Elateridi o ferretti

Gli elateridi, detti anche ferretti, fanno parte della famiglia dei coleotteri e sono parassiti particolarmente fastidiosi per l’orto nella fase larvale.

elateridi o ferretti

Si tratta di vermetti molto più piccoli dei lombrichi che si cibano delle radici fino a entrare dentro la pianta divorandola dal sotto. Sono antipatici soprattutto per tuberi e bulbi, ma possono danneggiare molto anche radici e piantine di altri ortaggi.  Questi vermi bucando bulbi e tuberi favoriscono anche la diffusione di malattie come il fusarium. I coleotteri depongono le uova bianchicce nel sottosuolo, intorno ai 30 cm di profondità.

Riconoscere l’attacco degli elateridi

Se i ferretti si stanno cibando delle nostre piante potremmo vederlo osservando la pianta deperire senza alcuna spiegazione visibile dall’esterno.

Combattere gli elateridi

Non c’è modo di attaccare con prodotti biologici questi vermi, per difendere l’orto dagli elateridi l’unico sistema è attirarli fuori dalla terra con delle esche (funzionano perfettamente i pezzi di patata) e controllare ogni giorno eliminando i parassiti che vi entrano.

 Prevenire gli elateridi

La pacciamatura previene gli attacchi degli elateridi scoraggiando i coleotteri a deporre le uova nel terreno dell’orto.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento. Per restare in contatto puoi iscriverti alla newsletter o seguire la pagina facebook.

2017-07-12T13:16:39+00:00 Categorie: Parassiti e insetti|Tag: , , , , |

8 Commenti

  1. gino 28 agosto 2015 al 11:20 - Rispondi

    dopo aver seminato la fagiolina rampicante, noto che le piantine appena sbucate dal terreno si seccano

    • orticoltore 28 agosto 2015 al 12:27 - Rispondi

      Ciao Gino. Probabile che siano i ferretti, prova a tirar su una delle piantine seccate e verifica come stanno le radici, se sono rovinate. Poi con qualche pezzo di patata puoi attirare i vermi fuori dal terreno.
      Altro problema che viene dal sotto suolo è il marciume radicale, prova a verificare.

  2. marcello 3 novembre 2016 al 12:07 - Rispondi

    grazie veramente interessante

  3. stefano 18 aprile 2017 al 14:26 - Rispondi

    ciao Gino io ho 2 ettari di patate da difendere da questo insetto sono in montagna come posso difendermi ?

  4. angelo 30 settembre 2017 al 15:10 - Rispondi

    Il mio orto di 100 metri quadri circa e’ impestato di elateridi, sono talmente tanti che non sono riuscito a salvare nemmeno una delle 100 piantine di radicchio che ho piantato ai primi di settembre. Secondo quanto ho sentito, ho cosparso il terreno di calce. Ho fatto bene? Può servire a debellare l’insetto? Grazie.

    • Matteo Cereda 2 ottobre 2017 al 9:10 - Rispondi

      Ciao Angelo, la calce ha un effetto “disinfettante” nel terreno, per cui potrebbe servire allo scopo. Ci sono però anche controindicazioni: l’apporto di calce rende la terra più calcarea, per cui potrebbe far variare il ph del terreno verso il basico, rendendolo meno adatto ad alcune coltivazioni. Consiglio di verificare misurando il ph.

  5. Roberto 4 ottobre 2017 al 11:37 - Rispondi

    Anche il mio orto è pieno di questi elateridi che mi hanno distrutto quasi tutto il radicchio, qualcuno mi ha consigliato di cospargere con Calcioanamide in abbondanza dopo vangato prima dell’inverno per poi distribuirne ancora un poca 15 giorni prima della semina in primavera, sarà una buona soluzione a questo problema?

    • Matteo Cereda 4 ottobre 2017 al 12:55 - Rispondi

      Si può usare il calciocianamide, interrandolo almeno un mese prima della semina. Personalmente lo ritengo un metodo un po’ invasivo, preferisco evitare di usare prodotti anche consentiti in bio. Un’alternativa può essere la coltivazione da sovescio di rafano.

Scrivi un commento