Come conservare le zucchine

zucchine conservateQuando le piante di zucchine cominciano a produrre sul serio chi coltiva l’orto viene sommerso dall’abbondanza del raccolto. Anche se gli zucchini vengono pronti abbastanza scaglionati nell’arco dei mesi estivi è frequente trovarsi con cassette piene di ortaggi in avanzo.

Vale la pena quindi provare a ricapitolare come conservare al meglio questo ortaggio, provando a dare qualche consiglio utile per mantenerlo più a lungo.

Il primo consiglio è forse banale ma certamente valido: quando si hanno molte zucchine dall’orto la miglior strategia è non doverle conservare troppo a lungo, ma cercare piuttosto di consumarle, cucinandole in modi sempre diversi per non stancarsi. Sono moltissime le ricette che si possono fare usando questa verdura: contorni semplici come zucchine trifolate o grigliate, oppure piatti più elaborati, dalla pasta con le zucchine alla parmigiana o alle zucchine ripiene.

Conservare gli zucchini dopo il raccolto

Dopo aver raccolto le zucchine e averle pulite a secco da eventuale presenza di terra si possono conservare per circa una settimana senza problemi. Le accortezze sono quelle basilari, valide in genere per le verdure: gli ortaggi vanno tenuti in luogo fresco, non troppo illuminato e facendo attenzione all’umidità. Le zucchine inoltre non vanno sbattute o sovrapposte troppo tra loro provocando schiacciamenti. Il frutto deve essere integro, se già danneggiato o tagliato a metà durerà pochi giorni.

Come contenitore per la conservazione va bene un sacchetto di carta oppure una cassetta della frutta forata, non vanno invece tenute in sacchetti di cellophane senza traspirazione.

Se le zucchine si mettono in frigorifero si prolunga la loro durata di qualche giorno.

Come congelare le zucchine

Le zucchine si possono congelare sia crude che cotte. Se si vogliono mettere in congelatore crude conviene lavarle e tagliarle a rondelle o tocchi prima del congelamento, in modo da occupare meno spazio in freezer e averle subito pronte da cucinare al bisogno.

Per congelare le zucchine si può decidere di mettere le rondelle prima sparse su un vassoio, in modo che non si attacchino tra loro. Una volta ghiacciate si potranno togliere dal vassoio e mettere tutte insieme in un sacchetto da freezer.

Lo stesso procedimento è perfetto per congelare zucchine grigliate e avere sempre disponibile questo ottimo contorno veloce da scongelare.

Conservare zucchine cotte

Dopo aver cotto le zucchine la durata dipende dalla ricetta utilizzata per prepararle, ma in ogni caso per esser sicuri di non farle andare male bisogna sempre consumarle prima di una settimana ed è tassativo tenerle in frigorifero. In genere le zucchine grigliate sono più durature di altre preparazioni, per via del minore contenuto di acqua.

Per la conservazione di ogni ricetta a base di zucchina conviene coprire con pellicola o carta d’alluminio e riporre in frigorifero al fresco. Se si vuole che le zucchine durino a lungo invece è valida l’alternativa di congelarle.

Idee per mantenerle a lungo

Esistono diversi metodi di conservazione che sono stati sviluppati nel passato, quando non c’era disponibilità di congelatori e frigoriferi, ma che restano ancora validi e utilizzati oggi. Il primo metodo prevede l’uso di sostanze conservanti, che possano preservare le verdure dall’aria: in genere le zucchine si mettono sottolio o sotto aceto. Il secondo metodo è l’essiccazione, che privando la verdura dell’acqua ne permette un più lungo mantenimento.

In barattolo: sottolio, sottaceto, agrodolce

La conservazione in barattolo è un buon metodo per far durare mesi i nostri ortaggi. Nel preparare questa conserva bisogna avere alcune accortezze, che si possono leggere nell’articolo su come fare conserve sicure. L’elemento cardine della preparazione è l’aceto, che con la sua acidità evita lo sviluppo di alcuni batteri, tra cui il botulino. Il liquido di conserva, che sia a base d’olio o aceto, ha invece il compito di coprire perfettamente la verdura evitando che entri a contatto con l’aria. I barattoli vengono poi pastorizzati formando un sottovuoto perché durino a lungo.

Le zucchine sottolio e le zucchine sottaceto sono un grande classico e si mangiano come ottimo antipasto tutto l’anno. Le zucchine in agrodolce sono un’altra gustosa variante alla classica conserva in barattolo, che sicuramente merita di esser provata.

Zucchine essiccate: chips e farina

Un altro metodo tradizionale per mantenere gli zucchini è l’essiccazione: si può effettuare in diversi modi. Il metodo più antico è essiccare al sole, ma è anche quello che fa perdere più qualità. Una discreta essiccazione domestica si ottiene con un forno ventilato, da tenere a bassa temperatura e con lo sportello socchiuso. Il miglior sistema è l’essiccatore, che controllando il flusso d’aria e la temperatura permette il miglior risultato qualitativo a bassi consumi di energia.

Se volete fare le zucchine essiccate dovete cominciare pulendole e tagliandole a fette sottili. Minore è lo spessore della fetta e più veloce sarà il processo di essiccazione. Gli zucchini secchi si mantengono per 3-4 mesi e si possono usare in vari modi.

Grazie all’essiccatore si possono fare ottime chips di zucchina, uno snack sfizioso e salutare da sgranocchiare fuori pasto o all’aperitivo, oppure si può triturare le zucchine secche fino a ottenere una sorta di farina, che viene utilissima in cucina, in particolare per zuppe e vellutate.

Questo articolo è stato utile?  Puoi lasciare un commento con un parere, consigli, domande o altro, un feedback fa sempre piacere.

Per restare in contatto puoi iscriverti alla newsletter o seguire Orto Da Coltivare su Instagrame e facebook.

2018-11-14T14:15:32+00:00Categorie: Conservazione delle verdure|Tag: , |

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.