Le cimici sono diventate un vero problema per l’orto e per il frutteto. Già avevamo le nostrane cimici verdi a punzecchiare i nostri poveri ortaggi, recentemente abbiamo importato un’altra specie ancora più nociva, la cimice asiatica, che ha trovato nel nostro clima un habitat naturale.

Le piante di pomodoro sono un bersaglio particolarmente gradito a questo parassita, che con l’arrivo dell’estate cala a flagellare i nostri poveri orti. Colgo quindi l’occasione della domanda di Giorgio per parlare di come difendere il pomodoro dalle cimici con metodi bio.

cimice verde sui pomodori

Anche quest’anno, puntuali con la maturazione dei primi pomodori, sono arrivare le antipatiche e odiose cimici. Poiché lo scorso anno avevo provato macerati vari per cacciarle, senza alcun risultato, vorrei passare a qualcosa di più consistente purché ammesso per agricoltura biologica. Dal vivaio dove acquisto le piantine mi consigliano il Piretro. Che ne pensate?

P.S.: due volte al giorno passo per la raccolta delle antipatiche ma queste tornano e lavorano anche di notte. Grazie.

(Giorgio)

Ciao Giorgio

La tua domanda è certamente molto attuale, visto che la minaccia portata dalle cimici è nettamente aumentata negli ultimi anni, in particolare per via dell’arrivo della cimice asiatica, che si è aggiunta alla cimice verde autoctona.

Purtroppo si tratta di insetti molto resistenti, capaci di sviluppare tolleranza ai principali pesticidi e di continuare indisturbate a danneggiare i nostri frutti.

I pomodori sono senza dubbio la pianta da orto più colpita da questo insetto, insieme ai cavoli, che però vengono vessati da una particolare specie di cimice, quella rossa e nera (detta appunto cimice dei cavoli).

La cimice sui pomodori porta danno andando a pungere foglie e soprattutto frutti, questo oltre a rovinare pianta e raccolto può anche contribuire a trasmettere malattie. Purtroppo non è per nulla semplice liberarsi da questi fastidiosi insetti, che sono in grado di riprodursi rapidamente e anche di “reagire” agli insetticidi, adattandosi e diventando resistenti ai vari prodotti.

cimice pomodoro

Difendere i pomodori dalle cimici

Proverò a elencarti alcuni rimedi possibili contro le cimici, sempre nel rispetto di una coltivazione biologica, in modo da poter ottenere pomodori sani.

Macerati repellenti

Rispetto a quello che racconti nella tua esperienza ti sei comportato correttamente: il primo passaggio utile per difendere i pomodori dalle cimici è provare a dissuaderle con macerati naturali, gratuiti e non tossici. Ti consiglierei di farlo con aglio e peperoncino. Questo però non sempre funziona, anche perché basta una pioggia o qualche giorno di tempo per rendere nullo l’effetto repellente del macerato. Ad ogni modo il macerato d’aglio e peperoncino piccante è utile per allontanare vari insetti, ad esempio gli afidi, quindi anche se sulle cimici è un rimedio blando vale comunque la pena di trattare le piante di pomodoro periodicamente.

Eliminazione manuale

Il secondo passaggio nel piccolo orto biologico è l’eliminazione manuale degli insetti. Se si coltivano solo poche piante di pomodori è un lavoro fattibile e ha efficacia. Anche qui tu ci hai già lavorato e hai fatto bene. Sottolineo che questa tecnica è più efficace quando si riesce ad attuarla a inizio stagione, quindi già a partire dalla primavera, sorprendendo l’insetto in stadio giovanile (neanide).

Col passare del tempo le cimici si riproducono sempre di più e quando prendono piede diventano un problema difficile da risolvere. Capita anche di trovare uova di cimice sulle foglie, ovviamente bisogna distruggerle.

neanide di cimice verde

Trattamenti insetticidi

L’insetticida che ti hanno consigliato, il piretro, può uccidere le cimici ed è consentito in agricoltura biologica, quindi può essere un valido aiuto alle nostre piante di pomodoro.

Tieni conto però che è un prodotto non privo di tossicità, per questo ti consiglio di usarlo con moderazione, leggendo le precauzioni sulla confezione e rispettando dosaggi e tempi di carenza consigliati. In secondo luogo al momento dell’acquisto verifica che di acquistare un prodotto più naturale possibile, quanto meno che sia consentito in agricoltura biologica: il piretro è una sostanza “di moda” e molte aziende chimiche la utilizzano in insetticidi che spesso hanno ben poco di ecologico. Terza avvertenza: il piretro può uccidere le api: occorre grande attenzione a usarlo, in particolare se le piante del tuo orto stanno fiorendo.

Quindi io ti consiglio il piretro, ma con riserva. D’altra parte non ci sono molti altri metodi possibili che siano compatibili con la coltivazione biologica in piccola scala di pomodori.

Come alternativa al piretro potresti impiegare anche l’olio di neem e il sapone molle di potassio. Combinando queste due sostanze in soluzione con l’acqua ottieni un buon trattamento anti cimice, meno tossico rispetto al piretro. Ti consiglio di provare.

Il caolino

Una protezione meccanica che risulta utile a scoraggiare le cimici è il trattamento con caolino. Questa polvere di roccia disciolta in acqua e nebulizzata sui frutti in maturazione crea una patina sgradita che può limitare le punture di cimici ai pomodori. Il caolino è molto utile sotto vari aspetti, come approfondito nel post sulle farine di roccia.

Feromoni e antagonisti

Tra i metodi naturali efficaci per uccidere le cimici ci sono le trappole a feromoni e l’uso di un antagonista naturale che uccide le uova di cimice (l’imenottero  Ooencyrtus telenomicida) ma sono metodi che hanno un costo iniziale alto e possono essere ammortizzati solo da chi coltiva molte piante.

Come antagonista si sta valutando anche se introdurre negli ecosistemi vessati dalle cimici asiatiche la vespa samurai (Trissolcus japonicus), insetto in grado di parassitare le uova di cimice contenendone in modo importante la diffusione, potrebbero essere una risorsa salvifica per i nostri pomodori.

Approfondimenti utili

Su Orto Da Coltivare abbiamo già parlato di parassiti del pomodoro e di cimici, ecco qualche utile lettura:

Risposta di Matteo Cereda

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento. Per restare in contatto puoi iscriverti alla newsletter o seguire la pagina Facebook e Insagram.