Coltivare il girasole: un fiore nell’orto

fiore eliotropico del girasoleIl girasole è una pianta straordinaria: che sia nell’orto, in vaso o in giardino è impossibile non notare il suo splendido fiore, che spicca per il colore giallo intenso, per la dimensione e per l’altezza dello stelo. Questo fiore può essere piantato come ornamentale, il suo portamento importante lo rende poco adatto a giardini ordinati dove tutto vuol essere preciso, ma in contesti più rustici il giallo del girasole rallegra le aiuole estive ed è ideale per l’orto giardino.

Se volete far crescere in vaso una bella pianta di girasole per rallegrare il terrazzo è possibile scegliere una varietà nana, più consona agli spazi del balcone.

Si può anche coltivare nell’orto per finalità alimentari visto che i semi di girasole sono un gustoso e nutriente snack, all’agricoltura professionale invece interessano per la produzione dell’olio di semi.




Il suo nome scientifico è Helianthus annuus, uno strettissimo parente del girasole è il topinambur (Helianthus tuberosus) e si tratta di una coltura annuale. Sembra incredibile ma i girasoli appartengono alla stessa famiglia della lattuga, le piante composite o asteraceae.

La pianta del girasole comune si sviluppa molto in altezza, supera i due metri e in casi particolari può arrivare fino a quattro metri. La caratteristica più famosa di questo fiore è l’eliotropismo, ovvero la capacità di orientarsi sempre in direzione del sole.

Clima e terreno adatti

Clima. I girasoli non temono particolarmente il caldo: sono fiori estivi che vivono bene in piena esposizione solare. Sopporta senza danno brevi periodi di aridità, ma teme l’eccessiva umidità: i ristagni provocano marciumi radicali letali alla pianta.

Terreno. La terra dove coltivare il girasole deve essere drenante, preferibilmente ricca di sostanza organica, per questo è utile una concimazione prima dell’impianto, con letame maturo o stallatico.

La semina del girasole

Periodo di semina. Il girasole viene seminato generalmente a partire dalla fine di marzo e per tutto il mese di aprile, essendo un seme di buona dimensione si può metterlo direttamente in campo.

Semina in vaschetta. Se si preferisce piantare il girasole in semenzaio si può fare, col vantaggio di poter seminare qualche settimana prima, una sola accortezza: la pianta del girasole forma grandi radici fittonanti, non bisogna quindi aspettare troppo tempo a trapiantare, perché in vasetto soffrirebbe.

Sesto di impianto. Le piante di girasole si mettono a 15/20 cm l’una dall’altra, tra le file conviene lasciare 60 cm.

Acquista semi di girasole bio

 

Operazioni colturali

Rincalzo o sostegno. Il girasole si sviluppa in verticale, può essere danneggiato dal vento che ha facile presa sulla grande dimensione del fiore. Per questo è utile aiutare la pianta con un sostegno, basta un paletto o una canna di bambù. Si può anche rincalzare un poco la base della pianta.

Diserbo. Nel coltivare il girasole è utile controllare che la piantina non venga soffocata dalle erbacce, le infestanti comunque non creano grossi problemi a questo fiore perché ha una crescita molto rapida e viste le dimensioni che raggiunge compete efficacemente con le malerbe. La pacciamatura è una pratica utile al girasole ed evita questo tipo di lavoro.

Irrigazione. Per coltivare con successo il girasole è bene innaffiarlo con regolarità senza mai esagerare, lasciando che tra una irrigazione e l’altra il terreno asciughi. Non bisogna dimenticare che il girasole teme gli eccessi di acqua.

Coltivazione in vaso. Coltivare il girasole in vaso è possibile, basta avere un balcone con una buona esposizione solare dove tenere questa pianta. Siccome l’apparato radicale è proporzionato all’altezza del fusto per un girasole normale ci vorrebbe un contenitore enorme. Esistono varietà nane che raggiungono i 30 cm di altezza e sono più indicate per la coltivazione da terrazzo. Alla base del vaso occorre mettere ghiaia o argilla espansa, per garantire il drenaggio di eventuali innaffiature in eccesso. Il girasole in vaso deve essere irrigato regolarmente, senza esagerare con le quantità d’acqua apportate.

campo di girasoli

Raccolta e utilizzo dei semi

Raccolta. Per utilizzare i semi di girasole bisogna aspettare la completa formazione del fiore, lasciando che la corolla secchi. Ogni fiore contiene un gran numero di semi.

Utilizzo dei semi. I semi di girasole si possono ovviamente riutilizzare nell’orto per piantare altri girasoli. Inoltre hanno grande uso nell’alimentazione animale. Se vi piacciono potete sgranocchiarli come snack sano, metterli nelle insalate oppure usarli in panificazione.

Autoprodurre l’olio di semi: esistono in commercio dei modelli di frantoio domestico che permettono di produrre l’olio a partire dai semi, ad esempio Frantoil. Potete farlo con ottimi risultati anche con i semi di girasole.




comprare sementi biologiche online

Scrivi un commento