La zucca: istruzioni e consigli di coltivazione

una zucca enorme di colore arancioneLa zucca è un ortaggio che non deve mancare nell’orto, vista la generosa produzione di verdura che garantisce. Si tratta di una pianta di origine americana, della famiglia delle cucurbitacee, il suo nome scientifico si richiama alle dimensioni che può assumere il frutto: cucurbita maxima.

Si tratta di una verdura che si raccoglie d’autunno e che si conserva bene, rientra quindi tra i preziosi ortaggi invernali, ottimi da avere nell’orto domestico per mettere in tavola verdura di inverno. Oltre alla zucca come verdura questa pianta viene coltivata anche per farne zucche ornamentali, che si scavano e si usano come contenitore o come lanterna di Halloween.

La zucca è una verdura ipocalorica: 33 calorie ogni 100 grammi di prodotto fresco.

Terreno, clima e concime

Terreno e concime. La zucca necessita un terreno ricco, dal ph idealmente compreso tra 6 e 7, per avere zucche saporite e dolci al compost o al letame secco occorre aggiungere molto potassio che renda il frutto più saporito e dolce, per questo ottimo mischiare cenere a volontà nel compost, oppure usare borlande (residui di lavorazione delle barbabietole, si trovano nei centri agrari tra i concimi). La zucca è veramente molto esigente in quanto a concime, si può scavare una buca da riempire di letame, preparandogli questo letto di nutrimento, oppure interrare 3 o 4 quintali di letame in 100 metri quadrati di orto.

Clima. La zucca teme il gelo e riporta danni con temperature inferiori ai 10 gradi, anche se c’è anche troppo caldo, oltre i 30 gradi la pianta ne soffre. L’ideale è una temperatura mite, intorno ai 20 gradi.

Seminare la zucca

Come e quando seminare. La zucca può essere seminata direttamente a dimora nell’orto, in alternativa si possono far crescere le piantine in vasetto. Si semina da metà aprile e si trapianta poi a fine mese, per le piantine di zucca usare vasetti abbastanza grandi (diametro 8 cm). Se si semina direttamente a dimora si possono fare postarelle in cui si mettono 3-4 semi. Il nostro consiglio è di rialzare leggermente le postarelle rispetto al livello del terreno (anche solo 10 cm).

Sesto di impianto. Le piante di zucca hanno un grande sviluppo in orizzontale, per questo si piantano a gruppi di due, vicine tra loro e si indirizza ognuna in una direzione diversa. Così facendo, si potrà risparmiare concime e spazio. Le distanze a cui piantare zucche nell’orto devono essere ben spaziose: parliamo di 160 o 200 cm tra le piante.

Coltivazione delle zucche

Diradare le piantine. Quando le piantine hanno 3 o 4 foglie reali si diradano, lasciando la migliore.

Rincalzo e sarchiatura. Le piante di zucca amano che il terreno sia smosso e ben ossigenato, per questo è un utile sistema quello di zappettare periodicamente l’aiuola dell’orto coltivata a zucca. Si può anche interrare un po’ di concime prima della fioritura e eventualmente rincalzare le piante. Oltre a smuovere il terreno con la zappa si controllano le erbe infestanti sarchiando.

Macerato di ortica. Il macerato di ortica è un ottimo concime bio per le giovani piantine di zucca, da spruzzare dopo il trapianto diluito 1 a 5.

Irrigazione. La zucca richiede acqua in particolare quando inizia a fiorire, non bisogna bagnarla spesso ma serve tanta acqua perché vada bene in profondità del terreno.

Pacciamatura. Siccome la zucca va ad appoggiarsi a terra è un’ottima idea quella di usare la pacciamatura. In questo modo il frutto non poggia per terra e si risparmia molto lavoro di sarchiatura delle erbacce infestanti. Se non si pacciama vanno eliminate accuratamente le malerbe e si possono mettere assicelle sotto il frutto, altrimenti se il terreno è umido si provocano spesso marciumi. Inoltre gli elateridi possono mangiare il frutto se appoggiato a terra.

Potare la pianta. La cimatura del tralcio si esegue periodicamente, bisogna tagliare dopo la seconda o dopo la quarta foglia (a seconda di quanto è sviluppata la pianta). Questa potatura ha lo scopo di far produrre germogli ascellari, se invece si vogliono zucche di grandi dimensioni meglio lasciare solo un paio di frutti.

Malattie e parassiti della pianta

La zucca ha le stesse problematiche della zucchina: afidi, virosi e oidio. Per la zucca si aggiunge anche il problema della peronospora.

Gli afidi sono da tenere sotto controllo proprio perché trasmettono spesso virosi che danneggiano gravemente la pianta. Ecco come difendersi dagli afidi.

Le virosi vanno prevenute, sia proteggendo l’orto dagli afidi che stando attenti a usare forbici e coltelli disinfettati nelle operazioni di potatura e raccolta.

L’oidio, malattia funginea che si manifesta con una polvere bianca sulle foglie e porta la marcescenza dei frutti, anche dopo la raccolta, si combatte usando lo zolfo mattina e sera (evitando di farlo nelle ore più calde). Al contrario dello zucchino non si può far ruotare la coltivazione della zucca, quindi meglio fare trattamenti in particolare tra luglio e agosto.

La peronospora porta la pianta di zucca a morte rapida, si combatte con rame e i trattamenti andrebbero fatti già sulle piantine in vasetto.

Il marciume del colletto (pitium) è un’altra malattia crittogamica che può colpire la zucca in primavera, agisce solo a temperature sotto i 15 gradi e se c’è molta umidità. Il rame va spruzzato su foglie, gambo e sulla terra del vasetto.

zucca beretta piacentina

Una splendida zucca beretta piacentina da 14 kg.

Raccolta e utilizzo

Raccolta del frutto. La zucca si raccoglie quando è perfettamente matura, diventa più dolce e saporita e si conserva più a lungo, a differenza della zucchina che viene raccolta acerba. La zucca matura si riconosce quando la buccia risulta molto dura e non si riesce a scalfire con l’unghia. Vi consigliamo un approfondimento su come capire quando si raccoglie la zucca. Per conservare le zucche raccolte si tengono in un luogo fresco e asciutto, attenzione a metterle in cantina perché spesso risulta un posto troppo umido, le zucche raccolte sopportano temperature vicine allo zero.

un fiore di zucca giallo arancioneRaccolta del fiore. Il fiore di zucca è buonissimo mangiato fritto in pastella o mantecato nel risotto. I fiori si possono raccogliere tenendo conto di non fermare l’impollinazione. Il nostro consiglio è di non raccogliere al mattino ma dopo mezzogiorno e di raccogliere solo i fiori maschi, riconoscibili dal “picciolo” allungato. Abbiamo anche scritto un post per spiegare quando raccogliere i fiori di zucca.

I semi di zucca. Si può utilizzare ogni parte della zucca: i semi fatti seccare e tostati sono un ottimo snack salato da mangiare all’aperitivo.

Varietà di zucca

La zucca è un ortaggio che si declina in una sorprendente moltitudine di varietà, diverse per forma, colore e sapore. Di seguito trovate alcune qualità che consigliamo per un buon orto famigliare, coltivar selezionati per il sapore e per la produzione.

Sicuramente per un buon orto domestico sono meglio le varietà a frutto piccolo, più adatte a soddisfare i consumi di una famiglia e spesso più dolci per sapore.

Ecco qualche varietà di zucca da provare a coltivare nei vostri orti:

Butternut. Zucca dal frutto un po’ allungato, di colore chiaro sull’ocra, con polpa dolce e ottima conservazione (anche 4 mesi dalla raccolta).

Delica. Zucca piccola (tra uno e i due chili mediamente), tonda e schiacciata, dalla polpa gialla e dolce. Varietà di origine giapponese oggi tra le più coltivate nei nostri orti. Interessante anche perché a ciclo breve, consente due cicli (aprile-luglio e luglio-ottobre), si conserva poco (da consumare entro due mesi dalla raccolta).

Violina. Frutto sui due chili claviforme, buccia gialla, polpa giallo intenso tendente all’arancione. Dolcissima e per questo ottimale per fare i tortelli di zucca.

Zucca spaghetti. Originaria dalla cina, al suo interno la polpa si presenta come un ammasso di spaghetti, si mangiano anche freschi. Pianta molto rustica, facile da coltivare.

Zucca Beretta Piacentina. Zucca a ciclo tardivo, ottima come ortaggio invernale. Misura tonda schiacciata, con rughe profonde sulla scorza. Buonissima, forse la più saporita e dolce varietà.

Zucca verde rampicante. Pianta rampicante che produce frutti allungati, che arrivano anche a due metri di lunghezza.

Marina di Chioggia. Zucca dalla polpa bitorzoluta di color verde, frutto che raggiunge dimensioni molto grandi.

Zucca centenaria. Varietà stranissima dalla forma a cuore rovesciato e col frutto spinoso. La pianta è rampicante, si sviluppa molto e necessita di una rete di sostegno. Per riprodurla si deve piantare l’intero frutto che contiene soltanto un seme. Non teme nessun parassita ed è una pianta molto rustica.

polpa arancione di zucca

Le zucche ornamentali

Vi sono poi diverse varietà di zucca che non si mangiano, si coltivano con funzione ornamentale e si svuotano per farne contenitori o lanterne. La coltivazione di zucche per avere contenitori è in uso fin dai tempi antichi, oggi in particolare ad Halloween sono diventate famose le classiche zucche scavate Vi sono diverse varietà di zucche ornamentali, dalle forme e i colori più disparati. Troviamo la zucca bottiglia, le lagenarie, le trombette. Si può approfondire leggendo l’articolo sulla coltivazione delle zucche ornamentali. Le zucche luffe oltre a essere ornamentali si usano anche per la produzione di spugne vegetali.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento. Per restare in contatto puoi iscriverti alla newsletter o seguire la pagina facebook.

60 Commenti

  1. fabio 12 agosto 2015 al 17:01 - Rispondi

    nel vostro sito, non si parla mai di fasi lunari.
    gradirei se per ogni tipo di semina ci fosse l’indicazione se seminare in luna crescente o calante.
    grazie per la cortese risposta.

    • orticoltore 13 agosto 2015 al 6:15 - Rispondi

      Caro Fabio
      La luna è abbastanza dibattuta tra gli agricoltori, c’è chi la segue e chi la ignora. Noi onestamente non siamo ferrati in materia e siccome ci piace scrivere di quello che abbiamo provato ci asteniamo dal fare troppe considerazioni in merito, anche se certamente sarebbe interessante.

      Un po’ ci siamo documentati e trovi un trafiletto nella pagina calendario, che ti copia incollo qui di seguito, più avanti speriamo di poter seguire il tuo consiglio ed esser più precisi ma non lo faremo senza aver provato.

      La luna calante (da dopo il giorno di luna piena) è la fase in cui la terra è recettiva, per questo si consiglia di seminare ortaggi da radice. E’ il momento anche di raccogliere aglio e cipolle (comunque tutti gli ortaggi a bulbo) e in generale tutti gli ortaggi da conservare a lungo. Inoltre la tradizione indica la semina di tutte quelle piante che vanno a seme (ad esempio basilico, tutti i cavoli, le insalate da cespo, spinaci, sedano, finocchi). Siccome è la fase in cui si dice che le forze siano nella terra è la fase indicata dal calendario lunare per la maggior parte dei trapianti. Sempre in luna calante si vendemmia e si miete e si fanno potature e taglio legna.

      La luna crescente invece è indicata per la maggior parte delle semine, infatti sembra che in questa fase le energie vadano verso l’alto, privilegiando tutto quello che è fuori dalla terra, dando una spinta allo sviluppo delle piante. Secondo il calendario lunare si seminano ad esempio pomodori, cetrioli, insalate da taglio, carote, zucca, zucchina, melanzane, peperoni, ravanelli, fagioli e fagiolini. Come raccolte si privilegiano gli ortaggi da consumare freschi.
      Copio incollo il trafiletto

  2. Giovanni Di Paolo 16 agosto 2015 al 10:22 - Rispondi

    Ho piantato dei semi di zucca nel mese di Aprile (semi cubani) la pianta ha generato immensi rami di circa 15-20 mt.(Circa 10 ) che giornalmente danno 20-25 fiori al giorno. Da circa un mese è nata una zucca che ora peserà circa 10 kg ed è verde oliva, mentre le altre zucche non riescono ad andare avanti. Aspetto che la zucca divento color giallastra per coglierla?? i numerosi rami generati dalla pianta che faccio li taglio?? magari per favorire la nascita di altre zucche?? Grazie per la gentile cokkaborazione

    • orticoltore 17 agosto 2015 al 7:52 - Rispondi

      Buongiorno Giovanni
      Rispetto alle tue domande:

      1) per la raccolta della zucca ti rimando al nostro approfondimento. In sintesi per capire se è matura più del colore valuta la durezza della scorza (prova a inciderla con l’unghia), attenzione che il contatto col terreno umido non la faccia marcire (magari metti un asse di legno per rialzarla da terra.

      2) Di solito si cima la zucca per avere più fiori, dopo la prima zucca formata si lasciano 3 foglie e si cima in modo che nascano nuovi getti, se hai 20-25 fiori al giorno sei messo bene. Il problema potrebbe essere l’impollinazione (dovresti magari mettere qualche fiore nell’orto per attirare le api che fecondino il fiore (nelle zucche c’è fiore maschile e fiore femminile). Per lo sviluppo delle zucche serve anche che il terreno sia ben concimato (fondamentale). Calcola di non lasciare più di 3-4 zucche ogni pianta perché i frutti riescano bene.

  3. franca bascherini 9 ottobre 2015 al 9:35 - Rispondi

    Ho una zucca che ha le stesse caratteristiche di quella che Giovanni Di Paolo ha descritto precedentemente. Io credevo di avere seminato zucche siciliane e invece, con grande sorpresa è nata una pianta (una sola) dalla quale sono nate alcune zucchette rotonde che sono però marcite. Tre solamente sono diventate grandi e, poiché la pianta si era arrampicata su una pergola ho messo dei sostegni (rete metallica) sotto di esse. Per ora sono ancora verdi ma due stanno cominciando a scolorire in alcune parti mostrando un po’ di giallo. Devo aspettare che diventino tutte gialle? Non ho capito come fare per rendermi conto che sono da cogliere. Per ora la buccia è soda.
    Grazie in anticipo e confermo che avete dato notizie interessanti

    • orticoltore 9 ottobre 2015 al 9:41 - Rispondi

      Ciao Franca. Sul colore non posso aiutarti, essendo diverse varietà. Ci si fa l’occhio col tempo, molto difficile descrivere come capire se la zucca è pronta a parole. I consigli che posso provare a darti sono due:
      1) In genere il piccolo della zucca secco indica che è matura.
      2) Se la buccia è molto dura (difficile scalfirla con l’unghia) la zucca è matura.

  4. Niccolo 28 marzo 2016 al 14:51 - Rispondi

    Ciao sono niccolo. Qualcuno mi po aiutare sulla zucca. Visto e la mia prima volta. Come si semina. Il letame ecc tutto grazie ancora per la risposta

    • orticoltore 29 marzo 2016 al 8:08 - Rispondi

      Ciao Niccolo, noi siamo qui per aiutare, se leggi l’articolo dovresti trovare diversi consigli su come fare, se hai altre domande o qualcosa non è chiaro, scrivi pure.

  5. marco valentini 17 maggio 2016 al 21:38 - Rispondi

    ciao. vorrei sapere se i semi di zucca vanno bagnati prima della semina.se si quanta acqua hanno bisogno e per quanto tempo?.
    Grazie marco

    • orticoltore 22 maggio 2016 al 8:00 - Rispondi

      La zucca ha un seme molto facile da far nascere, non è necessario l’ammollo, che si rende utile se il seme non è dell’anno scorso ma più vecchio.

  6. dario 29 maggio 2016 al 14:45 - Rispondi

    Le piantine di sedano da poco piantate nel terreno tendono a ingiallite le foglie…che succede..che faccio?

    • orticoltore 31 maggio 2016 al 9:11 - Rispondi

      Il giallo delle foglie nel sedano può avere diverse cause, eccone alcune: troppa irrigazione/ristagno, parassiti (ad esempio afidi oppure larve sotto terra che danneggiano le radici), concimazione errata, terreno troppo basico, troppa esposizione solare.

  7. Alice 1 giugno 2016 al 12:29 - Rispondi

    Salve,vorrei se possibile delle info. L’ anno scorso comprai al supermercato una zucca x farci la lanterna di halloween,venduta appunto x tale con tanto di lumino. Ho tenuto i semi da parte e quest’anno li ho piantati e sono stata invasa da queste piantine che ho messo nel giardinino. Secondo voi saranno commestibili? Oppure essendo stata la zucca trattata, anche i semi e di conseguenza le mie piantine non saranno commestibili? Grazie in anticipo a chi saprà darmi risposta.

    • orticoltore 5 giugno 2016 al 11:58 - Rispondi

      Esistono zucche ornamentali non commestibili, a parte questo il trattamento del seme non credo che vada più di tanto a modificare pianta e frutto in questo caso, ma non posso garantire. Il consiglio per la prossima volta è di comprare comunque semi bio, col poco che costa una bustina di semi. Se invece volete farne lanterne nessun problema.

  8. Annalisa Montanari 18 giugno 2016 al 10:04 - Rispondi

    Ciao, volevo sapere se posso ancora mettere nel mio orto una pianta di zucchero, o se è troppo tardi. Grazie.

  9. Annalisa Montanari 18 giugno 2016 al 10:07 - Rispondi

    Scusate volevo dire una pianta di Zucca! Preciso che vivo a Bologna. Grazie ancora.

    • orticoltore 20 giugno 2016 al 8:38 - Rispondi

      Fine giugno è un po’ tardino per seminare ma si può ancora farlo, se hai già la piantina da trapiantare va benissimo.

  10. Giacomo 27 giugno 2016 al 11:13 - Rispondi

    Salve. In alcune mie piante di zucca alcune foglie si sono ingiallite e successivamente seccate. Hanno piccoli peletti Bianchi sulla pagina superiore e inferiore. Non è oidio in quanto eseguo regolarmente trattamenti con zolfo e rame (contro oidio e peronospora). Mi sapete dire di cosa si tratta o da cosa è dovuto? Perchè lentamente si stanno contaminando tutte le foglie.

  11. Lorenzo 7 luglio 2016 al 8:25 - Rispondi

    Salve, ho piantato ad aprile nell’orticello di casa due piantine di zucca che si sono sviluppate abbondantemente mettendo fiori e alcune piccole zucche che sono marcite. Una in particolare si e’ sviluppata a terra x piu’ di 6 metri e continua a svilupparsi con foglie enormi e continua a mettere “zucchette”. E’ tutto normale? Devo sollevarla da terra?

    • orticoltore 7 luglio 2016 al 8:29 - Rispondi

      La zucca si espande, è normale. Sollevarla da terra se non è una varietà rampicante non serve, sollevare da terra i frutti invece è molto utile perché non marciscano. Mettici sotto una cassetta di quelle della frutta.

  12. salvatore 22 luglio 2016 al 13:40 - Rispondi

    Ho piantato tre piante di zucca ora ben cresciute e ricche di foglie e fiori ,ma le zucche stesse quando arrivano ad essere grandi come una pallina da ping pong arrestano la loro crescita appassendo ,cosa devo fare ? La cimatura va fatta sui rami anche se gli stessi non hanno ancora frutti o devo aspettare? Grazie dei preziosi consigli.

    • orticoltore 25 luglio 2016 al 14:25 - Rispondi

      Difficile consigliarti senza sapere com’è il terreno e come hai concimato. La cimatura va fatta prima che i rami producano.

  13. salvatore 23 luglio 2016 al 12:32 - Rispondi

    se pianto ora in questo mese le zucche ornamentali pensate che sono ancora in tempo o no

    • orticoltore 25 luglio 2016 al 14:21 - Rispondi

      E’ un po’ tardi, soprattutto se parti dal seme, se prendi piantine già coltivate qualcosa dovresti raccogliere.

  14. Juampy 10 agosto 2016 al 14:28 - Rispondi

    Buonasera a tutti, quest’anno ho piantato una atlantic giant che sta crescendo parecchio!!! Ho lasciato 2 frutti di rame diverse, uno cresce piano invece l’altro è più grande della tazza del wc che ho messo sotto di lei. Vorrei farvi vedere delle foto, è possibile? Saluti e grazie

    • orticoltore 22 agosto 2016 al 12:52 - Rispondi

      Per le foto puoi metterle sulla nostra pagina facebook. Siamo curiosi di vedere la zucca sulla tazza 🙂

  15. Venditti Mauro 20 agosto 2016 al 13:51 - Rispondi

    salve, abbiamo piantato delle zucche di vari tipi. Abbiamo usufruito di una discreta raccolta di fiori fino ad un certo punto dove i fiori sono diventati amari di sapore.Ci può spiegare il perchè questo sia avvenuto?

    • orticoltore 22 agosto 2016 al 13:01 - Rispondi

      Il pistillo dei fiori di zucca può diventare amaro, se lo rimuovi non dovresti avere problemi.

  16. Elena 7 settembre 2016 al 8:02 - Rispondi

    È vero che se si coltivano zucche ornamentali, tipo halloween, vicino a zucche commestibili queste ultime perderanno di dolcezza come se venissero “contaminate” dalle altre?

    • orticoltore 7 settembre 2016 al 8:09 - Rispondi

      Non avevo mai sentito questa teoria. Se il terreno è ben concimato e si rispettano le corrette distanze tra le piante non dovrebbero esserci problemi a coltivare zucche commestibili e zucche ornamentali fianco a fianco.

  17. Neva 17 settembre 2016 al 18:56 - Rispondi

    Salve! Invece di mangiarli ho piantato dei semi di zucca che mi ha portato una conoscente. Sono cresciute tre zucche grandi come dei palloni di calcio: due sono arancioni e una verde. Per raccoglierle seguirò i vostri utilissimi consigli, ma come faccio a sapere se sono commestibili? I semi lo erano senz’altro. E ancora: posso conservare le zucche intere in una cantina asciutta per l’inverno? Quanto tempo? Grazie infinite!

    • Matteo Cereda 19 settembre 2016 al 21:43 - Rispondi

      La zucca è commestibile, se si tratta di una varietà ornamentale te ne accorgi cucinandola (se il sapore è buono le zucche si possono mangiare). Per conservare la zucca ottimo in cantina asciutta (temperatura non inferiore a 10 gradi). Puoi tenerla quattro o cinque mesi senza problemi.

  18. Valentina 20 settembre 2016 al 20:32 - Rispondi

    Salve, avrei bisogno di un consiglio. Ho un dubbio che mi assale ormai da mesi. Piantai delle zucche e ormai sono diventate enorme, lunghe diversi metri con foglie enormi e verdi scure, fin qua tutto bene ma non riesco a capire perché le zucche che escono cresco ogni volta sempre di più ma una volta che il fiore sbocciato si chiude inizia a rinsecchirsi. É vero non ho messo il letame prima di piantare i semi ma comunque concimo la terra. Ho fatto in modo di sollevare la pianta da terra così che non marcisca nulla, eppure non crescono. cosa dovrei fare? Cresceranno prima o poi o visto l’andazzo é inutile che spero?

    • Matteo Cereda 21 settembre 2016 al 14:03 - Rispondi

      Ciao Valentina, se i fiori seccano senza impollinarsi e dar vita al frutto prova a fecondarli manualmente o ad attirare api o altri agenti impollinatori nell’orto.

      • Valentina 23 settembre 2016 al 14:42 - Rispondi

        Ciao, scusa se rompo ancora. Grazie alla tua risposta mi sono ricordata che lessi nel tuo post che parlavi proprio dell’impollinazione dei fiori. Così sono andata a leggere anche come raccogliere i fiori, ma scusa la mia ignoranza io mi sto solo confondendo ancora di più le idee. Guardo la pianta, e vedo una marea di fiori tutti uguali, dentro e fuori, l’unica differenza la vedo con il fiore che cresce sulla zucca, più grosso e robusto e con certi pistilli enormi, ma quest’ultimi non li tocco proprio, mentre quelli sugli steli li raccolgo tutte le sere. Forse é proprio qui che sbaglio? perché a me tutti i fiori sulla pianta sembrano ben impollinati, d’altronde sto in campagna e credo che di api c’è ne siano in abbondanza. É sempre un fatto di impollinazione? perché le zucche crescono in abbondanza ma non superano i 3cm di diametro che si apra o no il fiore sulla zucca.
        Scusa per il papiello

        • Matteo Cereda 26 settembre 2016 al 14:40 - Rispondi

          Molto strano che le zucche non superino i 3 cm di diametro. Forse il problema sta nei semi che hai usato. Hai piantato una semente comprata o hai usato semi recuperati da un frutto? Se hai preso i semi da un frutto che veniva da una pianta a semente ibrida (F1) può essere quello il problema. Prova a comprare nuovi semi, in modo da essere certa di piantare una varietà corretta. Scegli sementi biologiche non ibride in modo da poter poi ricavare i semi dal frutto e non doverli più ricomprare.

          • Valentina 27 settembre 2016 al 14:36

            Allora sarà questo, li presi da una zucca comprata al supermercato. Grazie ancora

  19. Carlo 17 ottobre 2016 al 12:01 - Rispondi

    Buongiorno,
    le zucche non commestibili sono tossiche (chi più e chi meno) o sono solamente amare o con gusto sgradevole?

  20. Adele 29 ottobre 2016 al 17:25 - Rispondi

    Buonasera mi potresti dire se i semi della zucca si seminano con la punta in giu o in su della terra, grazie.

    • Matteo Cereda 1 novembre 2016 al 6:55 - Rispondi

      In teoria la punta sta verso l’alto, ma la zucca cresce comunque anche se metti il seme come capita.

  21. elasri mohamed 10 febbraio 2017 al 23:57 - Rispondi

    Ciao a tutti volio coltivare a vostra a zucca a mia paise maroco mi siervo semine grazze al vostro cercanti die agriculttura

    • Matteo Cereda 13 febbraio 2017 al 14:51 - Rispondi

      Buongiorno Mohamed, noi non vendiamo sementi, in questo sito spieghiamo come coltivare. I semi puoi trovarli in qualsiasi consorzio agrario o garden center.

  22. Daniele 26 marzo 2017 al 14:24 - Rispondi

    Ciao ortodacoltivare.it ! sei un grande grazie mille per i tuoi preziosi consigli!!! buon raccolto a tutti 😀

  23. adele 30 marzo 2017 al 16:12 - Rispondi

    buona sera Matteo sono Adele da Palermo. Volevo sapere gentilmente se è vero che varietà delle zucche come zucche rosse, quelle dei tenerumi, zucchine da friggere per la pasta, la genovese,… Non si seminano vicine perché come dicono qui si “imbastardiscono”, cioé non crescono come dovrebbero e vengono brutti. Io ci credo poco ma volevo una certezza, grazie anticipatamente.

    • Matteo Cereda 31 marzo 2017 al 6:48 - Rispondi

      Ciao Adele. Zucche e zucchine hanno fiore maschile e fiore femminile, per azione delle api si possono imbastardire, te lo confermo. Questo non vuol dire che i frutti vengano brutti, più del frutto il “problema” starà nel seme che ne deriva, certamente ne risulta un incrocio di varietà. Se però tieni una pianta per ogni varietà che impollini manualmente scegliendo alcuni fiori femminili e tenendoli “incappucciati”, per non far arrivare polline di altre piante, puoi preservare la varietà di anno in anno.

      • adele 12 aprile 2017 al 15:59 - Rispondi

        grazie per la tua getilezza ti auguro una buona pasqua

      • Rocco fagone 30 luglio 2017 al 9:44 - Rispondi

        Buongiorno ho un campo di zucche piantate il 10 giugno vorrei sapere come mai a fine luglio non hanno fiori o soltanto qualcuno. La varietà è zucca di miele. Grazie.

        • Matteo Cereda 31 luglio 2017 al 9:37 - Rispondi

          Ciao Rocco, non conosco il clima e le condizioni di coltivazione (concimazione, irrigazione, esposizione solare).

  24. giuseppe 31 marzo 2017 al 13:29 - Rispondi

    Vorrei sapere se posso piantare delle piantine di zucca che ho fatto crescere nei vasetti e dopo quanto tempo metterle per terra nell’orto. Grazie. Giuseppe.

    • Matteo Cereda 31 marzo 2017 al 15:12 - Rispondi

      Ciao Giuseppe, certo che puoi trapiantare le piantine di zucca! Ti conviene aspettare che siano alte 8-10 cm e che le temperature siano abbastanza miti (da aprile, direi).

  25. Giuseppe 4 maggio 2017 al 5:47 - Rispondi

    Ciao a tutti, sono Giuseppe e coltiviamo zucca Moscata di Provenza da un po’, ogni anno impariamo qualcosa: le avversità non mancano mai, secondo voi quali sarebbero le concimature più adatte e i principi attivi contro tutte le avversità? Grazie a voi.

    • Matteo Cereda 4 maggio 2017 al 13:41 - Rispondi

      Ciao Giuseppe, non esiste purtroppo una ricetta unica per rimediare a tutte le avversità, sono convinto però che una corretta gestione del suolo (lavorazione, drenaggio, presenza di microrganismi e sostanza organica) e una biodiversità dell’ambiente circostante riducano le avversità a incidenti trascurabili senza usare chimica o altre porcherie. Come concimazione personalmente prediligo l’humus di lombrico, in abbinamento a letame equino se disponibile, quando non riesco a star dietro al cumulo tampono con stallatico pellettato ma sempre abbinato al vermicompost.

  26. Stefano Gasparotto 6 maggio 2017 al 14:10 - Rispondi

    Gentile Matteo, ti faccio una domanda: sai più o meno quanta cenere di legna vada mischiata col compost? Non vorrei rendere il suolo troppo salino… E sai se ci siano legni migliori di altri a questo scopo? Come compost io uso lolla di riso marcita 2 anni (nella quale, peraltro, le zucche crescono benissimo anche senza terra), e ho un terreno limoso o comunque di risaia, che è piuttosto fertile… Anche se quest’anno, per ragioni di spazio, pensavo di coltivare le zucche in quello che un tempo era un grosso letamaio: sul fondo ci sono sicuramente i prodotti della decomposizione del letame bovino, mentre in superficie ci sono resti e scarti di piante di ogni genere usate a scopo alimentare. Mi sembra il luogo adatto per le esigenze delle zucche (che già mia nonna seminava lì). Ultima domanda: la medesima concimazione va bene anche per il melone?

    Grazie mille,
    Stefano

    • Matteo Cereda 8 maggio 2017 al 9:21 - Rispondi

      Ciao Stefano. Quanta cenere usare dipende dal terreno, io vado a occhio e a disponibilità. In genere considera che ogni 10 metri quadri di orto non dovresti mettere più di 2 kg di cenere (io mi attesto alla metà). Non so dirti se ci sono legni migliori, ovviamente evita di bruciare legname non massello (quindi contenente colle o vernici) perché altrimenti avveleni il suolo. Essendo ricca di potassio la cenere è ottima anche per il melone. Il tuo letamaio può andar bene a patto che sia tutto sufficientemente maturo: se c’è materiale ancora in decomposizione rischi di veder ammalarsi tutte le piante. In genere il letame si cumula e poi si distribuisce perché non ci sia eccesso di concime.

  27. Stefano Gasparotto 29 ottobre 2017 al 17:51 - Rispondi

    Ciao, alcune mie zucche piacentine (la varietà precisa non la conosco purtroppo… Comunque sono grigie ed hanno il fondo piatto) hanno un difetto nella polpa: buona parte di questa è costituita da granelli bianchicci piuttosto duri, solitamente concentrati vicino alla buccia. Sono sgradevoli al palato, ma non per il gusto, che anzi spesso è un po’ dolce, ma per la consistenza. Nonostante questo problema, la polpa normalmente formata delle zucche è dolcissima e buonissima. Non so se tutte le piacentine che ho fatto abbiano il medesimo difetto, non avendole ancora mangiate….
    Avete conoscenze o congetture sulla causa di questo difetto?

    Grazie mille!

    • Matteo Cereda 30 ottobre 2017 al 15:17 - Rispondi

      Ciao Stefano. Sinceramente non mi è mai capitata una cosa simile. Se qualche lettore ha esperienze in merito metta la risposta, anche se tu Stefano scopri qualcosa in più fammi sapere che questo ennesimo mistero dell’orto mi incuriosisce.

Scrivi un commento