Coltivare frutti di bosco

Coltivare frutti di bosco2019-01-17T15:09:37+00:00

Quella dei piccoli frutti è una coltivazione che può dare veramente molte soddisfazioni: una fragola, un mirtillo o un lampone appena colti hanno un sapore diverso da quelli che si comprano a caro prezzo al supermercato.

Tutta la pazienza richiesta dalla coltivazione e dalla raccolta dei frutti di bosco viene ripagata quindi ed è possibile anche fare un’attività da reddito. Il bello dei piccoli frutti è che spesso si accontentano di posizioni di mezzombra, visto che sono piante fatte per stare nel sottobosco, sono perfetti quindi per impiegare spazi meno utilizzati dell’orto.

Schede di coltivazione dei piccoli frutti

frutto di lampone rosso

Lamponi

le bacche di mirtillo

Mirtilli

fragole sul balcone

Fragole

pianta di more

More (rovo)

ribes rosso

Ribes rosso

alchechengi

Alchechengi

Prossimamente troverete qui anche le guide per coltivare altri piccoli frutti, come bacche di goji, fragoline di bosco, uva spina, ribes bianco e ribes nero.

Tecnica di coltivazione

Il terreno adatto a coltivare i frutti di bosco generalmente è acido, con un ph tra il 4 e il 5,5, e deve essere generalmente drenante, visto che ristagni idrici favoriscono le patologie. In genere sono piante che chiedono un suolo abbastanza umido e che si accontentano di posizioni poco soleggiate.

Molti dei piccoli frutti sono piante perenni, in genere arbusti che producono a partire dal secondo anno dopo l’impianto, fa eccezione la fragola che è invece annuale, ma si replica di anno in anno con i suoi stoloni.

Per entrare nel dettaglio della coltura di ogni piccolo frutto si rimanda alle schede di coltivazione linkate sopra, visto che ogni pianta ha caratteristiche differenti e richiede diversi accorgimenti.

Perché coltivare i frutti di bosco

Ci sono diverse caratteristiche che rendono la coltivazione di piccoli frutti particolarmente interessante sia per chi ha un’azienda agricola a livello professionale e vuole farne reddito, sia per chi ha un orto e coltiva per auto consumo.

Per l’hobbista è molto positivo il fatto che i cespugli di queste frutte sono in genere gradevoli a vedersi, per cui si tratta di piante adatte ad adornare il giardino e non soltanto l’orto. Vale la pena anche ricordare che alcuni arbusti come i ribes si prestano a formare siepi divisorie.

La coltura dei piccoli frutti inoltre è molto adatta per fare l’orto coi bambini, che sono golosi delle bacche dolci che si potranno poi raccogliere. Quindi mettere qualche pianta di fragole o lamponi è un buon modo per avvicinare i più piccoli all’agricoltura.

piccoli frutti di bosco

Altra caratteristica importante è che molti di questi piccoli frutti si accontentano di posizioni di mezzombra e questo li rende adatti per sfruttare zone altrimenti poco utilizzabili.

Chi invece pensa a mettere in piedi una coltivazione da reddito può contare sul fatto che il prezzo dei frutti di bosco in genere è abbastanza elevato, ed è un mercato in cui c’è molto spazio per produzioni biologiche e di qualità. Per questo si considera la coltivazione dei piccoli frutti come una delle possibili attività agricole in espansione, anche se non bisogna dimenticare che richiede molto lavoro e pazienza, soprattutto in fase di raccolta.

Articolo di Matteo Cereda

attrezzi ars per potare

Un commento

  1. Franco 17 Maggio 2018 al 19:52

    Ho letto in particolare l’articolo sulla coltivazione delle more e la lotta agli afidi. Grazie.

Commenti disabilitati.