rami del ficoIl fico è una delle piante da frutto più frequenti da trovare allo stato selvatico in virtù della sua grande adattabilità al clima mediterraneo, alla siccità e ai terreni poveri, per questo se ne vedono spesso esemplari isolati lasciati liberi di svilupparsi in modo del tutto naturale.

Questo non è sbagliato di per sé, ma se il fico viene appositamente coltivato in giardino o nel frutteto con l’obiettivo di ottenere produzioni soddisfacenti, qualche intervento di potatura è necessario, anche nella conduzione biologica. Vediamo quindi come e quando intervenire per potare questa specie dai frutti dolci e gustosi sia nella coltivazione professionale sia in quella privata.

Gli scopi della potatura del fico essenzialmente sono tre, che elenchiamo qui di seguito.

  • Le dimensioni. Mantenere la pianta ad una certa altezza, tale da consentire la raccolta da terra, senza che ci sia bisogno di una scala.
  • La produttività. Una produzione equilibrata e costante.
  • La sicurezza. Il legno del fico non è resistente come quello di altri alberi e con i venti forti può scosciarsi ed arrecare danni, soprattutto se si trova in prossimità di una strada o vicino all’abitazione, quindi in certi casi si interviene tagliando rami particolarmente a rischio.

I principali interventi di potatura che si realizzano per il fico, come per molte altre piante del frutteto, sono di due tipi: la potatura di allevamento, che è volta a impostare la forma della pianta nei suoi primi anni, e la potatura di produzione, che sono gli interventi periodici che vengono effettuati durante tutta la vita utile dell’albero.

Potatura di allevamento

La potatura di allevamento, lo ricordiamo, è quella che si esegue nei primi anni dalla messa a dimora della pianta e ha lo scopo di indirizzarla verso la forma voluta. Nel caso del fico, le piante vengono lasciate crescere abbastanza libere ma sempre con qualche criterio. In genere si tengono gli alberi dei fichi a vaso globoso oppure a cespuglio.

Vaso – globo

Nel fico allevato a vaso globoso notiamo un fusto piuttosto basso con le branche principali, che si aprono più o meno equidistanti, in una situazione analoga a quella che si trova nelle altre specie da frutto. L’interno della chioma in questo caso è ben illuminato e la pianta è espansa soprattutto in orizzontale. Alla messa a dimora, l’astone del fico viene cimato a circa 50 cm, in modo da stimolare l’emissione dei germogli, tra cui verranno scelte le future 3 o 4 branche.

Cespuglio

Il fico può anche essere allevato a cespuglio. In questo caso, nella primavera successiva alla messa a dimora, che di solito avviene tramite talea radicata provvista di 3 rami, si accorciano questi ultimi a circa 30 cm, in modo da farli tutti ramificare. Nella primavera dell’anno dopo bisognerà potare tutti questi nuovi germogli a un terzo della loro lunghezza, e questo consente un ricaccio vegetativo e nuove ramificazioni del cespuglio. Anche nell’anno successivo verranno eseguite queste spuntature sui rami del fico, mentre i polloni nati nel frattempo dalla base verranno eliminati con tagli radenti.

Potatura di produzione

Il fico è una specie che non richiede interventi energici di potatura. L’importante, nell’approcciarsi ad una pianta da potare, è osservarla esternamente per intera ed iniziare a valutare se e dove intervenire, perché in certi anni ci si può limitare anche solo all’eliminazione dei rami secchi e di quelli malati, mentre in altri è utile eliminare anche qualche ramo che risulta troppo in concorrenza con altri.

In linea di massima il taglio migliore per il fico è il taglio di ritorno, con il quale si recide un ramo proprio al di sopra di una ramificazione laterale, deviando quindi la crescita verso il laterale, che è più giovane.

Gli obiettivi che si perseguono con i tagli sono:

  • Il rinnovo delle formazioni fruttifere. In questo senso conviene sempre togliere i rametti fruttiferi piccoli inseriti direttamente sulle branche grandi e nelle parti interne della chioma.
  • Arieggiare le chiome, sfoltendo e scegliendo tra più rami vicini e tendenti ad incrociarsi.
  • Togliere polloni, succhioni e branche molto assurgenti. I rami verticali non concorrono alla produzione, perché hanno molto vigore vegetativo: dentro di loro la linfa scorre molto più velocemente rispetto ai rami curvi e orizzontali, ovvero quelli meglio adatti alla fruttificazione. Polloni cresciuti dalla base e succhioni nati da una branca sono molto forti e tolgono nutrimento alle altre parti di pianta. Tuttavia, quando bisogna sostituire una branca vecchia o che si è rotta col vento, è possibile scegliere proprio un succhione allo scopo.

Accortezze utili nella potatura

Qualche consiglio utile, da tenere potando il fico e altre piante del frutteto.

  • Bisogna sempre fare dei tagli radenti ed evitare di tagliare rami lasciando dei monconi lunghi: sui monconi possono essere presenti gemme che poi germogliano con un ricaccio vegetativo indesiderato.
  • Evitare le spuntature, preferendo sempre i tagli di interi rami, scegliendo accuratamente quali togliere e quali lasciare.
  • I tagli devono essere netti e non sfibrati per non rovinare il ramo, e devono essere inclinati per evitare che si formino ristagni di acqua sopra il taglio.
  • Gli strumenti per la potatura, che vanno dalle semplici cesoie per il taglio dei rami sottili, fino a seghetti e tranciarami, devono essere di buona qualità e vanno mantenuti bene, affilati e puliti, possibilmente disinfettati con una certa regolarità.

Il legno di fico non ha grande valore come legna da ardere, perché è tenero e genera poche calorie in termini di combustione, e inoltre in certi casi bruciandolo nel camino genera molto fumo. In alternativa lo si può biotriturare e mettere poi nel compost tutto questo materiale sminuzzato.

Quando potare il fico

Il momento ideale per la potatura invernale del fico è la fine dell’inverno, dopo il periodo delle gelate, ma anche in altri momenti dell’anno è utile intervenire con qualche operazione.

Per esempio, se si vogliono togliere i polloni con l’obiettivo di riutilizzarli per fare delle talee, il momento più indicato è settembre-ottobre, e data l’elevata attitudine pollonifera del fico, fare le talee è un ottimo modo per propagarlo rapidamente. In estate si può fare la “scacchiatura”, ovvero l’asportazione dei germogli superflui in concorrenza con quelli che si intendono lasciar crescere.

Articolo di Sara Petrucci

Ti è servito questo articolo? Lascia un commento. Sono bene accette critiche, opinioni e domande o racconti dal tuo frutteto.

Per restare in contatto puoi iscriverti alla newsletter o seguire la pagina facebook e il profilo Instagram.