I lavori nell’orto ad ottobre

lavorare nell'orto ad ottobreOttobre, eccoci arrivati all’autunno vero e proprio, finalmente un po’ di fresco, forse troppo. Nell’orto vari lavori sono da fare, tra ultime raccolte di ortaggi estivi ritardatari, preparazione del terreno, semine autunnali e copertura dal gelo.

Le semine di ottobre. Anche a ottobre nell’orto c’è un certo lavoro legato alle semine. Si mettono a dimora gli spicchi di aglio e i bulbilli delle cipolle invernale, si seminano colture a ciclo breve come valerianella, spinaci, lattuga, ravanelli, rucola, che raccoglieremo prima delle gelate e a fine mese si mettono piselli e fave che non temono l’inverno. Per approfondire si veda l’articolo dedicato alle semine di ottobre.

Coperture per il freddo. Se arrivano le gelate meglio coprire le piantine con tessuto non tessuto, in certi casi conviene farlo almeno durante la notte. Utile anche il lavoro di pacciamatura, specialmente con telo nero (meglio se biodegradabile o almeno riutilizzabile) che cattura i raggi solari e scalda di più. Se volete fare le cose in grande approntate una serra che presto servirà ad allungare i raccolti, oppure usate mini tunnell.

Compostaggio e concimazione. Fare il compost è un lavoro molto utile, per poter disporre di concime gratuito e naturale con cui arricchire il terreno dell’orto (avete mai pensato a farlo coi lombrichi?). Ottobre e novembre sono dei mesi perfetti per lavorare il terreno interrando compost, humus o letame nella parte superficiale in modo che durante l’inverno maturi al meglio e gli elementi nutritivi siano pronti per le piante in primavera.

Cosa raccogliere. Abbiamo gli ultimi pomodori, zucchine, peperoni, melanzane e peperoncini, che stanno finendo di maturare… Ce la faranno? Dipende dal tempo, se manca sole e fa freschino tocca raccoglierli un po’ acerbi. Prendiamo anche tutto il basilico prima che sia troppo tardi. Carote, rapanelli. rucole, coste, lattughe da taglio e altre insalate potrebbero esser pronte e ottobre è anche un gran mese per la raccolta della zucca.

L’orto sul balcone. Per chi coltiva sul balcone si può pensare a una copertura (teli o mini serre), soprattutto per chi vive al nord dove le temperature sono un po’ più basse.




2 Commenti

  1. Rocco Guerriero 17 settembre 2016 al 8:35 - Rispondi

    Complimenti per l’impegno e la passione.

  2. Luigi 16 ottobre 2016 al 16:37 - Rispondi

    Un portento quando la tecnologia web aiuta un principiante. Grazie

Scrivi un commento