Calendario delle raccolte nell’orto

Calendario delle raccolte nell’orto 2017-07-28T13:17:22+00:00

Il bello di avere un orto famigliare è di poter avere sempre in tavola verdura fresca, per questo è opportuno saper programmare le coltivazioni in modo da avere una raccolta costante che accontenti i bisogni e i gusti di tutta la famiglia. Ecco quindi un calendario per sapere quali ortaggi si possono avere ogni mese pronti nell’orto, da gennaio a dicembre. Conoscendo le diverse piante e sapendo quali sono gli ortaggi invernali o estivi, sarà possibile progettare al meglio il proprio orto domestico.

Nel calendario che segue consideriamo le verdure coltivate in Italia (relativamente a valori climatici medi, ad esempio la pianura Padana) utilizzando eventualmente coltura protetta in tunnel freddo, pacciamatura o tessuto non tessuto per prolungare un poco i periodi di coltivazione e raccolta. Ovviamente in zone molto calde, molto fredde o in orti di montagna il discorso cambia leggermente.

Gennaio e febbraio

A gennaio nell’orto è possibile raccogliere vari ortaggi invernali: le bietole, la barbabietola, molte insalate (come la catalogna, l’indivia, il radicchio, la rucola),  praticamente tutti i cavoli (cavolfiore, cavolo rapa, cavolo cappuccio, broccolo, cavolini di Bruxelles, cavolo verza), finocchi, sedano rapa, pastinaca, spinaci, ravanelli, carote, cime di rapa, scorzonera e scorazabianca, porri, zucca. Ci sono poi varie erbe aromatiche come rosmarino, salvia e timo il cui raccolto si prolunga per quasi tutto l’anno.

Marzo

A marzo si raccolgono ancora ortaggi invernali come cavoli, pastinaca, finocchi, porri e ancora qualche zucca. Continuano spinaci, cime di rapa, carote, rapanelli, le varie insalate in coltura protetta e le già citate aromatiche. Si aggiungono cipolle, aglio, barbabietola, carciofi, patate.

Aprile

Aprile è un mese di passaggio nel nostro calendario di raccolta: troviamo nell’orto gli ultimi ortaggi invernali (finocchi, porri e cavoli), continuiamo con carciofi, aglio e cipolle e con tutte quelle colture che si seminano scalarmente e che stanno bene in tunnel:  rucola, lattuga da cespo e da taglio, carote, rapanelli, prezzemolo. Arrivano poi le prime verdure primaverili come i piselli e iniziano a spuntare anche le coste e il rabarbaro.

Maggio, giugno e luglio

In questi mesi la produzione dell’orto entra nel vivo e abbiamo a disposizione la maggior parte delle verdure che arrivano a maturazione tra primavera ed estate. Grande varietà quindi nell’orto e in tavola: possiamo raccogliere aglio, cipolle, carote, rapanelli, bietole, rucola, radicchio, lattuga, spinaci, piselli, asparagi, patate, prezzemolo. Iniziamo a trovare le prime melanzane, pomodori, fagiolini, zucchine e cetrioli. Si aggiungono con l’arrivo dell’estate peperoni, fagioli e zucche. Ci saranno poi a disposizione quasi tutte le erbe aromatiche, dall’erba cipollina alla salvia, passando per menta, timo, rosmarino e salvia. Se abbiamo un frutteto o se abbiamo coltivato i piccoli frutti ci daranno soddisfazione proprio in questi mesi.

Agosto e settembre

Agosto è un altro mese molto ricco per l’orto, come luglio, in cui l’orticoltore coglie i frutti del duro lavoro primaverile. Troviamo nell’orto le angurie, le barbabietole, il sedano, zucche e zucchine, broccoli, cetrioli, peperoni e peperoncini piccanti, pomodori, melanzane, alchechengi, fagioli, patate e cipolle, nei dettagli potete leggere quali sono frutta e verdura di stagione ad agosto. Il mese di settembre è un ponte tra l’estate e l’autunno, quindi troviamo ancora le varietà estive, in particolare peperoncini, pomodori e zucchine. Si tratta anche del mese ideale per le aromatiche: vanno raccolte soprattutto quelle come il basilico che poi chiudono il ciclo colturale. Pronti a cucinare un buon pesto alla genovese?

le verdure raccolte ad agosto

Raccolto di agosto

Ottobre

Ottobre nel calendario del raccolto vede l’inizio degli ortaggi autunnali: sono pronti da cogliere i cardi e i finocchi, continuano zucchini, zucche e cetrioli. Troviamo nell’orto gli ultimi peperoni e melanzane e non mancano anche le crucifere (i vari cavoli e cavolfiori), alcune insalate (lattughe, rucola, valerianella), carote, spinaci, e rapanelli.

Novembre e dicembre

Novembre e dicembre sono mesi più poveri di varietà, esistono comunque diversi ortaggi invernali che possiamo raccogliere in questi mesi freddi. Inoltre possiamo aiutarci proteggendo le colture con teli o tunnel freddi: troviamo nell’orto carote, rapanelli, lattuga, spinaci, rape, cicorie e le varie specie di cavoli, tutte verdure resistenti che non temono l’inverno.

la raccolta della verdura

Queste sono indicazioni necessariamente molto imprecise riguardo la raccolta delle verdure, perché le condizioni climatiche e il periodo di semina influiscono decisamente e possono far variare la maturazione degli ortaggi, il calendario va tenuto quindi come una traccia orientativa, sta a ogni orticoltore poi capire quando vanno raccolti gli ortaggi guardando come stanno le sue piante.

Ecco nel dettaglio alcuni consigli sulla raccolta delle verdure:

Load More Posts

Questo articolo è stato utile?  Puoi lasciare un commento con un parere, consigli, domande o altro, un feedback fa sempre piacere.

Per restare in contatto puoi iscriverti alla newsletter o seguire la pagina facebook.

Scrivi un commento