Coltivare la lattuga nell’orto

cespi di lattugaLe lattughe sono piante della famiglia delle composite, sono molto diffuse negli orti famigliari. Si tratta di un’insalata che si coltiva come pianta annuale, evitando che vada in seme, per raccogliere le foglie quando sono ancora tenere, buone da mangiare crude.

Sono diverse le varietà di lattuga diffuse, possiamo sostanzialmente dividerle in due famiglie: le lattughe da cespo e quelle da taglio, dette anche lattughini. Le lattughe da cespo producono appunto un cespo sviluppato, quando è pronto si raccoglie tutta la pianta, ne fanno parte ad esempio la lattuga canasta e la regina dei ghiacci. Le insalate da taglio, come la pasqualina o la biscia rossa, permettono invece più raccolte all’anno, prendendo solo le foglie.

La lattuga ama temperature abbastanza fresche e per questo è un ortaggio ideale da coltivare in autunno e primavera. Riesce bene in coltura protetta e per questo si può raccogliere insalata praticamente tutto l’anno se si effettuano semine scalari e si coltiva anche in tunnel. E’ una pianta non molto esigente in termini di spazi e sostanze nel terreno, che si può coltivare volendo anche in vaso sul balcone.

Clima e terreno

Clima. Tutte le varietà di lattuga, sia da cespo che da taglio, hanno bisogno temperature abbastanza fresche: germinano idealmente tra i 10 ed i 18 gradi. Quando le temperature salgono sopra ai 22 gradi i semi non germinano più, per questo sono ortaggi ottimali per essere coltivati a primavera e autunno e soffrono durante i mesi estivi.

Terreno. La lattuga è poco esigente, potendo scegliere meglio una terra sciolta, fertile e drenante, ma non ci sono particolari richieste in termini di suolo.

Come si semina la lattuga

Seminare lattughe a cespo. Le varietà a cespo si possono seminare direttamente in campo oppure in semenzaio. Volendo mettere a dimora i semi direttamente nell’orto in genere si mettono a postarelle, mentre in coltura protetta si fanno germinare in vasetti, che possono esser lasciati inizialmente anche in un posto fresco per ripararle dal caldo estivo, ad esempio in cantina, oppure riscaldato durante i mesi invernali. Una volta cresciute le prime foglioline le piantine di insalata richiedono la luce. Il periodo di semina è molto ampio: dicembre/gennaio se tenute al riparo, febbraio/marzo in semenzaio o coltura protetta e poi in pieno campo da aprile fino a giugno. Le distanze dipendono dalla varietà di lattuga, le specie più note formano cespi grandi e richiedono distanze di almeno 35 cm tra le piante. Si mettono i semini in postarelle con 2-3 semi cadauna, a un centimetro di profondità.

Seminare lattughe da taglio. Si seminano in genere direttamente in campo, a spaglio o meglio per file. La fila ha il vantaggio di una più facile pulizia dalle erbacce, inoltre si evitano distanze troppo ravvicinate che generano malattie fungine. In primavera e a inizio autunno si mettono i semi a dimora nell’orto, ma se si pianta sotto tunnel o telo si può iniziare anche da febbraio e continuare fino a tutto novembre.

Seminare lattuga d’estate. La lattuga germina con temperature inferiori ai 22 gradi, se si vuole seminare nei mesi caldi occorre tener fresco il terreno, ad esempio si può coprire le aiuole con un sacco di iuta che va bagnato spesso, in questo modo l’evaporazione raffredda e permette all’insalata di svilupparsi a dispetto delle alte temperature esterne.

Acquista semi bio di lattuga

Coltivazione delle lattughe

Coltivare l’insalata è molto semplice, una volta seminata basta avere attenzione a dare la giusta quantità d’acqua e tenere sotto controllo erbacce e insetti, in particolare larve e lumache. Se il clima diventa avverso o manca l’acqua può succedere che la pianta decida di andare a seme anticipatamente, ed emette lo scapo floreale, rovinando il raccolto.

Trapiantare l’insalata. Se si semina la lattuga in vasetto al momento del trapianto bisogna ricordarsi di tenere fuori dal terreno un dito di pane di terra e non mettere a filo del terreno. Questo permetterà al cespo che si sviluppa lateralmente di stare sopraelevato, evitando di favorire marciumi dovuti allo schiacciarsi di foglie sul terreno.

Pacciamatura. Una tecnica molto utile per risparmiarsi lavoro di sarchiatura è quella di usare la pacciamatura per coltivare la lattuga. Si può pacciamare con paglia o teli biologici di juta o materbi.

Irrigazione. Le foglie larghe dell’insalata traspirano molto e per questo motivo si consigliano irrigazioni frequenti. I momenti di maggior fabbisogno di acqua sono subito dopo il trapianto e quando si forma il cespo. L’annaffiatura serale previene molte malattie funginee come la bremia, bisogna evitare di bagnare le foglie e di irrigare durante i momenti di grande caldo.

Le lattughe d’inverno. Il lattughino seminato in inverno arresta la sua crescita col gelo, se le foglie sono poche e ancora piccole la piantina può resistere all’inverno e ripartire al primo tepore per aver pronta l’insalata in primavera. Si può proteggere la lattuga con tessuto non tessuto o coltivarla sotto tunnel, per maggiori informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo su come coltivare le insalate invernali. Le lattughe da cespo resistono meno al freddo rispetto alle varietà da taglio.

Raccolta e utilizzo. La lattuga si raccoglie prima che monti a seme, in genere entro gli 80-100 giorni di coltura, comprese le 2-3 settimane in semenzaio. La canasta è un po’ più lunga e monta a seme in 4 mesi ma si danneggia molto sulle foglie esterne, le lollo sono invece le più rapide a svilupparsi. Se si vuole rallentare la salita a seme un’innaffiata di acqua molto fredda provoca uno shock alla pianta e la ferma per qualche giorno. Quando si raccolgono le lattughe da cespo si taglia in genere tutto il cespo. Le varietà da taglio consentono invece più raccolte ogni anno: si tagliano le foglie di insalata, aspettando poi che ricrescano un’altra volta per una seconda raccolta. Si arriva a tre tagli per varietà come le lollo e le biscia. La lattuga parella (verde o rossa) forma dei grumoli da raccogliere in primavera.

Malattie della lattuga

Le lattughe in condizioni di umidità temono diverse malattie fungine. Vediamo di seguito le principali problematiche.

Rizoctonia e pitium. Problemi dovuti a funghi, che colpiscono la pianta in condizioni di umidità, sono colpite soprattutto le lattughe a livello di piantina.

Peronospora (bremia). La bremia forma una muffetta bianca sulle foglie d’insalata. Come per pitium e rizoctonia si tratta di un altro problema di spore, la bremia agisce con temperature tra i 18 ed i 20 gradi, condizione tipica della fase di crescita della pianta. Si verifica in particolare sotto tunnel e quando si presentano ristagni di acqua. Per prevenirla occorre arieggiare tunnel e serre. La bremia si combatte col rame, ma di solito non conviene fare trattamenti che hanno comunque una tossicità.

Verticillium. Malattia che fa marcire completamente la pianta, si diffonde rapidamente. In agricoltura biologica si ferma l’infezione eliminando tempestivamente le piante colpite.

filari di lattuga

Botrite. Questa malattia colpisce le parti secche, si espande alle foglie verdi solo se le temperature sono basse e piove molto, per prevenirla si rimuovono eventuali parti secche della lattuga.

Oidio. Altra malattia funginea che colpisce soprattutto le coltivazioni di lattuga autunnale, riconoscibile per le chiazze bianche polverose sulle foglie.

Insetti e parassiti

Ferretti. Nella terra gli elateridi o ferretti possono rovinare le piantine di lattuga, per liberarsene si possono attirare con pezzetti di patata ed eliminarli poi manualmente.

Bruchi. Le nottue e le larve di oziorrinco e maggiolino invece sono bruchi che escono di notte per mangiare la pianta, soprattutto al colletto. Si può usare contro di loro il bacillus thuringensis, metodo atossico e naturale.

Afidi. Gli afidi sono piccoli insetti molto difficili da eliminare perché il cespo di lattuga offre molti anfratti in cui questi pidocchi possono annidiarsi. Il piretro è un insetticida che potrebbe ucciderli ma agisce per contatto e seppur naturale ha una lieve tossicità, per cui meglio evitarlo. Se l’infestazione non è molto progredita basta lavar via gli afidi, se qualche esemplare resta e viene mangiato sarà solo qualche proteina in più.

Lumache. Altro nemico dell’insalata sono limacce e chiocciole, questi gasteropodi sbranano letteralmente le foglie di lattuga. Gli attacchi delle lumache sono facili da identificare e si arrestano con trappole fatte con vasetti riempiti di birra o altre esche. Per utilizzare il lumachicida senza che vada nel terreno e venga sprecato si può ricorrere ai dispenser Lima Trap.

Le diverse varietà di lattuga

Elenchiamo di seguito alcune varietà di lattuga molto coltivate e interessanti per gusto o semplicità di coltivazione.

Varietà di lattughe da cespo: lattuga cappuccio, lattuga romana, salad bowl, regina dei ghiacci (detta anche lattuga iceberg oppure brasiliana), lattuga canasta.

Varietà di lattuga da taglio: le più conosciute insalate da taglio sono la ricciolina, la pasqualina, lattuga biscia rossa oppure biscia verde, lattuga lollo.

lattuga canasta

Canasta

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento. Per restare in contatto puoi iscriverti alla newsletter o seguire la pagina facebook.

17 Comments

  1. Romano neri 2 settembre 2015 al 20:40 - Rispondi

    Consigli molto utili complimenti. Li povero’ subito , ho preparato il terreno per l’ insalata e seguirò le vostre indicazioni saluti

    • orticoltore 3 settembre 2015 al 10:08 - Rispondi

      grazie Romano, buona coltivazione!

  2. LINO SANTONI 23 febbraio 2016 al 17:06 - Rispondi

    Sono certo che imparerò a conoscere anche li nomi delle specie oltre ai generi

    • nino 5 luglio 2016 al 13:48 - Rispondi

      lino sei il santoni di orotelli. saluti ninu

  3. Silvia Sigs 20 giugno 2016 al 20:59 - Rispondi

    Si il tessuto non tessuto bianco posto sopra le piantine aiuta molto!!!
    Anche per evitare che le lepri se le mangino.

  4. Aldo 18 giugno 2017 al 10:55 - Rispondi

    Ho trapiantato stamani,32 gradi all’ombra. Non credo di aver avuto una buona idea……

    • Matteo Cereda 18 giugno 2017 al 22:23 - Rispondi

      Se è troppo caldo ricorda di bagnare tutti i giorni (meglio la sera) e magari ombreggia la piantina e pacciama il terreno intorno per tenerlo umido.

  5. Marco 28 agosto 2017 al 11:03 - Rispondi

    Salve,
    nelle insalate da taglio, l’asportazione delle foglie deve lasciare integro il germoglio centrale? oppure basta recidere ad una certa altezza e la pianta riemetterà nuovi germogli?

    Grazie mille,
    Marco

    • Matteo Cereda 28 agosto 2017 al 13:26 - Rispondi

      L’insalata da taglio si recide totalmente, non sempre ricaccia (dipende dal clima e dal tipo di insalata), in alcune insalate dopo aver preso il cespo si risemina, tanto hanno ciclo veloce.

  6. Mattia 12 gennaio 2018 al 17:28 - Rispondi

    Quindi le insalate a cespo danno un solo raccolto?

    • Matteo Cereda 14 gennaio 2018 al 6:32 - Rispondi

      Sì, tagliando alla base difficilmente l’insalata ricaccia in modo significativo.

  7. GIANLUIGI 10 febbraio 2018 al 21:35 - Rispondi

    HO PIANTATO L’INSALATA 30 GIORNI FA E QUANDO ERA PRONTA PER LA RACCOLTA, UN INSETTO LA MANGIA AL COLLETTO PRATICAMENTE UN CEPPO AL GIORNO, COSA POSSO FARE?

    • Matteo Cereda 12 febbraio 2018 al 13:52 - Rispondi

      Ciao Gianluigi, per sapere come difendersi occorre identificare l’insetto. Hai fatto qualche foto?

  8. Roberto 27 febbraio 2018 al 20:11 - Rispondi

    Ciao, ho già messo a dimora tutti i semi delle lattughe in serra a metà febbraio ma non sapevo come coltivarle, con i vostri consigli sarà più facile. Grazie, vi farò sapere. Ciao da pollicino green. 🙂

  9. Diego 20 giugno 2018 al 18:08 - Rispondi

    Buonasera. Trapiantare la lattuga in mezzombra può aiutare durante l’estate oppure lo sconsigliate? Grazie.

    • Matteo Cereda 22 giugno 2018 al 8:44 - Rispondi

      Ciao Diego, la lattuga si può coltivare in mezzombra, ma non in ombra completa: è bene che abbia quattro o cinque ore di sole al giorno. In alternativa per la coltivazione d’estate è bene usare reti ombreggianti dove fa molto caldo, è utile anche una pacciamatura in paglia per non far seccare troppo il suolo sotto al solleone.

  10. Diego 22 giugno 2018 al 10:52 - Rispondi

    Grazie per i chiarimenti!!! Saluti

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.