le forbici usate per potarla o il coltello usato per le raccolte.

Fisiopatie

Non sono vere e proprie malattie ma si tratta di alterazioni della pianta dovute a condizioni particolari dell’ambiente (come possono essere temperatura, luce o umidità). Ripristinando le condizioni corrette torna tutto a posto in pochi giorno e la pianta può guarire a patto che si intervenga tempestivamente. Ad esempio il “culo nero” del pomodoro è dovuto alla mancanza di calcio o alla scarsità di acqua, non è una malattia ma una semplice fisiopatia.

Le guide di OdC: alcune malattie nel dettaglio:

mummificazione della patata

Marciume secco della patata.

peronospora del pomodoro

La Peronospora del pomodoro

pomodoro spaccato

Spaccature sul pomodoro

marciume zucchina

Erwinia Carotovora sulla zucchina

oidio sulla foglia di zucchina

Oidio o Mal Bianco su zucca e zucchina

i fagiolini verdi

Marciume radicale sui fagiolini




Hai trovato consigli utili? Puoi fare domande o raccontare la tua opinione scrivendo un commento.

Per seguire Orto Da Coltivare ti consiglio di  iscriverti alla newsletter oppure alla pagina facebook.

Scrivi un commento