Prevenire la mosca del porro

i danni della mosca del porroLa Napomyza Gymnostoma, meglio conosciuta dal contadino come mosca del porro, è un insetto fastidioso perché va a depositare le sue uova all’interno delle piante di porri. Una volta nate le larve da dentro scavano gallerie che distruggono il porro, rovinando completamente il raccolto.

Gli insetti che colpiscono i porri sono diversi, ma senza dubbio questo è uno dei parassiti peggiori, per cui è bene imparare a distinguerlo, conoscere le abitudini e sapere come prevenirlo e contrastarlo con metodi naturali, adatti ad una coltivazione biologica.

Siccome la larva di questo insetto va a bucare la pianta scavandola il parassita viene chiamata anche mosca minatrice del porro.

Danni della mosca. Se trovate i porri spaccati e con all’interno le larve di questo dittero è ormai troppo tardi per intervenire: la mosca minatrice ha già fatto i suoi danni e quel che resta da fare è rimuovere gli ortaggi colpiti per eliminare i parassiti dal nostro orto.

Insetticidi biologici

La mosca si può uccidere con insetticidi bio, contro la Napomyza Gymnostoma si possono usare piretro, spinosad o olio di neem. Il problema è che se le larve sono dentro alla pianta è difficile colpire l’insetto e il trattamento risulta inefficace, gli insetticidi invece sono un buon sistema per abbattere il dittero adulto prima che vada a deporre le uova.

Prevenire gli attacchi dell’insetto

La mosca del porro può essere però efficacemente prevenuta conoscendo le sue abitudini: questi insetti si riproducono in diverse generazioni, solo alcune sono alate in modo da potersi spostare e il loro periodo di volo riproduttivo è tra settembre e ottobre. Possiamo quindi coprire la coltivazione di porri con tessuto non tessuto in questi mesi in modo da impedire alla mosca minatrice di deporre le uova e risolvere il problema in modo semplice e naturale, senza alcun trattamento. Per chi coltiva il porro in primavera è buona norma coprire anche tra marzo e aprile.

Articolo di Matteo Cereda

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento. Per restare in contatto puoi iscriverti alla newsletter o seguire la pagina Instagram e Facebook.

2019-01-11T11:12:43+02:00

2 Comments

  1. Mario Brignone 7 Novembre 2015 al 17:10

    Ho trovato un vostro contributo molto interessante. Grazie

  2. vang oh 19 Agosto 2016 al 8:06

    Ho raggruppato i porri in uno spazio ristretto. Verso la fine di agosto dispongo sopra una armatura tipo serrettina la rete anti-insetto, alias zanzariera. Il tessuto non tessuto non è sicuro. Alla fine di ottobre tolgo la protezione e trapianto i porri. In alternativa si potrebbe disporre la rete anti-insetto su tutta la piantagione, senza il trapianto: ma ce ne vuole troppa.

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.