Bacillus thuringiensis: larvicida biologico

Per il nostro orto biologico vanno usati solo prodotti di origine organica o naturale, tra gli insetticidi bio un prodotto molto utile è il bacillo thuringiensis. Questo insetticida è altamente selettivo e ci permette di difendere gli ortaggi da molti parassiti, in particolare dalle larve di lepidotteri.

Un insetticida naturale atossico per l’uomo

Bacillus thuringensisEssendo un batterio entomopatogeno questo insetticida è completamente naturale, si tratta di conseguenza di un prodotto consentito nell’agricoltura biologica, che non porta problemi di tossicità o conseguenze a livello ambientale.

Il bacillus thuringiensis è innocuo per l’uomo e anche per gli insetti utili, a differenza della maggior parte dei pesticidi in commercio. Gli amici dell’orto come le coccinelle, che mangiano i parassiti, o le api, che impollinano i fiori, possono stare tranquilli. Per questo motivo può essere usato nell’orticoltura biologica senza preoccupazioni. Il batterio agisce bloccando l’apparato digerente delle larve di lepidotteri (farfalle e falene) uccidendo per paralisi questi insetti.

L’azione insetticida

Il baciullus thuringiensis è un batterio, organismo unicellulare. La sua caratteristica peculiare è di essere sporigeno: in determinate condizioni esterne il batterio forma una spora al suo intero e la libera. In questo modo il bacillo prende una forma più resistente. Insieme alla spora si libera un cristallo, è quest’ultimo ad avere azione insetticida: quando viene ingerito dalle larve di insetto diventa una tossina e blocca l’apparato digerente, facendo morire il bruco. Diversi ceppi di bacillus thuringiensis hanno efficacia su diversi tipi di insetti, come vediamo qui di seguito.

Tipi di bacillus thuringiensis

Ci sono diversi ceppi di questa particolare specie di batterio sporigeno. Il più interessante per chi pratica l’agricoltura biologica è senza dubbio il BTK (Bacillus Thuringiensis Kurstaki) perché colpisce con efficacia le larve della maggior parte degli insetti nocivi per l’orto e per il giardino. La sua efficacia è prevalentemente contro i lepidotteri, quali cavolaia, piralide, tignola, falena, processionaria. Le nottue come i bruchi di cavolaia sono soprattutto diffuse sulle piante da orto, mentre piralidi e tignole sono flagelli che colpiscono il frutteto.

Il ceppo tenebronis invece è efficace contro i giovani coleotteri, l’applicazione più importante di questo batterio è la lotta alla dorifora delle patate, insetto tristemente noto a chi coltiva piante solanacee.

Da segnalare anche il Bacillus thuringiensis israelensis perché in grado di colpire le larve di zanzara. Viene utilizzato soprattutto in pastiglie idrosolubili, utili a bonificare acqua stagnante. Questo larvicida è perfetto se ci sono nei pressi delle coltivazioni dei bidoni di raccolta dell’acqua piovana, che potrebbero diventare altrimenti allevamenti di zanzare tigre.

Come usare il bacillus thuringiensis

In presenza di attacchi di nottue o agrotidi si può distribuire sulle piante il bacillus thuringiensis, le spore devono essere diluite in una soluzione acquosa. Per una migliore efficacia il trattamento deve essere fatto la sera, in quanto le larve escono la notte ad attaccare gli ortaggi. In aggiunta le spore di questo insetticida non sono molto resistenti, in particolare il calore e la luce possono rendere il prodotto inoffensivo, da qui il consiglio di fare trattamenti serali.

Il bacillus non è efficace semplicemente per contatto: deve essere ingerito, e colpisce esclusivamente le larve, non serve contro uova e individui adulti. Per questo è importante trattare al momento giusto, in modo da uccidere la generazione di parassiti prima che possa svilupparsi.  Contro gli insetti adulti in agricoltura biologica vengono usati invece altri prodotti, come olio di neem e piretro, a quest’ultimo bisogna fare attenzione perché non è selettivo e seppur di origine naturale è tossico per molti organismi.

Bibliografia. Un consiglio di lettura per approfondire l’argomento degli insetticidi biologici:

Un insetticida naturale atossico per l’uomo

Bacillus thuringensisPer il nostro orto biologico vanno usati solo prodotti di origine organica o naturale, tra gli insetticidi bio un prodotto molto utile è il bacillo thuringiensis, un insetticida selettivo che ci permette di difendere gli ortaggi dalle larve di lepidotteri e nottue.

Il bacillus thuringiensis è innocuo per l’uomo e anche per gli insetti utili per l’orto (come le coccinelle che mangiano i parassiti o le api che impollinano i fiori), per questo motivo può essere usato nell’orticoltura biologica senza preoccupazioni. Si tratta di un batterio che blocca l’apparato digerente delle larve di lepidotteri (farfalle e falene) uccidendo per paralisi questi parassiti.

L’azione di questo insetticida

Il baciullus thiringiensis è un batterio, organismo unicellulare. La sua caratteristica peculiare è di essere sporigeno: in determinate condizioni esterne il batterio forma una spora al suo intero e la libera. In questo modo il batterio prende una forma più resistente. Insieme alla spora si libera un cristallo, è quest’ultimo ad avere azione insetticida: una volta ingerito dalle larve di insetto diventa una tossina che blocca l’apparato digerente della larva, facendola morire.

Come usare il bacillus thuringiensis

Il bacillo si distribuisce sulle piante in presenza di attacchi di nottue o agrotidi, per una migliore efficacia il trattamento va fatto la sera, in quanto le larve escono la notte ad attaccare gli ortaggi. Il bacillus non è efficace per contatto: deve essere ingerito, e colpisce esclusivamente le larve, non serve contro uova e individui adulti. Per questo deve essere usato al momento giusto, in modo da uccidere la generazione di parassiti prima che possa svilupparsi. Inoltre le spore di questo insetticida non sono molto resistenti, in particolare il calore e la luce possono rendere il prodotto inoffensivo, da qui il consiglio di fare trattamenti serali.

Tipi di bacillus thuringiensis

Ci sono diversi ceppi di questa particolare specie di batterio sporigeno. Il più interessante per chi pratica l’agricoltura biologica è senza dubbio il BTK (Bacillus Thuringiensis Kurstaki) perché colpisce con efficacia le larve della maggior parte degli insetti nocivi per l’orto e per il giardino: cavolaia, piralide, nottua, dorifora, tignola, falena, processionaria.

Da segnalare anche il Bacillus thuringiensis israelensis perchè uccide le larve di zanzara. Viene utilizzato soprattutto in pastiglie idrosolubili, utili a bonificare acqua stagnante. Questo larvicida è perfetto se avete dei bidoni di raccolta dell’acqua piovana e volete evitare di farne degli allevamenti di zanzare tigre.

Bibliografia. Un consiglio di lettura per approfondire l’argomento degli insetticidi biologici:

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento. Per restare in contatto puoi iscriverti alla newsletter o seguire la pagina facebook.

4 Comments

  1. Stefano 9 settembre 2015 al 19:19 - Rispondi

    Il Bacillus thuringiensis, nella varietà israelensis, può essere usato anche contro le larve di zanzara.

    • orticoltore 10 settembre 2015 al 6:54 - Rispondi

      Questo non lo sapevo… A seguito della tua segnalazione e di una ricerca ho aggiornato l’articolo. Grazie!

  2. NICOLETTI NICOLA 9 settembre 2016 al 8:59 - Rispondi

    Bacillus thuringensis: SOTTO QUALE FORMA SI ACQUISTA?

    • Matteo Cereda 9 settembre 2016 al 9:02 - Rispondi

      Sono in vendita diversi insetticidi biologici contenenti il bacillus thuringensis. Possono essere richiesti nei consorzi ma si trovano anche sul web.

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.