Insetti, larve e parassiti dell’orto

Insetti, larve e parassiti dell’orto2018-10-02T17:16:00+00:00

Nell’orto biologico c’è sempre vita brulicante ed è giusto così. Molti insetti come le coccinelle o i lombrichi sono i benvenuti, perché ci danno una mano nel creare un ambiente favorevole allo sviluppo delle piante e quindi delle verdure. Ci sono però anche diversi parassiti che attaccano le piante da orto e si cibano degli ortaggi, bisogna imparare a riconoscerli e a prendere le giuste contromisure.

L’orto biologico richiede tempestività nel riconoscere la minaccia e nell’attivarsi. Un’indicazione per misurare le infestazioni di parassiti si può ottenere usando trappole cromotropiche che attirano gli insetti ed essendo appiccicose li catturano, proprio come la classica carta moschicida. Queste trappole vanno appese al centro dell’orto e monitorate per sapere quando è il caso di intervenire.

Andiamo a vedere quali sono gli insetti e le larve nocivi per l’orto e come si possono combattere in orticultura biologica. Per approfondire il discorso su come combattere gli insetti e i parassiti senza usare prodotti chimici consigliamo la lettura dell’ottimo testo difendere l’orto con metodi naturali.

I principali nemici degli ortaggi

il grillotalpa che scava

Grillotalpa

coleottero nocivo per l'orto

Oziorrinco

lumache rosse

Lumache e beghe

pulce di terra

Altiche

afidi nell'orto

Afidi o pidocchi

larve di lepidotteri

Larve di lepidotteri

il ragnetto rosso

Ragnetto rosso

la dorifora adulta

Dorifora

una cimice verde

Cimici

elateridi o ferretti

Elateridi

la farfalla cavolaia

Cavolaia

chamaepsila rosae, la mosca della carota

Mosca della carota

nematodi, vermetti da orto

Nematodi

cocciniglia

La cocciniglia

la mosca bianca su una foglia

Mosca bianca

una formica

Formiche

i danni della mosca del porro

Mosca del porro

larva di maggiolino

Larve di maggiolino

Tutti gli articoli sui parassiti di orto e frutteto

Insetti e parassiti nel dettaglio

Lumache, chiocciole e limacee. I gasteropodi sono animaletti decisamente fastidiosi per l’orto, voraci verso foglie e piantine. Si combattono con esche avvelenate (lumachicidi) oppure si tengono lontane con metodi naturali. Se usate la lumachina assicuratevi che sia biologica e per non sprecarla potreste usare le geniali Lima Trap. Approfondisci: difendere l’orto dalle lumache.

Larve di lepidotteri: agrotidi e nottue. Sono insetti presenti nel terreno come larve, escono di notte per procurarsi il cibo, si combattono col il bacillus thuringiensis, insetticida consentito in agricoltura biologica. Approfondisci: combattere i lepidotteri.

Elateridi o ferretti. Sono dei coleotteri antipatici soprattutto in fase larvale, questi vermetti vanno a cibarsi di tuberi, bulbi e radici delle piante e rovinano ad esempio le patate. Per difendere l’orto biologico dagli elateridi si usano come esca pezzi di patata e si prevengono con la pacciamatura. Approfondisci: difendere l’orto dagli elateridi.

Afidi o pidocchi delle piante. Sono degli insetti molto piccoli che succhiano la linfa dalle piante dell’orto. Sono fastidiosi perché rilasciano una sostanza zuccherina chiamata melata che provoca spesso la fumaggine, malattia crittogamica, inoltre spesso trasmettono virosi alle piante. Le formiche spesso portano gli afidi sulle foglie, per cui in presenza di formiche cercate anche questi piccoli insettini. Approfondisci: difendersi dagli afidi.

Nematodi. Fastidiosi vermetti che danneggiano i tessuti delle piante, si combattono con piante nematodicide come senape bianca o tagete, che hanno un’azione biofumigante. Possono essere uccisi con la solarizzazione. Approfondisci: la lotta ai nematodi.

Grillotalpa. E’ un insetto lungo circa 5 cm, scava gallerie e si ciba di tuberi e radici delle piante, può trasformarsi in un vero flagello per le coltivazioni. Si combatte con delle trappole, si previene distruggendo gallerie e nidi con la lavorazione del terreno. Approfondisci: la lotta la grillotalpa.

Dorifora. Coleottero che attacca le solanacee, si combatte prevalentemente con il controllo manuale, che deve essere tempestivo, attacca soprattutto le patate. Approfondisci: combattere la dorifora.

Larve di oziorinco. Ecco un coleottero che può arrecare grande danno alle colture, approfondisci come difendersi dall’oziorrinco.

Larve di maggiolino. I maggiolini sono altri fastidiosi coleotteri, le larve stanno nel terreno e si nutrono delle radici delle piante da orto e da vaso.

Mosca bianca o Aleurodide. Questa mosca si comporta in modo simile agli afidi e si riproduce velocemente, si combatte con la lotta biologica. Approfondisci la difesa dalla mosca bianca.

Ragnetto rosso. Un piccolissimo acaro che infesta le foglie di diversi ortaggi, come fagioli, melanzana o pomodoro. Approfondisci la lotta la ragnetto rosso.

Cocciniglia. Pidocchietti simili agli afidi che attaccano le piante a fusto legnoso. Ecco come riconoscerla e come difendersi.

Formiche. Rubano i semi e portano gli afidi sulle piante, vale la pena sapere come allontanare le formiche dall’orto.

Cavolaia. Antipatica farfalla che depone le uova su cavoli e cavolfiori, lasciando le larve a distruggere il raccolto. Per approfondire vi raccontiamo come allontanarla in modo naturale.

Cimici. Antipatiche perché punzecchiano i frutti del pomodoro e attaccano le foglie di vari ortaggi. Ecco come difendersi dalla cimice.

Altiche. Piccoli coleotteri, meglio noti come pulci di terra, attaccano le crucifere soprattutto e si combattono con piretro.

Oltre a questi insetti che danneggiano le piante vi è poi un parassita molto fastidioso per l’orticoltore: la zanzara che punge chi lavora nel campo d’estate, ci sono delle piante che scacciano le zanzare e si possono piantare nell’orto.
pidocchi delle piante

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento. Per restare in contatto puoi iscriverti alla newsletter o seguire la pagina Instagram e Facebook.

4 Comments

  1. Maurizia Malossi 15 aprile 2018 al 19:52 - Rispondi

    Non so quale animale sia che mi ha mangiato il fusto di pomodori sia in vaso che piantati in terra, lasciando lì le foglie e la radice. In una notte ne ha distrutto 20 piante alte dai 25 ai 40 cm. E 4 piantine di zucchetto, ancora in vasetto, mangiate completamente tranne la radice. Ho chiesto un po’ in giro, ma nessuno mi sa dare una risposta su chi possa essere il responsabile.

    • Matteo Cereda 16 aprile 2018 al 7:04 - Rispondi

      Ciao Maurizia, difficile a distanza identificare il parassita che ti ha fatto un tale danno, senza vedere cosa è successo. Vista l’entità e la rapidità sarei propenso a dirti che si tratta di un animale, ma dipende dalla tua zona (minilepri, caprioli), anche se strano che abbiano lasciate le foglie. Prova a osservare se ci sono impronte o deiezioni in zona, guarda anche se si vede il tipo di morso dove ogni pianta è stata recisa.

  2. Katia 8 luglio 2018 al 7:52 - Rispondi

    Da un po’ di tempo nel nostro orticello invece abbiamo un altro grosso problema, quando mio marito va ad innaffiare al mattino si ritrova avvolto da una nuvola di piccoli moscerini che lo pungono, a vedere la scena contro sole è incredibile, lo attaccano proprio! addirittura puntano agli occhi e lui deve scacciarli continuamente. Non sappiamo cosa siano, anni fa il problema non c era ma è diventata una tortura dare l’acqua agli ortaggi, sono feroci e piccolissimi. Come rimediare?

    • Matteo Cereda 9 luglio 2018 al 15:35 - Rispondi

      Ciao Katia, la prima accortezza da avere è la prevenzione. Trappole Tap Trap alimentari contro imenotteri e lepidotteri aiutano, fondamentale poi non lasciare acqua stagnante in bidoni o cisterne dove gli insetti possano far larve.

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.