Come si coltiva il cetriolo

cetrioli verdi allungati

Proviamo a spiegarvi come coltivare i cetrioli, siano quelli da insalata, ottima verdura fresca, siano i cetriolini, ideali da conservare come sottaceti, sicuramente una pianta consigliata per l’orto domestico.

Il cetriolo è una pianta della famiglia delle cucurbitacee, ha molte affinità con il melone in termini colturali.

Le sue varietà si distinguono in cetrioli lunghi e cetriolini, in genere più spinosi, si tratta di una pianta da orto abbastanza semplice da coltivare, che richiede irrigazioni frequenti e un po’ di cura.

riga verde

Il clima, il terreno e la semina

Clima. Il cetriolo vuole il caldo, richiede quindi temperature elevate e teme il gelo.

Terreno. La coltivazione si adatta abbastanza, il terreno ideale è drenante, ben esposto al sole, ricco di sostanze nutritive e tendente all’acido. Il cetriolo ama il potassio, se manca si deformano i frutti ingrossandosi in punta, se manca l’azoto invece si crea una deformazione contraria. Attenzione quindi a concimare correttamente. Serve un terreno costantemente umido.

Periodo di semina. I cetrioli si piantano in coltura protetta tra febbraio e aprile, trapiantandoli quando mettono le prime due foglie vere. Da aprile a giugno si può mettere a dimora il cetriolo direttamente nell’orto.

Come si semina. I cetrioli vanno seminati interrando il seme a 2 cm di profondità, le file andrebbero a 100 cm di distanza, con 50 cm tra ogni pianta lungo la riga.riga verde

Tecniche colturali e irrigazione

Coltivazione verticale. Per favorire l’impollinazione e quindi la produzione si coltivano i cetrioli con tutori che li tengano verticali. Si possono usare reti o pali arrivando a 150 cm di altezza, la coltivazione verticale risparmia lavoro di sarchiatura e agevola anche la raccolta.

Pacciamatura. Come tutte le cucurbitacee la pacciamatura è una pratica gradita al cetriolo, e anche all’orticoltore che risparmia un sacco di fatica.

Ci sono varietà di cetrioli autofecondanti (partenocarpiche) o con solo fiori femminili a cui vanno associate piante da polline.

Produttività e allegagione dei fiori. Durante la crescita il cetriolo produce normalmente una foglia e un fiore, nei cetriolini si possono presentare i fiori a mazzetti, se allegano tutti i fiori la produzione sarà altissima. Attenzione quindi a trattare bene api e altri impollinatori, magari piantando qualche fiore a loro gradito, come la calendula.

Potature. Il cetriolo può essere cimato (sopra la quinta foglia) per stimolare i rami orizzontali e mandare prima in frutto la pianta.

Irrigazione. I cetrioli amano abbondanza d’acqua (non ristagno), per evitare che il frutto si svuoti o diventi amaro. Bisogna quindi irrigare spesso, tenendo se possibile un terreno costantemente umido (40-45% di umidità del terreno).

Rotazione colturale. Il cetriolo nell’orto non deve seguire un’altra cucuribitacea e non deve ripetersi sullo stesso terreno per 3-4 anni.

riga verde

Malattie e parassiti della pianta di cetrioli

Il cetriolo ha le stesse malattie  che colpiscono il melone (la virosi chiamata appunto mosaico del cetriolo, verticillium e pitium come malattie crittogamiche principali e afidi come peggior nemico tra i parassiti.

Per gli afidi nell’orto si può ricorrere alla potatura come mezzo per fermare un’infestazione.

La carenza d’acqua comporta due fisiopatie del cetriolo: svuotamento del frutto (cavo all’interno) e aumento del sapore amaro.

riga verde

La raccolta del cetriolo

Raccolta. Per il cetriolo come per la zucchina vale la regola che raccogliendo si sprona la pianta a continuare a produrre. Il cetriolo si raccoglie a gusto, ma comunque prima che diventi di colore giallognolo, perdendo le spine. Questi sono i sintomi dell’invecchiamento del frutto, se li vedete avete già passato il momento migliore per cogliere la vostra verdura.

Conservazione. Il cetriolo si conserva una decina di gioni in frigorifero. Un consiglio su come mangiarlo: a fettine cosparso di sale perde un po’ d’acqua e diventa molto più buono.riga verde

Varietà di cetriolo coltivate

I cetrioli coltivati sono di svariate dimensioni, le famiglie più comuni sono le varietà lunghe e lisce, come il  diffusissimo”lungo verde degli ortolani” o il longo da china, che si coltiva in verticale, e le varietà più corte e tozze dalla buccia più sponosa, come il white wonder e il piccolo verde di Parigi, ideali per i sottaceti.

riga verde

Share

6 comments on “Come si coltiva il cetriolo

    1. L’informazione per me che sono un agricoltore amatoriale è stata molto chiara e utilissima
      Grazie
      Buona giornata.

  1. Sono un coltivatore amatoriale pertanto chiedo, si può dare del verde rame alla Pianta? Che tipo o che miscela dare

    1. Il rame è consentito in agricoltura biologica, è opportuno usarlo se si hanno malattie funginee in corso, o per prevenirle se si pensa che per clima, terreno o altri fattori sia probabile incorrere in queste avversità. Le dosi di utilizzo dipendono dal prodotto e le trovate sull’etichetta. Occorre sapere che anche gli anticrittogamici consentiti in agricoltura biologica vanno usati con moderazione e con le dovute precauzioni rispettando il periodo di carenza indicato sulla confezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *