grelinette forcaLa grelinette è un attrezzo quasi sconosciuto in Italia, ma molto diffuso in Francia, il nome è in onore del suo ideatore, il francese André Grelin, ma viene chiamata anche fer de terre (forca da terra) o per gli anglofoni U-fork (per via dei due manici richiama la lettera “U”) oppure broad fork (forca larga). In Italiano invece la indichiamo come bio forca o aero forca.

Questa sequenza di nomi ci ha già detto praticamente tutto quel che c’è da sapere su questo attrezzo: la grelinette serve per vangare (fer de terre), smuovendo e arieggiando il terreno (aero forca), è più larga di una classica vanga (broad fork), si impugna su due manici (U-fork) ed è particolarmente utile in un’ottica di coltivazione biologica (bio forca).

In sostanza la grelinette fa il lavoro della vanga nel dissodare la terra, ma senza rivoltare le zolle, in modo da salvaguardare al meglio i microrganismi del terreno, mantenendo al meglio la fertilità del suolo. Lo stesso lavoro potremmo farlo anche con una normale forca da vangatura, ma con maggior fatica. Questa forca a due manici è tratta di un attrezzo molto ben studiato, che consente di lavorare il terreno dell’orto velocemente e riducendo lo sforzo fisico. Insomma la grelinette è consigliatissima, anche se purtroppo quasi introvabile, in seguito vediamo anche dove possiamo procurarcela.

Come è fatta la grelinette

La bio forca è davvero semplice: ha una forma ad U, composta da due manici collegati da un elemento orizzontale basso, a cui sono fissati i denti. I denti affilati e robusti sono la parte che affonda nel terreno, hanno una forma ricurva che non è casuale: permette di sfruttare al massimo l’effetto leva quando si tirano i due manici verso di sé.

Spiegarlo non rende l’idea: la conformazione dell’attrezzo è studiata per un lavoro davvero comodo ed efficace. Lo sforzo è localizzato prevalentemente nelle braccia, salvaguardando la parte bassa della schiena che invece viene sollecitata pesantemente dalla vanga tradizionale.

Sempre rispetto alla classica vanga la grelinette lavora una porzione più ampia ad ogni passata, essendo sensibilmente più larga, questo significa velocizzare molto il lavoro. I denti della forca non hanno difficoltà a penetrare terreni anche compatti.

In Francia vengono prodotte aero forche di diversa dimensione e in particolare differiscono per numero di denti. Una grelinette standard ha in genere 5 denti, ma vengono proposti anche attrezzi a due o tre denti, utili su suolo molto argilloso e magari mai lavorato prima.

Come si usa

L’uso della grelinette è semplice e chiunque abbia vangato l’orto è in grado di apprenderlo in pochi minuti.

Per prima cosa si conficcano i denti nel terreno più a fondo possibile, anche aiutandosi salendo sulla barra orizzontale col piede. In seguito per dissodare ci si allontana un poco e si tirano verso il basso i due manici, usando entrambe le braccia e possibilmente senza piegare la schiena.

Il movimento si ripete sempre uguale, esattamente come quando si vanga si procede all’indietro e lateralmente.

Video: la grelinette al lavoro

Dove trovare una grelinette

grelinette terra organica

La grelinette prodotta da Terra Organica.

Prima di dilungarmi nello spiegare i vantaggi che questa forca a due manici può portare tocco un tasto dolente: la sua reperibilità. Mentre in altri paesi, come la Francia, l’attrezzo è di uso comune, purtroppo da noi è molto difficile trovarlo.

Sul web ho rintracciato pochi modelli di grelinette, via Amazon se ne trovano due, piuttosto costosi: quello dell’azienda francese Leborgne mi pare la migliore, è un prodotto ben studiato, ha i manici in legno e consente all’occorrenza di ridurre il numero dei denti (che di partenza sono 5), per adattarsi a suoli argillosi. L’altra aeroforca costa un poco meno, è un prodotto italiano di più semplice fabbricazione, interamente in metallo anche sui manici, invece di avere i denti inclinati ha una seconda barra orizzontale a dar l’effetto leva.

In Francia le grelinette sono molto diffuse, possiamo acquistare una grelinette chiedendola direttamente a un fabbro francese. Il risultato è un attrezzo ben studiato come ergonomia e di sicura qualità.

Mi hanno segnalato che Terra Organica produce un valido modello di grelinette, super collaudato da Matteo Mazzola nella sua azienda agricola, una realtà bellissima che merita sostegno. Potete richiedere informazioni a Matteo scrivendo a [email protected]

L’alternativa se no è quella di autoprodurre l’attrezzo, facendosi aiutare da un fabbro.

Vantaggi dell’aero forca

I vantaggi che porta la forca a due manici nella praticità d’uso li abbiamo già citati:

  • La grelinette è più larga di una forca.
  • Rispetto alla lama della vanga i denti affondano meglio.
  • Il movimento a due manici toglie molta fatica ai muscoli della schiena.

Soffermiamoci ora su un altro genere di vantaggi, che sono quelli legati a una miglior pratica colturale: a differenza della vanga la lavorazione del terreno tramite grelinette non prevede di rivoltare le zolle. Questo significa un maggior rispetto dell’ecosistema suolo e dei microrganismi che lo abitano.

Nel terreno ha sede un’immensa attività di forme di vita microscopiche che sono utilissime per le piante coltivate: infatti entrano in sinergia con l’apparato radicale e presiedono a una serie di processi fondamentali nella vita della pianta. Solo grazie ai microrganismi la materia organica si decompone trasformandosi in nutrimento utile. Un terreno ricco di microrganismi è un suolo fertile, negli ultimi anni in agricoltura ci si è accorti di questo. Non per niente si stanno diffondendo prodotti che agiscono inserendo un gran numero di microrganismi nell’ambiente (come gli EM o le micorrize).

La lavorazione del suolo ha grandi vantaggi ma anche controindicazioni, non per nulla ci sono pratiche agricole (dall’orto sinergico all’agricoltura naturale) che ne fanno egregiamente a meno. Questo tema lo abbiamo approfondito parlando di come mai arare non è sempre positivo. Da un lato è positivo dissodare la terra compatta, rendendola soffice e drenante, dall’altro si tratta di un’operazione invasiva nei confronti dei microrganismi utili che popolano il suolo. La tecnica di vangatura tradizionale in particolare prevede di rigirare le zolle sotto sopra, cosa particolarmente nociva per la microscopica vita sotterranea. I microrganismi infatti si dividono in aerobi, che hanno bisogno di aria per vivere e popolano la parte superficiale del terreno, e anaerobi, che vivono a maggior profondità. Quando ribaltiamo una zolla andiamo a seppellire gli aerobi e portiamo allo scoperto gli anaerobi, causando una perdita di fertilità.

L’uso di grelinette o di una forca da vangatura può essere un buon compromesso: andiamo a dissodare il terreno senza capovolgere le zolle.

Scopri di più

Scopriamo altri attrezzi intelligenti. Il metodo dell’orto bio-intensivo prevede di usare la grelinette, ma anche altri attrezzi manuali moderni ed ergonomici.

Scopri di più

Articolo di Matteo Cereda

attrezzi della stihl

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento. Per restare in contatto puoi iscriverti alla newsletter o seguire la pagina Facebook e Instagram.