Le zucchine: semina, coltivazione, raccolta

lo zucchinoLa zucchina è una pianta della famiglia delle cucurbitacee che non può mancare in un orto domestico, esige molte sostanze nutritive dal terreno ma se coltivata correttamente offre una ricca produzione di ottima verdura e oltre al frutto potrete cucinare anche i buonissimi fiori di zucchina in pastella.

Lo zucchino è una verdura particolarmente indicata nelle diete ipocaloriche, infatti ha soltanto 20 calorie in 100 grammi di frutto, sono moltissime le ricette con le zucchine, proprio per questo si tratta di una pianta da non dimenticare nell’orto famigliare.




Il terreno, il clima ideale e la concimazione

Il terreno e il concime. Le zucchine idealmente richiedono un ph del terreno compreso tra sei e sette, sono una pianta molto esigente in quanto a materia organica e sostanze nutritive e per questo occorre un’ottima concimazione di fondo, si tenga conto come riferimento indicativo 1,2 kg di letame secco al metro quadro. Lo zucchino quindi è da piantare in terreno ben fertile e preferibilmente assolato.

Il clima. La zucchina è una pianta di origine tropicale, per questo motivo richiede un clima abbastanza temperato e teme il gelo, sotto i 10 gradi si ferma e smette di crescere, ama temperature intorno ai 15 di notte e 25 durante il giorno.

Come e quando seminare lo zucchino

In semenzaio. Le zucchine possono essere seminate a marzo in semenzaio in coltura protetta, basta collocare un seme per ogni vasetto, a un cm di profondità con la punta rivolta verso l’alto. Se la temperatura è sui 20 gradi il seme germoglia in 4 giorni, se è più calda anche meno. La piantina può rimanere nel vasetto fino alla formazione di 3 foglie vere, generalmente 15 o 20 giorni, poi si deve trapiantare. L’ultimo trapianto si può fare verso il 20 agosto, con semi piantati ai primi del mese.

In pieno campo. La semina in pieno campo invece inizia da metà aprile, quando la temperatura si stabilizza sopra ai 10 gradi, se fa più freddo si blocca la crescita e le piante restano nane. Per la semina a dimora all’aria aperta si mettono 2 o 3 semi per ogni postarella, profondità 1,5 cm

Il sesto di impianto. Le zucchine si seminano a distanze di 100 x 80 cm almeno, essendo piante esigenti sia in termini di spazio che di sostanza nutritiva.

la pianta delle zucchine in fiore

La coltivazione biologica

Ombreggiare le piante d’estate. La zucchina con le sue grandi foglie teme l’eccessiva insolazione, d’estate può essere utile ombreggiare le piante piccole con teli  o reti, soprattutto a mezzogiorno e soprattutto negli orti dell’Italia meridionale dove il sole batte forte.

Rotazione. Conviene far produrre la zucchina per due mesi, il ciclo totale sarà di 3 mesi visto che serve un mese per arrivare in produzione. Dopo i tre mesi meglio riseminarlo per evitare gli attacchi dell’oidio.

Si mangia anche la pianta. Il fusto della zucchina è abbastanza fragile, occorre stare attenti a non rompere i rami, se la pianta viene danneggiata da giovane può emettere rami laterali, una volta cresciuta invece se si danneggia finisce di produrre.Le cime delle zucchine sono commestibili, si possono volendo usare nel minestrone, ricordatevi quando andate ad asportare la pianta per la rotazione. Anche i boccioli sono una verdura poco conosciuta ma molto ricercata, soprattutto in alcune zone della Lombardia. In caso di grandine che rovinasse le foglie vanno rimosse quelle troppo sbrindellate.

Anticipare la raccolta (letto caldo e coperture). Si può per anticipare la raccolta della zucchina fare una buca in cui interrare letame fresco sotto al letto di semina. Per riparare le piantine in primavera (marzo e aprile) si possono usare cappelli di plastica o tunnel di politene.

Sostegni. Ci sono varietà striscianti di zucchina, vale la pena sostenere il fusto con pali da 120 cm a cui legarlo per avere una migliore esposizione al sole, areare la pianta e essere più comodi a raccogliere.

Pacciamatura. La pacciamatura è una tecnica utile nel coltivare le zucchine, per prima cosa perché riduce il lavoro di sarchiatura e controllo delle infestanti, risparmiando molta fatica all’orticoltore, in secondo luogo perché evita ai frutti di appoggiarsi per terra e quando il terreno è bagnato può salvarli da marciumi. Si può pacciamare indifferentemente con teli o paglia.

Irrigazione. Lo zucchino è una pianta che richiede molta acqua, perché produce molti frutti che andiamo a cogliere e anche perché ha foglie molto grandi che traspirano, bisogna bagnarlo almeno due volte a settimana. Meglio irrigare di buon mattino, sotto la chioma, cercando quindi di non bagnare le foglie, usando acqua a temperatura ambiente. Dopo la semina o il trapianto ovviamente c’è particolare bisogno di innaffiature, come per tutte le piantine dell’orto.

Concimazione durante la produzione. E’ utile tornare a concimare la pianta di zucchine quando inizia a produrre, si può usare macerato di ortica o letame pellettato, la pianta richiede soprattutto azoto e potassio. Si interviene dopo la comparsa dei primi fiori.

Impollinazione e fiori di zucchino. Lo zucchino per produrre il frutto richiede l’impollinazione del fiore e occorre tener conto che esistono fiori maschili e femminili. L’impollinazione avviene di mattina, con bel tempo e temperature non troppo basse, se piove gli insetti non escono e si perde il giorno di impollinazione. Se lo zucchino non si impollina diventa scuro e si forma il frutticino che marcisce. I frutticini devono essere immediatamente eliminati, con molti frutticini si arresta la produzione della pianta. Nella raccolta dei fiori, di cui trovate consigli più approfonditi in seguito, occorre considerare l’impollinazione e lasciare le femmine e qualche maschio. Meglio non cogliere i fiori al mattino per lasciar lavorare gli insetti impollinatori.



Coltivazione in serra. Se coltivate le zucchine in serra o se usate reti antigrandine o anti afide a maglia fitta dovete fare attenzione che api e bombi possano entrare e uscire liberamente, altrimenti rischiate che non vi sia impollinazione e quindi niente raccolto.

Rotazione e consociazione. Lo zucchino va seminato a rotazione nell’orto, sia perché consuma molte sostanze nutritive e quindi è meglio lasciare il tempo al terreno di riprendersi, sia perché le sue malattie (come l’oidio) non tornino di anno in anno. Conviene lasciare almeno tre anni prima di ritornare a piantar zucchini sulla stessa parcella di orto e intervallarli con piante della famiglia delle leguminose che possono arricchire il terreno di azoto.

Malattie e parassiti della pianta

marciume zucchina

Erwinia Carotovora

oidio sulla foglia di zucchina

Oidio

Erwinia Carotova. Un marciume del frutto dovuto a batteriosi. Ecco come si riconosce e combatte l’Erwinia Carotovora nelle zucchine.

Oidio. L‘oidio è una malattia funginea che si manifesta come una polvere bianca sulle foglie della pianta e in seguito provoca il marciume dei frutti. Si previene con una rotazione della coltivazione, non bisogna lasciare la pianta per più di tre mesi. Contro l’oidio come trattamento fitosanitario consentito in agricoltura biologica si può usare lo zolfo, tenendo conto un periodo di carenza di una settimana che va lasciato dal trattamento a quando raccogliete l’ortaggio.

Virosi. Vi sono molte virosi che possono colpire la pianta della zucchina, queste malattie non si possono combattere ma per prevenirle è importante evitare gli afidi e stare attenti quando si raccoglie. Il principale mezzo di trasmissione della virosi è infatti lo strumento di raccolta (cesoia o coltello), che tagliando trasmette la malattia. Attenzione alle piante sospette e se trovate piante malate sono da eliminare tempestivamente. Le virosi delle cucurbitacee sono varie, ad esempio il mosaico del cetriolo, la maggioranza non uccide la pianta ma la deforma e ne pregiudica la produzione.

Afidi. Gli afidi sono pericolosi soprattutto perché diffondono le virosi, è importante quindi difendere l’orto combattendo questi pidocchi delle piante.

La raccolta delle zucchine e dei fiori

La raccolta del frutto. La zucchina è un frutto che si raccoglie acerbo, senza lasciarla ingrossare troppo. Maturando lo zucchino diventa amaro, mentre raccolto di piccole medie dimensioni è una verdura dal gusto migliore. Inoltre dopo aver prodotto tre o quattro frutti grandi la pianta smette di produrre, mentre se si colgono le zucchine tempestivamente continua a fare un frutto giornaliero per due mesi. Ogni pianta può tranquillamente fare una zucchina da 150 grammi al giorno, nell’orto famigliare bastano quindi due o tre piante coltivate bene a coprire il consumo della famiglia. La zucchina si raccoglie prendendo il frutto in mano e torcendo il picciolo delicatamente, se si usa un coltello occorre far attenzione a non trasmettere eventuali malattie della pianta. Attenzione sempre a non rompere le foglie, le ferite trasmettono virosi.

La produzione di una pianta di zucchine inizia a un mese dalla semina e può continuare fino al primo gelo, con l’abbassarsi delle temperature si riducono le dimensioni dei frutti e aumentano i tempi di crescita (se un frutto si sviluppa in un giorno a luglio ne servono due a settembre e anche 3 o 4 a ottobre).

La raccolta dei fiori di zucchina.I fiori della zucchina come quelli della zucca sono buonissimi, sia fritti in pastella che in diverse ricette di sughi e risotti. Si distinguono i fiori maschili da quelli femminili (i fiori maschili alla base dei petali hanno la corolla a forma di trombetta), mentre i fiori femminili sono più corti perché hanno il picciolo con l’ovario. Sono tutti commestibili a conviene lasciare i fiori femminili in modo che possano produrre il frutto e cogliere solo i maschi. La raccolta dei fiori di zucchino va fatta non al mattino, dopo che è avvenuta l’impollinazione altrimenti può pregiudicare la produzione di frutti.Alcune varietà di zucchina da coltivare

Esistono numerose varietà di zucchine, di forme, colori e sapori diversi, le piante si distinguono anche per essere più o meno precoci. Ecco alcuni ottimi cultivar di zucchine, ottimali per l’orto familiare:

  • Zucchino president. Classica zucchina dalla forma allungate, con buccia verde scuro, buona produzione, fortemente soggetta a oidio.
  • Zucchina tonda di toscana. Zucchino carnoso, ideale da fare cucinato ripieno.
  • Zucchino romano. Ottima varietà di dimensioni medie, zucchino allungato con striature sulla buccia e polpa molto dolce.
  • Crookneck. Zucchini dalla forma “a collo d’oca” con polpa gialla.
  • Zucchina trombetta o genovese. Frutto dalla particolare forma tubolare stretta e lunga con rigonfiamento all’estremità.

una zucchina




comprare sementi biologiche online

2017-07-13T13:56:16+00:00 Categorie: Ortaggi|Tag: , , , , |

66 Commenti

  1. Marta 20 marzo 2015 al 10:27 - Rispondi

    Grazie,

    Molto interessante questo approfondimento sulle zucchine.

  2. varusha 5 giugno 2015 al 7:00 - Rispondi

    Certo e la prima volta che semino le zucchine genovesi ma vedendo ci sono tanti fiori ma si possono raccogliere o e meglio aspettare il frutto

    • orticoltore 5 giugno 2015 al 8:42 - Rispondi

      Domanda molto interessante… I fiori si possono raccogliere, ma con criterio. Se si raccolgono tutti non si ottiene il frutto. Abbiamo scritto un post per spiegare meglio come e quando cogliere i fiori di zucchina. Complimenti per la scelta, le zucchine genovesi sono buonissime 🙂

  3. gianna 21 giugno 2015 al 19:31 - Rispondi

    Tra le mie zucchine ho avuto la fortuna di avere una pianta che produce zucchine gialle,chiamate anche zucchine banana,sono belle e buone,

  4. Di Prisco Luisa 11 luglio 2015 al 15:17 - Rispondi

    Volevo chiedere per quanto tempo una pianta di zucchine produce frutti. Le mie piante stanno già facendo le foglie gialle, stanno per esaurirsi?
    Grazie

    • orticoltore 29 luglio 2015 al 14:45 - Rispondi

      La pianta di zucchine dura a lungo, a luglio dovrebbe andare avanti. Se ingialliscono le foglie attenzione alle malattie o alla scarsa irrigazione, con questo caldo magari sono bruciate dal sole.

  5. riccardo 29 luglio 2015 al 18:16 - Rispondi

    vivo in toscana a 300 mt sul livello del mare. le mie zucche stanno per concludere la produzione.
    se ripiantate potrò avere una produzione per settembre? in questa zona non ho mai visto piante di zucca in quel periodo.
    grazie

    • orticoltore 30 luglio 2015 al 8:17 - Rispondi

      Domanda difficile (dipende da zona e varietà), siamo proprio al limite ed è un po’ tardi per seminare. Non c’è una regola generele, bisogna provare, non metteri una quantità eccessiva. Forse potresti riuscire meglio prendendo una piantina da trapiantare, scegli una varietà ben resistente al freddo però. Per l’autunno ci sono alcuni accorgimenti per non far prendere troppo freddo alla pianta (pacciamare con telo nero, coprire con mini serra).

  6. Forni Aldo Natalino 14 maggio 2016 al 20:42 - Rispondi

    E’ il mio primo approccio che rivolgo alla mia ricerca; non ho trovato però alcuna immagine che mi mostri la pacciamatura delle piantine di zucchine effettuata con telo non plastico. Riscontro nella presentazione del sito una buona e credo anche efficace e completa descrizione. GRAZIE.
    Aldo – anf 140516h2156

    • orticoltore 17 maggio 2016 al 8:53 - Rispondi

      Ciao Aldo, abbiamo parlato della pacciamatura e del telo biodegradabile, non specifico alle zucchine ma i consigli sono validi anche per loro, non abbiamo al momento materiale fotografico specifico.

  7. salvatore giunta 28 maggio 2016 al 17:38 - Rispondi

    interessante e facile da capire. grazie.

  8. Giovanni 1 giugno 2016 al 11:09 - Rispondi

    Quant’è la resa media di una pianta di zucchine?

    • orticoltore 5 giugno 2016 al 11:56 - Rispondi

      Dipende da varietà, clima e concimazione. Una pianta può fare anche una zucchina al giorno.

  9. baccichetto oriana 8 giugno 2016 al 9:10 - Rispondi

    molto interessante e ben spiegato, ne faccio uso spesso xchè sono un’ortolana provetta e i consigli non sono mai troppi, grazie del vostro sito

  10. Sergio 12 giugno 2016 al 7:59 - Rispondi

    Posso piantare le zucchine trombette in vaso !!!

    • orticoltore 14 giugno 2016 al 13:25 - Rispondi

      Sì, ma ci vuole un vaso bello grande e spazio.

  11. Arbus 6 luglio 2016 al 10:13 - Rispondi

    Ho messo le piante a metà maggio, crescono rigogliose e fanno fiori in continuazione (che non ho mai tolto ma cadono da soli) ma fino adesso nemmeno una zucchina. Esistono piante di zucchine dedicate solo alla produzione di fiori? Non vorrei aver sbagliato l’acquisto. Grazie

    • orticoltore 6 luglio 2016 al 10:17 - Rispondi

      Non esistono piante che fanno solo fiori, i fiori devono essere fecondati (hai bisogno di attirare api o insetti utili) in modo da avere i frutti. Se invece i fiori di zucchina cadono dopo poco ci può essere un problema di altro tipo (temperature sbagliate, carenza di acqua o di concimazione).

  12. Arbus 7 luglio 2016 al 7:40 - Rispondi

    I fiori cadono dopo 3/5 giorni, acqua e concime è ok, le foglie non presentano problemi….le piante sono molto belle a vedersi. Aspetterò….

    • orticoltore 7 luglio 2016 al 8:13 - Rispondi

      Se acqua e concime sono a posto può essere solo un problema di temperatura o di mancati agenti impollinatori. I fiori hanno maschio e femmina, prova a fecondarli manualmente tu con un pennellino.

    • vitalba 29 novembre 2016 al 17:51 - Rispondi

      io cerco di aiutare la natura ad impollinare i fiori femmine raccolgo il maschio taglio i petali lascio l’organo maschile scoperto e lo strofino dentro l’organo femminile

      • Matteo Cereda 30 novembre 2016 al 8:06 - Rispondi

        Ottima idea, anche se io di solito lascio fare il lavoro alle api 🙂

  13. Arbus 7 luglio 2016 al 9:09 - Rispondi

    Ok grazie.

  14. Barbara 10 luglio 2016 al 2:49 - Rispondi

    Tante zucchine, ma quando raggiungono i 5/6 cm ingialliscono e diventano molli. Solo 1 su 4 cresce bene.

    • orticoltore 10 luglio 2016 al 11:52 - Rispondi

      Le cause possono esser molteplici. Io suggerisco il prossimo anno di lavorare molto il terreno e assicurarsi che sia ben drenante. Inoltre prova a mettere un asse di legno sotto le zucchine piccole per staccarle dal terreno umido.

  15. italo 31 luglio 2016 al 15:05 - Rispondi

    Fantastico, sia come impostazione che delucidazioni. Argomenti ben sviluppati e trattati con semplicità e competenza

    • orticoltore 1 agosto 2016 al 8:45 - Rispondi

      troppo buono Italo. Grazie e buona coltivazione!

      • arbus 2 agosto 2016 al 18:14 - Rispondi

        non si possono allegare foto?

        • orticoltore 3 agosto 2016 al 10:07 - Rispondi

          Non nel format dei commenti. Puoi usare la nostra pagina facebook però.

          • arbus 3 agosto 2016 al 15:31

            come ti trovo su fb?

          • orticoltore 4 agosto 2016 al 8:26

            Siamo qui: Orto da Coltivare

  16. salvatore 2 agosto 2016 al 18:12 - Rispondi

    oggi ho piantato le zucchine MIKONOS, vi seguo e vi chiederò consigli.
    saluti.

    • orticoltore 3 agosto 2016 al 10:08 - Rispondi

      A tua disposizione volentieri, se la nostra esperienza di coltivatori biologici può servire.

  17. gabriella 9 agosto 2016 al 22:59 - Rispondi

    nella mia coltivazione delle zucchine ho trovato tutti i difetti elencati. piccole zucchine che diventano gialle e cadono. non sapevo avessero bisogno di molta acqua, però essendo il frutto molto polposo senz’altro è vero. adesso riprovo. grazie mille. Gabriella.

  18. Ferrante Giuseppe 21 agosto 2016 al 6:18 - Rispondi

    Ottimo articolo

  19. Silvano 30 agosto 2016 al 21:09 - Rispondi

    Tre anni fa ho piantato una pianta di Gogy nel mio giardino.In un primo momento si è sviluppata tantissimo e aveva germogli ovunque. A inizio estate le foglie sono diventate bianche. Presumo a causa dell’oidio. Prontamente ho spolverato la pianta con polvere zolfo ma non ho ottenuto nessun risultato. Ormai è da due anni che si ripete lo stesso evento e di bacche non se ne vedono. C’è qualche rimedio per combattere la malattia?

    • orticoltore 30 agosto 2016 al 22:02 - Rispondi

      Confermo che il goji è soggetto a oidio, i trattamenti con lo zolfo sono corretti. Vanno fatti trattamenti ripetuti (tipo 3 volte alla distanza di 6 giorni, evitando le ore calde). Le parti malate non guariscono comunque vanno rimosse.

  20. Daniele 10 febbraio 2017 al 20:22 - Rispondi

    Buongiorno, conoscereste all’incirca la resa al mq delle zucchine?

    • Matteo Cereda 13 febbraio 2017 al 14:49 - Rispondi

      Le rese nell’orto sono molto variabili a seconda di clima, terreno, varietà, concimazione, etc.etc. La letteratura agricola parla di 3-6 kg al metro quadro come resa delle zucchine coltivate. A mio parere questo dato è poco significativo, coltivando ci si può fare più semplicemente un’idea utile agli anni successivi.

      • IVANO 10 marzo 2017 al 18:03 - Rispondi

        buongiorno, desidererei per favore sapere se
        * a riguardo del telo pacciamatura si possa porre un telo in plastica che abbia una percentuale traforata ( tipo da recinzioni ), in modo da permettere la traspirazione e passaggio dell’acqua
        * nella tecnica ” alberello ” , da me positivamente attuata l’anno scorso , sia corretto sezionare le foglie inferiori mano a mano che la pianta cresce. alcune piante sono arrivate ad altezza di oltre 1 metro, per poi arrestarsi, non so se a causa delle infezioni causate dai tagli…..
        grazie

        • Matteo Cereda 14 marzo 2017 al 8:57 - Rispondi

          Ciao Ivano
          Il telo in plastica si può usare se molto traforato. Mi chiedo però perchè farlo. La plastica è un materiale chimico derivato dal petrolio, molto meglio utilizzare teli in materbi o paglia. La tecnica che citi è corretta, i tagli vanno fatti con una forbice adatta, in modo che siano il più possibile puliti. Le infezioni in genere si manifestano con marciumi o altre malattie, non semplicemente arrestando la crescita della pianta.

  21. Alberto 13 marzo 2017 al 17:58 - Rispondi

    Ho una piccola area dove ho allevato galline e in cui ho gettato rifiuti da cucina per un paio d’anni, ora vorrei piantaci zucchine. La concimazione sarà forse troppo forte? Grazie per l’eventuale consiglio.

    • Matteo Cereda 14 marzo 2017 al 8:54 - Rispondi

      Le zucchine amano una concimazione importante, anche se la pollina è un po’ acida. L’importante è che le deiezioni e gli scarti vegetali siano ben maturi, eventualmente lascia il terreno a riposo un anno.

  22. alessandra sala 24 marzo 2017 al 20:47 - Rispondi

    salve..oggi ho piantato piantine di zucchine.tra quanto inizierò a vedere i fiori?

    • Matteo Cereda 27 marzo 2017 al 7:38 - Rispondi

      Dipende da quanto son grandi le piantine, da che varietà hai piantato e dal clima.

  23. vittorio 4 aprile 2017 al 18:17 - Rispondi

    Vorrei capire qualcosa in più riguardo ai fiori di zucchine.
    Io raccolgo e cucino i fiori prodotti dalla pianta su uno stelo (che ritengo non
    diventerà mai un frutto, vale a dire uno zucchino).
    Mi sbaglio ?

    • Matteo Cereda 6 aprile 2017 al 7:26 - Rispondi

      Buongiorno Vittorio, le zucchine hanno fiore maschio e fiore femmina. Se raccogli i fiori maschi (non tutti e al momento giusto) potenzialmente tutti i fiori femmina potrebbero dar frutto. Se vuoi ti consiglio di leggere l’articolo dedicato alla raccolta dei fiori di zucca e zucchina.

  24. Emanuela 21 maggio 2017 al 5:14 - Rispondi

    Buongiorno, ho appena scoperto il vs. Sito e lo trovo veramente interessante per chi come noi ha un piccolo pezzetto di terreno e si cimenta nella coltivazione… ho un dilemma sugli zucchini: le nostre piante hanno appena iniziato a produrre qualche fiore e qualche piccolo zucchino, qualcuno dice che i primi frutti vanno tolti da piccolini in modo che in futuro poi si abbia una maggiore produzione…. È vero? Inoltre puoi spiegarmi meglio che teli si usano X la pacciamatura e dove li posso trovare? Si usa solo per le zucchine? Grazie X i consigli!

    • Matteo Cereda 22 maggio 2017 al 8:10 - Rispondi

      Ciao Emanuela. Per i frutti che io sappia non serve toglierli piccoli. E’ importante però non far ingrossare troppo la zucchina mai: finché la pianta non ha formato frutti con semi a termine è stimolata a continuare a produrre, quando produce una zucchina matura ha fatto il suo dovere e può riposarsi.
      Per la pacciamatura puoi usare della paglia, oppure i teli in materbi biodegradabile che trovi in commercio, si possono pacciamare praticamente tutte le coltivazioni, non solo le zucchine.

      • Emanuela 22 maggio 2017 al 9:20 - Rispondi

        Grazie mille per i preziosi consigli, saluti

  25. Mauro 4 giugno 2017 al 22:23 - Rispondi

    Ciao, ho in terrazzo (ben assolato) dei vasi 31X75 profondi 37 e vorrei piantare delle zucchine, non tanto per il frutto in se per se, ma per educare le mie due figlie, non so come dire ma vorrei si rendessero conto dell’importanza della terra e di che cosa e capace la natura. Facendo in modo che siano loro a collaborare alla riuscita di qualcoda che le può nutrire. Ok vado avanti, mi servirebbe sapere se è possibile una piccola coltivazione in questi vasi e se sì che tipo di terra devo acquistare.
    Grazie

    • Matteo Cereda 5 giugno 2017 al 8:14 - Rispondi

      Il vaso è piccolo per le zucchine, le piante nascono e crescono ma produrranno molto poco. Io in quei vasi ci metterei una lattuga o del basilico piuttosto che le zucchine. Come terra le zucchine vogliono un terreno molto ricco, puoi mischiare humus di lombrico e un buon terriccio normale.

  26. giady 6 giugno 2017 al 15:26 - Rispondi

    Ciao ho piantato uno zucchino verde tipo milano in vaso grande concimato con cornunghia. Siamo in Liguria. è cresciuto tanto ed è quasi sul punto di fare fiori..devo fare qualcos’altro?consigli? grazie

    • Matteo Cereda 7 giugno 2017 al 6:58 - Rispondi

      Può essere utile un rinforzo di concimazione, se vuoi. Ovviamente devi raccogliere i frutti 🙂

  27. marcy 10 giugno 2017 al 17:59 - Rispondi

    Ho un campo di zucchini ma non riesco a capire perché non mi da i frutti tutti omogenei nel senso cilindrico qualche pianta me lo da e altre me lo da a punta non riesco a vedere tanti fiori maschi

    • Matteo Cereda 12 giugno 2017 al 7:59 - Rispondi

      Dipende dalla varietà di zucchine seminate direi. Dove hai preso le sementi?

  28. Alessandro 26 giugno 2017 al 12:53 - Rispondi

    Ho seminato il seme della zucchina togliendo la parte della buccia e lasciando il seme intero è corretto?vorrei una risposta ciao grazie…

  29. Valentina 27 giugno 2017 al 14:56 - Rispondi

    Salve, volevo sapere un informazione. Le mie piante di zucchine stanno crescendo benissimo, il punto e che sta mattina nel raccogliere una zucchina ho spezzato il tronco principale della pianta -_-” una parte é ancora saldata e quindi ho cercato di tenerle unite con una fasciatura, sperando che si risaldi. Oggi pomeriggio andando a controllare, ho visto che le foglie della parte spezzata, sono tutte afflosciate, quindi, mi conviene eliminarlo del tutto aspettando che cacci delle ramificazioni? o continuo a lasciare le due parti uniti aspettando che si saldino?

  30. Stefania 2 luglio 2017 al 6:13 - Rispondi

    Buongiorno, ho piantato le zucchine stella volevo sapere come si fa a capire quando sono pronte grazie

    • Matteo Cereda 5 luglio 2017 al 9:14 - Rispondi

      Ciao Stefania, bisogna valutare la dimensione del frutto. Non farle diventare troppo grandi, mi raccomando!

  31. Emanuela 6 luglio 2017 al 9:13 - Rispondi

    Ho qualche piantina di zucchine a trombetta e sto notando un problema: i frutti nascono e si allungano, ma non tanto: a un certo punto si fermano e inizia a marcire la cima. E’ una malattia? O forse sono bagnate troppo? Ho rialzato i frutti per non averli a diretto contatto con il terreno. Grazie mille!

    • Matteo Cereda 6 luglio 2017 al 9:36 - Rispondi

      Difficile diagnosticare a distanza. Posso ipotizzare una carenza di calcio.

  32. Rossella 9 luglio 2017 al 13:56 - Rispondi

    Le mie piante di zucchine stanno benissimo e riproducono molti frutti. Il problema è che il fiore che sta sullo zucchino marcisce e facilmente e cade. Sapete dirmi da cosa dipende? Grazie.

    • Matteo Cereda 10 luglio 2017 al 8:26 - Rispondi

      Quando si forma il frutto il fiore ha svolto la sua funzione e deperisce, è normale che sia così.

Scrivi un commento