5 buoni motivi per amare i lombrichi

il lombricoIl lombrico è uno dei migliori amici dell’orto, insuperabile aiutante dell’agricoltore biologico nel fertilizzare in modo naturale il terreno. Vediamo le caratteristiche che rendono questi vermi davvero preziosi per le nostre coltivazioni:

  1. E’ ecologico. Il lombrico si nutre di letame, scarti di orto, giardino e cucina. Il lombricompostaggio è il sistema più semplice di recuperare la frazione organica dei rifiuti, consente la trasformazione ecologica di qualunque tipo di materiale biodegradabile (le foglie, i residui di potatura cippati, gli scarti agroalimentari ma anche fanghi di depurazione e letami).
  2. E’ economico. Fare lombricoltura ha un bassissimo costo e servono pochi attrezzi, con qualche metro quadro di terra, una forca, un badile e una carriola si può iniziare a prodursi l’humus in proprio.
  3. E’ autosufficiente. I lombrichi resistono al caldo e al freddo, stanno bene all’aperto e non richiedono strutture. L’unica cura è di alimentarli tre volte al mese con scarti vegetali o letame.
  4. E’ nutriente. I lombrichi hanno il 70% di proteine e sono impiegabili anche nell’alimentazione degli animali, ottimi ad esempio per svezzare pulcini, pesci, tartarughe, uccelli e altri animali da compagnia, sono inoltre ricercati come esche da pesca.
  5. E’ fertile. La vermicomposta prodotta dai lombrichi è un prezioso concime organico, meglio conosciuto come humus, insuperabile per fertilizzare il terreno dell’orto biologico, per fare le piantine nei semenzai e per far da terriccio alle piante in vaso da coltivare sul balcone.

Per questi motivi un ottimo consiglio è quello di interessarvi alla lombricoltura, che sia per hobby, autoproducendo il concime che serve all’orto, oppure per lavoro, trovando una nuova e sorprendente fonte di reddito. Potete approfondire il discorso sull’allevamento di lombrichi leggendo questo articolo sulla lombricoltura, realizzato in collaborazione con Lombricoltura Compagnoni.

riga verde dei consigli

2017-05-30T09:23:54+00:00 Categorie: Lombricoltura|Tag: , , , , |

Scrivi un commento