Come piantare le zampe di asparagi

asparagi verdiGli asparagi sono una coltivazione poliennale, ossia che deve restare per qualche anno nella stessa parcella di orto, non devono quindi esser seminati ogni anno. Un’asparagiaia può produrre anche per 20 anni, se gli asparagi vengono coltivati con attenzione.

Ci sono due modi per fare l’impianto di un’asparagiaia: si può partire dai semi facendo sviluppare la piantina, oppure procurarsi dei rizomi da piante esistenti. Questi rizomi vengono chiamati “zampe” e rappresentano certamente il modo più semplice per introdurre questa coltura nel proprio orto.

Le zampe di asparago si possono prelevare da piante proprie o di conoscenti, ma si trovano anche in vendita nei vivai. Esistono diverse varietà di asparagi, la zampa impiantata determina quella che si avrà nell’orto. Siccome la zampa è un rizoma prelevato da una pianta mantiene l’esatto patrimonio genetico dell’asparago madre, quindi è un buon metodo di propagazione che preserva la varietà senza ibridazioni.

Quando mettere a dimora gli asparagi

Le zampe di asparago si mettono direttamente a dimora nell’orto, conviene farlo alla fine dell’inverno, purché non faccia troppo freddo, altrimenti si aspetta l’inizio della primavera. In genere quindi la piantagione dell’asparago avviene a febbraio nelle zone in cui il clima è molto mite, a marzo o aprile nel resto d’Italia.

In quale fase lunare mettere le zampe

Se si vuole seguire le fasi lunari l’impianto delle zampe degli asparagi deve esser fatto in fase lunare calante, momento a cui la tradizione assegna un influsso positivo allo sviluppo nel sottosuolo e aiuterebbe quindi il radicamento della zampa. Non ci sono prove di un effettivo influsso della luna sulle piante, anche se moltissimi contadini ancora oggi credono che sia importante effettuare semine e trapianti nella giusta fase lunare, se volete farlo anche voi potete leggere il calendario delle fasi lunari.

Preparazione del terreno

Le zampe di asparago richiedono un terreno sciolto, ben drenante e ricco di sostanza nutritiva. Visto che l’impianto dovrà durare diversi anni, anche 10 o 15, conviene prestare attenzione a preparare per bene il suolo, con vanga e zappa. Se il terreno non drena o tende a compattarsi è bene attuare due accortezze: mischiare sabbia di fiume per renderlo meno argilloso e coltivare a baulature rialzate per un maggior scolo dell’acqua eccessiva.

Come si mettono a dimora i rizomi

Dopo la lavorazione profonda si procede a scavare il solco d’impianto, che possiamo fare profondo circa 30/40 centimetri. Alla base di questa buca mettiamo un generoso strato di concime ben maturo, l’ideale è usare letame equino, ma anche quello bovino oppure compost possono andar bene. Il concime deve essere a lenta cessione, visto che servirà non solo per il primo anno, meglio evitare quindi sostanze facilmente dilavabili come lo stallatico pellettato. Dopo aver concimato si mette un leggero strato di terra e si crea il letto dove mettere le zampe, che devono stare a circa 15/20 cm di profondità.

Le zampe devono essere disposte sdraiandole appoggiate all’interno del solco. Bisogna curare che non ci siano parti lesionate o marciumi nelle zampe che si mettono a dimora, nel caso possono essere potate con delle cesoie. Appoggiando le radici vanno tenute aperte il più possibile, in modo che l’asparago possa da subito radicarsi al meglio.

Dopo aver messo le zampe si chiude il solco e si rastrella per livellare il terreno.

Distanze d’impianto nell’asparagiaia

Gli asparagi sono piante abbastanza esigenti, quindi vogliono uno spazio discreto tra una pianta e l’altra, per questo è importante mantenere almeno 35 cm tra le piante e un metro tra una fila e l’altra.

Lettura consigliata: la coltivazione degli asparagi

Articolo di Matteo Cereda

Hai trovato questo articolo utile? Lascia un commento.

Se vuoi restare aggiornato puoi iscriverti alla newsletter di Orto Da Coltivare o cercarlo su Facebook e Instagram.

2019-01-17T09:39:16+00:00Marzo 12th, 2018|Categorie: Semina|Tag: , , , , |

3 Comments

  1. Domenico 18 Aprile 2018 al 21:15 - Rispondi

    Ho trovato l’articolo chiaro e completo; ora mi accingo a preparare il terreno e disporre le zampe (60) che ho acquistato in confezione da 10 da L’ORTOLANO. Avrò successo? Tra un anno la sentenza.

    • Matteo Cereda 19 Aprile 2018 al 11:29 - Rispondi

      In bocca al lupo!

  2. Franz 14 Maggio 2018 al 19:15 - Rispondi

    argomento esaustivo

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.